home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura. In Artonweb l'articolo più letto:Potsdamer Platz
  FOCUS ON  
Libri
L’ ora d'arte” di Tommaso Montanari, quadri, sculture e graffiti per raccontare il fondamentale ruolo civile che, oggi piú che mai, la bellezza è chiamata a ricoprire.
Musei
Nuovo Museo del Design Italiano della Triennale di Milano, esposte le icone del disegno industriale create quando Milano si è trasformata in capitale del design.

Concorsi
EneganArt indice il concorso nazionale 2019 R-Evolution, per promuovere l’arte attuale italiana e il patrimonio artistico nazionale. Scadenza 31 luglio 2019.

Premi
Antonio Aragón Renuncio vince per il 2018 il premio del concorso fotografico “Foto dell’anno UNICEF".

In Italia
Milano, al Mudec "Roy Lichtenstein", in mostra circa 100 opere, dall'1 maggio all'8 settembre 2019.

All'estero
A Berlino, a Weimar, a Dessau ed in molte altre nazioni le principali iniziative per celebrare i 100 anni dalla fondazione della Bauhaus.

  CERCA NEL SITO  

New Neurotic Realism
di Vilma Torselli
pubblicato il 4/04/2007
Abile prodotto di marketing di un colosso della pubblicità, un movimento estremo che ha il merito di aver dato nuova spinta ad una scena artistica immota e stagnante e spazio ed audacia ad artisti giovani dalla spregiudicata creatività.
La moderna scena artistica britannica è indubbiamente molto movimentata, attraversata da fenomeni di breve durata e di grande sensazionalismo, come la "Young British Art" o jBA, la "Bad Painting" ed il New Neurotic Realism, definizione coniata da Charles Saatchi, big della pubblicità (Saatchi & Saatchi ha organizzato nel 1979 la campagna elettorale della Thatcher), con una grande passione per l'arte, o big dell'arte dedito alla pubblicità, nume tutelare e mecenate di molti artisti e di tutti i movimenti contemporanei anglosassoni spiccatamente trasgressivi e provocatori (é il "padrino" di Damien Hirst), maggior sponsor e maggior collezionista d'arte moderna in assoluto in Inghilterra.
Dopo l'allestimento della discussa "Sensation" presso la National Gallery di Londra nel 1997, nel 1998 Saatchi realizza alla Saatchi Gallery di Londra la prima di una serie di mostre, "The New Neurotic Realism", con un catalogo corredato da un saggio del critico Dick Price, esponendo le opere di un diversificato gruppo di giovani artisti che gravitano nell'ambiente intellettuale londinese, tra cui Ron Mueck, Katia Liebmann, Peter Davies, Cecily Brown cui si unirà poi Martin Maloney, critico e curatore d'arte, teorico della "Bad Painting" e pittore.

E' subito scandalo attorno al gruppo di artisti eterogenei accomunati solo dalla voglia di trasgressione in uno dei tanti "ismi" dell'arte moderna che nulla hanno della corrente artistica: la pittura in stile falsamente ingenuo, gli accumuli in stile nouveauréalista, il fotomontaggio, l'iperrealismo, il trash, l'arte povera, molti e confusi i linguaggi del New Neurotic Realism che sembra piuttosto l'abile prodotto di marketing di un colosso della pubblicità invece che un nuovo movimento dell'arte britannica, basato com'è sull'autopromozione e su un'abile tattica commerciale.

Senza dubbio, il vuoto delle iniziative culturali sia nel settore pubblico che privato nell'Inghilterra degli anni '80 ha favorito l'affermazione di questi artisti, in concomitanza anche ad una crescita demografica della popolazione più giovane che ha creato per loro un nuovo pubblico giovane e ad astute manovre politiche che hanno fatto coincidere iniziative culturali e collegi elettorali.
Lo stesso Saatchi riconosce che Margareth Thatcher, la lady di ferro, "..... ha creato un ambiente in cui le persone potessero scrollarsi di dosso il ruolo impostogli. Non si doveva più essere falliti o disadattati per forza. Uno studente come Damien Hirst poteva finalmente sentirsi onnipotente".

Va indubbiamente riconosciuto a movimenti estremi come il New Neurotic Realism il merito di aver dato nuova spinta ad una scena artistica immota e stagnante e spazio ed audacia ad artisti giovani che senza quel clima culturale così pieno di promesse non si sarebbero avventurati con tanto spregiudicato coraggio in un mondo aleatorio ed incerto come quello dell'arte.

Ma andiamoci piano, a chiamarla "arte".


DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 







RIFLETTORI SU...


Marcel Duchamp,"Nu descendant l'escalier n.2"



 

 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.