home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura.
L'articolo più letto in Artonweb:"Arte e matematica, due mondi complementari".
  FOCUS ON  
Libri
Gillo Dorfles, "Ultime tendenze nell'arte d'oggi. Dall'informale al neo-oggettuale", valori sociologici nelle tendenze artistiche dell'ultimo ventennio del XX secolo.
Musei
Inaugurato a Lisbona il Maat, museo di arte, architettura e tecnologia.

Concorsi
YICCA, concorso artistico internazionale, aperto a tutti gli artisti e a tutte le tecniche. Scadenza 14 marzo 2018.

Premi
Premio Internazionale Architettura Sostenibile Fassa Bortolo” assegnato a "Caravatti Caravatti architetti" per il progetto di un centro di riabilitazione psicomotoria in Mali.

In Italia
Alla Basilica Palladiana di Vicenza "Van Gogh. Tra il grano e il cielo", fino all’8 aprile 2018.

All'estero
Parigi, Grand Palais, "Gauguin l’alchimiste", dipinti, disegni, incisioni, sculture, ceramiche, fino al 22 gennaio 2018.

  CERCA NEL SITO  

Milano, Sol LeWitt, "Between the Lines"
di Vilma Torselli
dal 17 novembre 2017 al 23 giugno 2018
Una mostra per "offrire un punto di vista nuovo sulla pratica dell'artista": lo sguardo "alto" e "inconsueto" di Rem Koolhaas sul lavoro di LeWitt.
I curatori Francesco Stocchi e Rem Koolhaas

Grande mostra monografica a cura di Francesco Stocchi e Rem Koolhaas, in collaborazione con 'Estate of Sol LeWitt', resa possibile grazie ai prestiti di prestigiose istituzioni pubbliche come il Whitney Museum, in occasione dei 10 anni decorsi dalla morte di Solomon 'Sol' LeWitt, avvenuta a New York nel 2007.

Molte e fondamentali le opere esposte, 16 sculture (da Complex Form a Hanging Structures), fotografie (Autobiography) e 7 dei celebri Wall Drawings, in gran parte ideati da LeWitt durante i soggiorni italiani nella sua casa di Spoleto, a coprire tutto l'arco temporale del suo iter artistico.
Filo conduttore della mostra il rapporto di LeWitt con l’architettura, il che giustifica l'esordio di Rem Koolhaas per la prima volta in veste di curatore di una mostra d'arte, che dice: "Non c’è molta differenza tra essere progettista, curatore, artista o fashion designer. L’importante è riuscire, con gli strumenti a disposizione, a dare una dimensione nuova, diversa, speciale a quello che si realizza."
In questo caso nessuno è più adatto di lui, in quanto architetto, già direttore della Biennale d’architettura di Venezia del 2014, vincitore del Premio Pritzker del 2000, per fornirci una nuova chiave di lettura dell'opera di LeWitt in rapporto alle strutture architettoniche che hanno accolto le sue opere.

Abolita ogni sudditanza nel nome di una sostanziale parità delle varie categorie artistiche, Koolhaas ribalta il concetto di pittura decorativa di superfici murarie a beneficio di una visione unitaria tra arte ed architettura in cui il dipinto non si sovrappone alla parete, ma la trasforma in un'opera site specific indivisibile dal supporto in una simbiosi linguistica totale per un nuovo approccio alla psicologia della visione nella quale la percezione diviene un fenomeno fluido in un indistinto continuum spazio-temporale.
E' quanto lo stesso Koolhaas dichiara individuando il fulcro del lavoro di LeWitt "Non tanto nell’idea di un’opera che rimane immobile nel tempo, quanto in una percezione variabile, differente da persona a persona. I suoi lavori non subiscono così il peso del tempo e nemmeno quello della nostalgia". Ciò perché, in perfetta sintonia con le parole dello stesso LeWitt, "L'opera è una manifestazione di un'idea. È un'idea, non un oggetto."

Artista concettuale (fu co-fondatore del movimento, fondamentale il suo scritto "Paragraphs on Conceptual Art") con significativi rapporti con Ecart e con Fluxus, LeWitt struttura l'idea di un'arte che sia prima di tutto progettuale, che sia concretizzazione di un'idea indipendentemente dall'esecutore materiale chiamato a realizzarla, proprio come fa un architetto-progettista con le sue opere, tenendo presente, come ammonisce LeWitt, che "Idee banali non possono essere salvate da una bella realizzazione."

Pur essendo la realizzazione del tutto secondaria rispetto all'idea, è necessario che vengano rispettate le istruzioni lasciate dall'artista (e gestite da Estate of Sol LeWitt), il metodo esecutivo, le regole e le intenzioni, delegando all'individualità dell'esecutore la dose di soggettivismo, il margine di libertà o di imprecisione tipici di ogni creazione artistica, così come è libero e spesso casuale il nesso tra l'opera e l'ambiente in cui si colloca, in questo caso un antico palazzo quattrocentesco in mattoni nel centro di Milano, riadattato allo scopo espositivo nel 1991 da Gae Aulenti.

Milano, Fondazione Carriero
Via Cino del Duca, 4
Sol LeWitt, "Between the Lines"
dal 17 novembre 2017 al 23 giugno 2018
link:
Il Concettualismo
Fondazione Carriero
Le Witt è un po' sbagliato
L'Architettura nell'epoca della sua trasformazione artistica
 

DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 








RIFLETTORI SU...




Jeff Koons,
"Lips"

 

 
 
Responsabile: dr. arch. Vilma Torselli-- Webmaster: www.esseresulweb.com - Image processing by R.A.E.© 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta.