home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura.
L'articolo più letto in Artonweb:"Yves Klein, "Monocrome IKB 79".
  FOCUS ON  
Libri
"L'arte nel cesso: Da Duchamp a Cattelan, ascesa e declino dell'arte contemporanea" di Francesco Bonami: dopo “Lo potevo fare anch'io“, Bonami ci ripensa, a 100 anni dall’orinatoio di Duchamp, l'arte contemporanea è giunta al capolinea.
Musei
Parigi, nuovo museo dedicato a Alberto Giacometti, 350 sculture, 90 dipinti, 2000 disegni, la ricostruzione del suo atelier, mostre temporanee e retrospettive.

Concorsi
"Home Revolution Prize", concorso per arti visive e design, tema "Come Back Home" sull'idea di casa come spazio intimo e privato. Scadenza 10 Ottobre 2018.

Premi
Assegnato il "AZ Awards 2018", premiato un vincitore per ciascuna delle 20 categorie in concorso, tra i vincenti l'edificio residenziale The Silo di COBE e la Copenaghen International School di CF Møller Architects.

In Italia
Mamiano di Traversetolo (Parma), "Roy Lichtenstein", 80 opere di protagonisti della Pop Art. Fino al 9 dicembre 2018.

All'estero
Maurits Cornelis Escher, da Leeuwarden a New York il mondo gli rende omaggio a 120 anni dalla nascita.

  CERCA NEL SITO  

Genova, “La pittura dei grandi muralisti e gli scatti di vita di Diego Rivera e Frida Kahlo
di Vilma Torselli
dal 23 maggio al 9 settembre 2018
Dopo una sospensione di 40 anni, torna il muralismo messicano di Orozco, Rivera e Siqueiros della collezione Alvar Carrillo Gil e Carmen Tejero.

Approda a Palazzo Ducale, nelle sale dell’appartamento del Doge, “La pittura dei grandi muralisti e gli scatti di vita di Diego Rivera e Frida Kahlo“ una mostra dal passato singolare, burrascoso e curioso.

Il modello di riferimento più noto di muralismo è quello messicano, paese delle prime sperimentazioni del 1922 incoraggiate anche dal governo del progressista Alvaro Obregon che comprende il valore comunicativo di questa pittura popolare a grande valenza ideologica, istintiva, legata alle radici pre-ispaniche, contrapposta all'aristocratica pittura da cavalletto, portatrice di una rivoluzione formale che riecheggia la rivoluzione politica di quegli anni con precisi intenti educativi in una visione democratica sia della società che dell'arte che essa esprime ..... continua.

Anche il Cile di Salvador Allende ricorre a questa forma popolare di acculturamento e di alfabetizzazione della popolazione in gran parte analfabeta, con scambi culturali tra i governi dei due paesi poi bruscamente interrotti dal colpo di stato militare del ’73.

L’esposizione delle opere murali della collezione di Alvar Carrillo Gil e della moglie Carmen Tejero, ospitata stabilmente in un museo di arte contemporanea a loro intitolato a Città del Messico, doveva infatti essere inaugurata il 13 settembre del 1973 nella capitale cilena, Santiago, quando, due giorni prima, il colpo di stato del dittatore generale Augusto Pinochet inaugura per il paese una serie di anni di sangue e di inaudita barbarie, mettendo a rischio di distruzione le opere pronte per essere esposte.
Scongiurato il pericolo grazie all’intervento dei curatori e delle istituzioni messicane e cilene, dopo una sospensione di 40 anni, la progressiva decadenza della dittatura ed infine la morte di Pinochet nel 2006, finalmente la mostra viene organizzata nel 2015 in Cile, nel 2016 in Argentina, nel 2017 in Perù ed ora in Italia.

Una settantina le opere esposte, tre gli artisti a cui si devono, i muralisti messicani José Clemente Orozco, Diego Rivera e David Alfaro Siqueiros (i primi muralisti messicani furono David Alfaro Siqueiros e Diego Rivera, ai quali si unì poco dopo José Clemente Orozco), nel trio, forse il più noto è a tutt'oggi Rivera anche grazie al sodalizio con Frida Kahlo, sposata nel 1929.

Sono esposti olii e disegni integrati da sperimentazioni meno note, i bozzetti per i murales, i disegni di grande dimensione, un’ampia documentazione sui murales originali e la loro localizzazione nelle città messicane con l’impiego di moderne tecnologie di video animazione HD, un docufilm, articoli di giornale ed un fitto interscambio di documenti autografi di solidarietà intercorsi tra le istituzioni cilene e messicane nel 1973.

Una sezione della mostra ospita una raccolta fotografica di 50 scatti d’epoca che documentano i rapporti dei tre muralisti con Frida Kahlo e le frequentazioni con il mondo di artisti e fotografi famosi nella loro cerchia di amici e parenti, Guillermo Kahlo, padre di Frida, Manuel Alvarez Bravo, Ansel Adams, Juan Guzman, Ernesto Reyes.

Genova, Palazzo Ducale
La pittura dei grandi muralisti e gli scatti di vita di Diego Rivera e Frida Kahlo
dal 23 maggio al 9 settembre 2018

link:
La mostra
Il muralismo

DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 








RIFLETTORI SU...


Ad Reinhardt
"Black Painting No. 34"




"Il nero realizza l'idea di un'arte assolutamente pura e sublime tautologicamente ripiegata su se stessa, scevra da contenuti narrativi ed emotivi"......continua

 

 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.