home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura. In Artonweb l'articolo più letto:Potsdamer Platz
  FOCUS ON  
Libri
L’ ora d'arte” di Tommaso Montanari, quadri, sculture e graffiti per raccontare il fondamentale ruolo civile che, oggi piú che mai, la bellezza è chiamata a ricoprire.
Musei
Nuovo Museo del Design Italiano della Triennale di Milano, esposte le icone del disegno industriale create quando Milano si è trasformata in capitale del design.

Concorsi
EneganArt indice il concorso nazionale 2019 R-Evolution, per promuovere l’arte attuale italiana e il patrimonio artistico nazionale. Scadenza 31 luglio 2019.

Premi
Antonio Aragón Renuncio vince per il 2018 il premio del concorso fotografico “Foto dell’anno UNICEF".

In Italia
Milano, al Mudec "Roy Lichtenstein", in mostra circa 100 opere, dall'1 maggio all'8 settembre 2019.

All'estero
A Berlino, a Weimar, a Dessau ed in molte altre nazioni le principali iniziative per celebrare i 100 anni dalla fondazione della Bauhaus.

  CERCA NEL SITO  

Situazionismo
di Vilma Torselli
pubblicato il 5/04/2007
"La produzione capitalistica ha unificato lo spazio (...). Questa unificazione è nello stesso tempo un processo estensivo ed intensivo di banalizzazione." (Guy Debord, "La società dello spettacolo")

Il Situazionismo, che più che un preciso episodio storico indica una generalizzata impostazione programmatica a coloritura politica, nasce alla fine degli anni '50 e trova il suo guru in Guy Debord, esponente più in vista del movimento, filosofo in contatto e sintonia con il Lettrismo di Isidore Isou, autore di "La società dello spettacolo", testo-culto della corrente situazionista, e di "I situazionisti e le nuove forme d'azione nella politica e nell'arte", fondatore dell'Internazionale Situazionista (1957 - 1972), morto suicida nel '94.

Critico della società delle immagini e delle informazioni, autore di opere letterarie e cinematografiche di rottura, Debord denuncia la stasi culturale della fine degli anni '50 come uno scivolamento verso una generalizzata banalizzazione della cultura, che così rinuncia alle istanze rivoluzionarie espresse dai grandi movimenti avanguardisti del '90: con ciò si ricollega idealmente al progetto dadaista e surrealista con l'idea di ripristinare un concetto di arte come attività sociale rivoluzionaria, come strumento indispensabile per una prassi rivoluzionaria che demolisca l'ordine vigente e superi il concetto stesso di arte, che sussiste anche in mancanza totale dell'opera.
Debord ipotizza infatti che la rivoluzione riformista totale di cui si proclama profeta travolga anche l'arte stessa, uno dei tanti elementi da superare e togliere di mezzo se sia necessario chiudere definitivamente con il passato per rendere possibile il passaggio al futuro, denunciando in ciò un idealismo tanto estremo quanto irrealizzabile.

Il Situazionismo non conta, per la verità, un gran numero di seguaci, tuttavia la componente eversiva trova terreno fertile in quel disagio giovanile che esiterà nei movimenti studenteschi del '68, ma è proprio in quell'occasione che emerge la sostanziale fragilità, sia sul piano teorico che su quello attuattivo, della posizione di Debord e del Situazionismo in genere: un testo, "De la misère en milieu ètudiant", che viene distribuito, durante i moti studenteschi agli studenti dell'Università di Strasburgo, cade nella quasi indifferenza generale, incapace di trovare nelle realtà pratica un efficace aggancio con il mondo giovanile, cosicché il movimento, messo alla prova con deludenti risultati di cui prende atto, finisce per sciogliersi.

Tra i personaggi che animano il movimento e ne raccolgono lo spirito, seppure con linguaggi espressivi diversi, il danese Asger Jorn e Pinot Gallizio, tra i fondatori anche di un Laboratorio sperimentale del Movimento internazionale per una Bauhaus immaginista, innovativa "comune" in cui gli artisti abitavano e si confrontavano in un clima di grande fervore creativo e provocazioni culturali e politiche, l'urbanista Constant e Gil J. Wolman.


DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 







RIFLETTORI SU...


Marcel Duchamp,"Nu descendant l'escalier n.2"



 

 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.