home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura.
L'articolo più letto in Artonweb:"Milano è una brutta e mal combinata città...".
  FOCUS ON  
Libri
Di Donald A. Norman, padre del ''design antropocentrico”, “La caffettiera del masochista”, inganni e paradossi della cattiva tecnologia negli oggetti di uso quotidiano.
Musei
San Marino, inaugurato presso le Logge dei Volontari il nuovo Museo d’arte moderna che raccoglie oltre mille opere del ‘900 italiano.

Concorsi
Urban Stone Contest, concorso di idee per la progettazione di una seduta urbana da stampare in 3D capace di migliorare l’esperienza del vivere e rilassarsi all’aperto.
Scadenza 30 agosto 2018.

Premi
Premio Pritzker 2018 all'architetto indiano Balkrishna Doshi, collaboratore di Le Corbusier e di Louis Kahn, per i suoi progetti di abitazioni a basso costo.

In Italia
Milano, a Palazzo Reale e altre sedi in città, “Alik Cavaliere. L'universo verde”, mostra diffusa di arte contemporanea.
Fino al 9 Settembre 2018.

All'estero
Potsdam, Museo Barberini , "Gerhard Richter: Abstraction" , in mostra 80 dipinti dagli anni '60 ad oggi.
Fino al 21 ottobre 2018.

  CERCA NEL SITO  

Mel Ramos, "Hippopotamus"
di Vilma Torselli
pubblicato il 14/05/2007
In una giocosa galleria di ritratti di estrema perfezione tecnica, l'erotismo voyeuristico fortemente ironico delle pin up che popolano l'immaginario americano manipolato dalla pubblicità.
Mel Ramos (1935), californiano di Sacramento, è uno dei pochi artisti pop che abbiano dato un incisivo contributo, anche nel senso della popolarità, a questa corrente pur non facendo parte del gruppo della "prima ondata", praticamente una generazione, quella dei Warhol e dei Rauschenberg, per intenderci, che scomparendo lasciò un diffuso vuoto creativo.
Ciò è dovuto in gran parte al fatto che le sue opere, in generale, sono estremamente attraenti, immediate ed accattivanti grazie ad un virtuosismo tecnico e ad un'abilità nell'utilizzo del mezzo rari anche in pittori che, più di lui, hanno raggiunto fama e consensi, ed è, questa, una peculiarità di cui Ramos mostra di essere consapevole attuando la sua ricerca estetica all'insegna di un certo compiacimento formale.
Il critico Lawrence Alloway dice che "pittoricamente la tecnica si increspa attraverso lo schema araldico", parole forse sibilline che però ben rendono l'idea di un linguaggio formale raffinato ed al tempo stesso disinvolto, senza forzature, costruito per essere di immediata comprensione e per piacere, secondo il più corretto progetto di marketing pubblicitario.

Con un esordio nel realismo degli anni '50, Ramos affonda poi le sue radici ispirative nei processi disgregativi attraverso i quali la Pop Art invalida le distinzioni tra arte e cultura popolare, denunciando la banalità del consumismo nella cultura americana e pervenendo, dall'iniziale critica di costume, ad una più severa critica sociale, utilizzando, come Roy Lichtenstein, Sigmar Polke, Andy Warhol, le tecniche mutuate dal mondo dei mass media.
E' il periodo delle rielaborazioni pittoriche di celebri personaggi dei fumetti (Flash Gordon, Wonder Woman e tanti altri supereroi) dai quali deriva poi la sua produzione più nota, le famose e sensuali Pin Up ritratte in mille modi, in pose assurde, come quella di "Hippopotamus", del 1967, 180x247 cm, sdraiata, chissà perché, su un ippopotamo. L'immagine gioca sul contrasto tra la leggiadra bellezza del nudo femminile e la massa imponente dell'animale, al quale il gioco di luce conferisce una consistenza bronzea, coniugando stilisticamente le origine realistiche con un'ironica decontestualizzazione e con il surreale impatto di un'immagine improbabile, che trae da questo dualismo un suo fascino ambiguo.

Negli anni, Ramos ha dato vita ad una vasta iconografia di reginette di bellezza che esibiscono i loro corpi associati ad oggetti-culto della pubblicità, come il tubetto di Colgate o la banana Chiquita o le sigarette Philip Morris, portando avanti fino agli anni '90 la sua formula collaudata e vincente.
Si tratta di un erotismo voyeuristico fortemente ironico, che traduce la critica di una società che commercializza il corpo femminile, in una giocosa galleria di ritratti di estrema perfezione tecnica: egli dice: "Cerco di celebrare gli eroi popolari e le regine del sesso in modo immediato......." .
L'intento provocatorio è stato talvolta frainteso, le reazioni dei movimenti femministi dell'epoca (siamo negli anni '60) furono vivacemente polemiche, ma appare evidente in Mel Ramos la mancanza di un intento in qualche modo politico, c'è un elegante distacco nella sua denuncia, forse più sottile e penetrante perchè meno esplicita, che ne fa un divertissement intellettuale in cui l'onnipotente pubblicità, in una società che usa il sesso per vendere tutto, diventa la musa ispiratrice dell’immaginario erotico americano, manipolato dalle lusinghe dei messaggi pubblicitari come un qualsiasi prodotto commerciale.

La più recente serie dei “The drawing lesson” sono omaggi che Ramos rivolge ai padri della pittura moderna, come Matisse, Picasso, Velasquez, denunciando uno studio attento ed appassionato della pittura "nobile", quasi un ripensamento in chiave culturale del suo iter artistico, impressione confermata anche dalle rielaborazioni di alcuni dei suoi stessi temi classici degli anni '60, tuttavia è evidente la difficoltà di staccarsi dal suo personale cliché, se non rinunciando alla magia di quei nudi così irrealmente perfetti nei quali l'ironia nobilita ogni volgarità.
Come dice Maureen Mullarkey , critica d'arte, a proposito di Ramos, "Nowadays, irony is the universal solvent for changing banalities into gold", e questo concetto pare l'abbiano l'hanno capito in molti, tra i pittori moderni.


DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 








RIFLETTORI SU...


Joan Miro', "La poetessa"



Metafisico bisogno di astrazione ed un mai dimenticato amore per la materia, i due poli fra i quali oscilla la poetica di un grande surrealista...... continua

 

 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.