home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura. In Artonweb l'articolo più letto: L'automobile, mito futurista.
  FOCUS ON  
Libri
Donald Thompson , “Lo squalo da 12 milioni di dollari. La bizzarra e sorprendente economia dell'arte contemporanea”, marketing, brand, psicologia, economia ma anche arte e aneddoti su artisti, galleristi e collezionisti.
Musei
Parigi, Fluctuart, primo museo galleggiante di arte urbana al mondo, ancorato nel porto del quartiere di Gros Caillou, ai piedi del Pont des Invalides.

Concorsi
Pachino (SR), concorso per la progettazione a Noto della sede della Banca di Credito Cooperativo. Consegnail 20 gennaio 2020.

Premi
Assegnato all’architetto giapponese Arata Isozaki il Premio Pritzker 2019.

In Italia
A Roma, nel Chiostro del Bramante, la mostra "Bacon, Freud, la Scuola di Londra".
Fino al 23 febbraio 2020.

All'estero
Londra, alla National Gallery "The Credit Suisse Exhibition: Gauguin Portraits", retrospettiva sulla ritrattistica di Gauguin. Fino al 26 gennaio 2020.

  CERCA NEL SITO  

Gustav Klimt, "Ritratto di signora"
di Vilma Torselli
pubblicato il 5/05/2007
La figura della donna, tema ricorrente ad esprimere un modello femminile misterioso e fatale, sensuale ed ideale, a metà tra ‘femme fatale’ e ‘femme fragile’.
La figura femminile è nell’arte di Gustav Klimt (1862-1918) un tema ricorrente che ha i caratteri iconografici di una giovane donna sensuale, espressione di un'idea del femminile misteriosa e fatale, dal corpo morbido definito dalla tipica linea sinuosa ed elegante di matrice liberty, dove la stilizzazione formale si accompagna ad un erotismo seducente velato di malinconia.

E’ dei recenti anni ’80 la catalogazione di migliaia di disegni di Klimt di cui si ignorava l’esistenza perché dispersi in numerose collezioni private, dedicati allo studio ed alla rappresentazione del corpo femminile in mille pose differenti, nudi sorpresi nella mollezza del sonno o dell’abbandono, in pose audaci, intime, spesso bollate di sospetta pornografia dal perbenismo ipocrita della società contemporanea.
Scrive di lui Carl E. Schorske : “Spingendo la propria indagine in seno all’erotismo, il pittore bandì il senso moralistico del peccato che aveva oppresso l’austera generazione dei padri…… “

Le opere di Klimt documentano così il passaggio dall'accademismo ottocentesco al nuovo stile espressionista-simbolista dei secessionisti viennesi, dal nudo casto e composto del classicismo al nudo sensuale ed esplicito nel quale l'artista stempera il suo raffinato rigore stilistico in un groviglio di tratti avvolgenti e sinuosi di impetuosa immediatezza espressiva, in un linguaggio di grande vivacità e disinvoltura, apertamente e sfrontatamente sensuale, che con estrema spontaneità delinea il carisma mitico dell'eterno femminino.

Questo "Damenbildnis in Weiss" (Signora in bianco),1917-18, un olio su tela oggi a Vienna, nella Osterreichische Galerie, è un delicato olio su tela eseguito negli ultimi anni di vita dell’artista e denuncia una rapida evoluzione dal ricercato preziosismo del periodo d’oro ad un tratto più frettoloso e sommario di inquietudine espressionista e di impronta quasi fauve.
Placato nella maturità l'impeto dell'eros e della passione, Klimt scopre una donna non più passiva nel suo immaginario erotico, ma protagonista sicura e consapevole di un mondo che guarda dritto negli occhi senza esitazioni.
Giocato sulla sottile tensione tra naturalismo e astrazione decorativa, il ritratto propone una figura di donna idealizzata, affacciata su una realtà interiore quietamente onirica, lo sguardo obliquo e la bocca rosea sorridenti o quasi deridenti, la veste graziosamente scomposta, investita dalla luce abbagliante che disperde e scompiglia i colori e le forme del tessuto decorato: è il ritratto di una donna disinvoltamente elegante, non formale, di nobile portamento eppure morbidamente sciolta nella posa, di grande modernità.
La sagoma dai contorni rapidamente schizzati risalta sullo sfondo audacemente giocato sul contrasto totale tra la parte sinistra, di un beige chiaro e luminoso, e la parte destra cupamente nera.

A distanza di una decina di anni, è molto lontana la composta ieraticità de “Il bacio”, la precisione da miniaturista che lì definisce i sontuosi motivi ornamentali delle vesti, la preziosità di un insieme rischiarato dai bagliori dell’oro che blocca entro una rete geometrica minuziosa e controllata il movimento delle figure: a metà tra ‘femme fatale’ e ‘femme fragile’, questa donna di Klimt esce finalmente dalla gabbia dorata di un mondo perfetto e scende tra noi, liberata la sua sessualità dalle costrizioni di un moralismo tanto ipocrita quanto irreale.

link:
Gustav Klimt, "Il bacio"


DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 







RIFLETTORI SU...

Georg Baselitz
"The gleaner"





 

 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.