home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura. In Artonweb l'articolo più letto: L'automobile, mito futurista.
  FOCUS ON  
Libri
Donald Thompson , “Lo squalo da 12 milioni di dollari. La bizzarra e sorprendente economia dell'arte contemporanea”, marketing, brand, psicologia, economia ma anche arte e aneddoti su artisti, galleristi e collezionisti.
Musei
Parigi, Fluctuart, primo museo galleggiante di arte urbana al mondo, ancorato nel porto del quartiere di Gros Caillou, ai piedi del Pont des Invalides.

Concorsi
Pachino (SR), concorso per la progettazione a Noto della sede della Banca di Credito Cooperativo. Consegnail 20 gennaio 2020.

Premi
Assegnato all’architetto giapponese Arata Isozaki il Premio Pritzker 2019.

In Italia
A Roma, nel Chiostro del Bramante, la mostra "Bacon, Freud, la Scuola di Londra".
Fino al 23 febbraio 2020.

All'estero
Londra, alla National Gallery "The Credit Suisse Exhibition: Gauguin Portraits", retrospettiva sulla ritrattistica di Gauguin. Fino al 26 gennaio 2020.

  CERCA NEL SITO  

"Il ragazzo con la pipa" battuto a cifra record
di Vilma Torselli
pubblicato il 18/06/2007
Battuto all'asta da Sotheby's un mediocre dipinto giovanile di Picasso per la cifra più alta mai raggiunta da un'opera moderna, 104 milioni di dollari.
"Abbiamo fatto una spanciata di fast art e di fast food. Abbiamo bisogno d'arte più lenta, arte che regga il tempo come un vaso regge l'acqua."
Sono le riflessioni conclusive di Robert Hughes durante un convegno sulla condizione dell'arte oggi, tenutosi a Londra nel 2004, con la partecipazione di 300 tra artisti, architetti ed operatori del settore presso la Royal Academy, da 235 anni emblematica roccaforte della tradizione e spesso criticata perchè ritenuta paladina di una passatista retroguradia culturale: giudizio non sempre veritiero, se pensiamo che proprio lì Charles Saatchi ha allestito nel '97 la sua dissacrante 'Sensation', dando il via alla Young British Art , uno dei più discutibili filoni dell'arte visiva inglese contemporanea.

Hughes, australiano trapiantato negli USA, è un brillante critico d'arte dai giudizi ironici e taglienti, autore fra l'altro di un recente testo, "La cultura del piagnisteo", in cui la critica all'arte contemporanea è impietosa, chiara, feroce e premeditata, discendendo da un'analisi acuta non solo artistica, ma anche sociologica e di costume di una società che tende paradossalmente a priviligiare i perdenti, con una aprioristica presa di posizione contro l'elitarismo e contro ogni valutazione di merito, nel nome di "una lacrimosa avversione all'eccellenza".

La spettacolarizzazione della cultura, l'esasperazione dei valori avanguardisti spesso usati come espediente per contrabbandare come arte qualsiasi cosa, indiscriminatamente, giocando sull'ambiguità del concettualismo moderno, l'isteria di un mercato manovrato da ricchi sponsor ed inquinato da manovre commerciali e fiscali che incoraggiano acquisti a cifre esorbitanti ed assolutamente incongrue in operazioni da Hughes definite "un'oscenità culturale", tutto ciò trasforma l'arte di oggi in un effimero fenomeno di costume in cui le reputazioni durano un giorno e le opere sono fugaci espressioni della moda e delle manovre più o meno occulte di danarosi collezionisti-manager: ciò appare evidente, ribadisce Hughes, soprattutto nel mercato americano (non dimentichiamo che l'America è la patria della Pop Art, per eccellenza una forma d'arte a forte componente commerciale).

Lo spunto per la polemica conferenza di Hughes è stato offerto dalla vendita effettuata nel giugno del 2004 da Sotheby's, un vero record della vendita di quadri all'asta, di un Picasso del periodo rosa datato 1905, "Il ragazzo con la pipa", opera giovanile di 99,7 x 81,3 cm. che l'artista dipinse a 24 anni subito dopo l'arrivo a Montmatre, per 104 milioni di dollari.
E se vogliamo parlare di altre cifre da capogiro sempre riferite alla compravendita di opere d'arte moderna, non possiamo non citare un De Chirico del periodo metafisico, "Il grande metafisico" (1917) venduto per più di 7 milioni di dollari ed una installazione di Cattelan, "La battaglia di Trotsky", del 1996, aggiudicata per più di 2 milioni di dollari.

Davanti a queste sconcertanti cifre, oltretutto sperperate per l'acquisto di opere di scarso valore artistico, non resta che dire "ben vengano uno, cento, mille Robert Hughes", che ci aiutino a capire e a difenderci dalle devianze di un sistema nel quale, come aggiuge Hughes, c'è certamente del marcio.


DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 







RIFLETTORI SU...

Georg Baselitz
"The gleaner"





 

 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.