home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura.
L'articolo più letto in Artonweb:"Il ritratto"
  FOCUS ON  
Libri
Michael Freeman, “La mente del fotografo”: cosa rende eccellente un'immagine, come evitare i cliché visuali, riconoscere gli stili e sviluppare un approccio personale al processo creativo.
Musei
Roma, nuovo museo d’arte moderna a Palazzo Merulana con opere della Scuola Romana, Novecento italiano, Futurismo e Realismo magico.

Concorsi
Modular Bookcase Design: progettare una libreria componibile, modulare, smontabile per il brand AlbaComponents. Consegna entro il 20 dicembre 2018.

Premi
Assegnato il premio World Press Photo 2018 al venezuelano Ronaldo Schemidt, la foto ritrae una manifestazione di protesta contro il presidente Nicolas Maduro.

In Italia
Milano, Palazzo Reale, "Picasso. Metamorfosi", grande antologica con 200 opere sul rapporto dell'artista con il mito e l’antichità. Dal 18 ottobre 2018 al 17 febbraio 2019.

All'estero
Parigi, Grand Palais, retrospettiva "Miró, le fauve catalan et le cubiste", 150 opere tra pitture, disegni, ceramiche e sculture. Dal 3 ottobre 2018 al 4 febbraio 2019.

  CERCA NEL SITO  

Hard Edge Abstraction
di Vilma Torselli
pubblicato il 2/04/2007
Un'arte in cui concetto e tecnica coincidono, un'arte che è contenuto ed espressione di se stessa.
Nell'America degli anni '60, mentre Andy Warhol ed un nutrito gruppo di artisti si ispirano alla cultura popolare e consumistica dell'America del boom economico per dar vita ad un nuovo linguaggio artistico, la Pop Art, grettamente figurativo nella sua ripetitività di modelli della realtà, altri scelgono un linguaggio non-oggettivo, in totale allontanamento dalla figurazione, alla ricerca di una semplificazione linguistica che riporti l'arte alle sue proprietà essenziali.

Ne scaturiscono differenti espressioni artistiche nella comune adesione a questo spirito, come la Post-Painterly Abstraction, il Minimalismo e la Hard-Edge Painting o Hard Edge Abstraction.

Il termine Hard Edge viene coniato nel 1959 dal critico e storico dell'arte californiano Jules Langsner marito dell'artista June Harwood, per definire il lavoro non figurativo di quattro artisti protagonisti di una mostra denominata "Four Abstract Classicists", dopo l'analoga definizione introdotta dal critico inglese Lawrence Alloway in relazione ad un tipo di pittura astratta ad impronta geometrica: si tratta di uno stile caratterizzato dall'annullamento del disegno e dalla prevalenza del colore, in una disposizione compositiva libera da interelazioni formali, che trova i suoi ascendenti in Josef Albers e Piet Mondrian.
I nomi più noti di artisti appartenenti alla Hard Edge sono Al Held, Ellsworth Kelly, Alexander Liberman, Brice Marden, Kenneth Noland, Ad Reinhardt, Jack Youngerman, oltre ad altri artisti di più complessa connotazione, collocabili ai margini dell'Espressionismo astratto e confinanti con la Post-Painterly Abstraction, come Frank Stella e Barnett Newman.

In realtà è molto difficile porre precise delimitazioni a movimenti contemporanei e molto affini, tutti derivati dalla matrice sostanzialmente astratta della cultura pittorica americana dalla fine della seconda guerra mondiale in poi, la Hard Edge è comunque espressione matura di un grande fervore intellettuale che percorre la cultura americana di quel periodo e dal quale deriveranno i movimenti più interessanti degli anni '70, dal Concettualismo all'Arte comportamentale.

Nella pittura hard edge, concetto e tecnica coincidono (anche se in seguito il termine finirà per riferirsi soprattutto all'aspetto tecnico), il dipinto ha un suo valore oggettuale conferitogli dai materiali di cui è fatto, dalle loro caratteristiche tattili, cromatiche, materiche, volumetriche, il quadro non contiene l'opera, è esso stesso l'opera, l'arte è contenuto ed espressione di se stessa, il significante non significa "altro", si realizza nell’esistere: il che spinge inevitabilemnte verso soluzioni geometriche che meglio possano esprimere la valenza concettuale ed astratta di un simile prodotto artistico.

Si può dire che la Hard Edge rappresenti, forse più di altri movimenti post-astrattisti, uno dei due filoni, quello di derivazione pop e quello di derivazione astratta, entro i quali si muoverà tutta l'arte figurativa americana seguente, e non solo, estendendo la sua influenza anche in Europa nella Konkrete Kunst svizzero-olandese e nella MAC italiana.


DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 








RIFLETTORI SU...


Jean-Paul Riopelle "Diamond"



Pittore, grafico e scultore, è uno dei più grandi artisti canadesi contemporanei, inquadrabile in una corrente ......continua

 

 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.