home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura. Il più letto in Artonweb:fotografia
  FOCUS ON  
Libri
Massimo Recalcati, "Il mistero delle cose. Nove ritratti di artisti", l'arte alla luce della psicanalisi per "far esistere il miracolo della pittura".
Musei
Milano, nuovo Museo di Arte Etrusca con un’incredibile sala ipogea creata dallo studio Mario Cucinella Architects.

Concorsi
III edizione del concorso di fumetto e illustrazione “Sensuability & Comics”, per informare e sensibilizzare sul tema della sessualità e della disabilità attraverso l'arte.
Scadenza 15 gennaio 2021.

Premi
La Giuria di In/arch, presieduta dal filosofo e allievo di Gillo Dorfles, Aldo Colonetti, ha conferito all’unanimità il Premio alla Carriera a Giuseppina Grasso Cannizzo.

In Italia
Cuneo, mostra nella Chiesa di San Francesco "E luce fu", opere di Giacomo Balla, Lucio Fontana, Olafur Eliasson, Renato Leotta.
Fino al 14 febbraio 2021.

All'estero
Ai musei d'Orsay e dell'Orangerie una mostra con una sessantina di dipinti e circa quaranta disegni, dedicata al cosiddetto “periodo Renoir” di René Magritte, dal 10 febbraio al 21 giugno 2021.

Arte Psichedelica
di Vilma Torselli
pubblicato il 4/04/2007
L'arte visionaria di una breve stagione di utopie, con radici culturali nel pop americano e legami formali con la grafica giapponese.
L'Arte Psichedelica si sviluppa nel decennio 60/70, diramandosi dalle grandi metropli dell'America del nord, San Francisco, Los Angeles, New York, Chicago, da lì espandendosi in tutto il mondo. E' un'arte prevalentemente grafica, memore del pop americano e delle sue incursoni nel mondo dei fumetti, con radici culturali nelle grafica orientale, una forma artistica che ebbe molta influenza anche nell'arte del '900 europeo (basti pensare a Toulouse-Lautrec, a Klimt, a Schiele ed a tanti altri artisti dell'Art Nouveau) e che ricompare nell'Arte Psichedelica sotto forma di un ricercato decorativismo della linea, tendenzialmente elegante e flessuosa.

La Psichedelia à un fenomeno a vasto raggio, che contamina molte forme espressive, la musica, ad esempio, che in questo periodo vede la nascita dello stile rock più duro e radicale (Grateful Dead, Jefferson Airplane, Doors, Janis Joplin ecc...), a stretto contatto con l'arte visiva, tanto che molti artisti psichedelici disegnano copertine, locandine e marchi per i dischi più famosi.
Ciò faciliterà la messa in scena di grandiosi happening, rimasti celebri nella storia di questa corrente, a metà tra il concerto e l'estemporanea d'arte, con la freschezza espressiva del dilettantismo destinato a divenire ben presto una collaudata forma di professionismo creando, come avviene per la Pop Art, un vero e proprio fenomeno di mercato (famosa e preziosa la collezione di poster di proprietà di Paul Olsen).

L'Arte Psichedelica produce con tecniche raffinate e ricercate (viene rispolverato l'uso dell'aerografo, specie dall'italiano Guido Daniele), opere di grande abilità grafica, in cui la linea contorta introduce effetti di voluta distorsione dell'immagine o della scritta, al limite della visione allucinatoria prodotta in stato di alterata percezione sensoriale: non è infatti da escludere nè da sottovalutare il fatto che concorra al risultato artistico finale l'alterazione mentale prodotta dal consumo di LSD ed altre droghe allucinogene, messo in atto nel tentativo di potenziare le capacità creative della mente (ved i"Arte e droga").
D'altra parte, la cultura psichedelica, improntata ad un concetto un po' generico di solidarietà universale (il primo Be-In di San Francisco è una sorta di grande raduno tribale) non si fà remore nell'appoggiare l'uso di droghe in grado di provocare una espansione della coscienza finalizzata a generare esperienze creative al di fuori della norma, al tempo stesso manifestando in tal modo una presa di posizione non solo in campo artistico, ma più vastamente sociale, intellettualisticamente provocatoria nei confronti del puritanesimo delle classi borghesi americane.

Tra gli americani, va citato Rick Griffin (1944-1991), artista visionario autore di celebri copertine di album discografici e manifesti per concerti o pellicole cinematografiche, disegni eleganti e veloci eseguiti con il rapidograph, uno strumento ritenuto eminentemente tecnico, minutamente dettagliati e pervasi da una surreale vena favolistica.

In Italia l'Arte Psichedelica ha un suo personaggio rappresentativo nel milanese Matteo Guarnaccia (1954), ecclettica figura-cult di psicoartista dalla spiritualità laica, pittore, illustratore, performer, saggista teorico dell' Arte Psichedelica, autore di testi fondamentali sull'argomento.

Storicamente inserita in un periodo di grandi entusiasmi e di grandi utopie inseguite in memorabili scontri con il potere costituzionalizzato, alla ricerca di esperienze border-line sulle quali le droghe hanno spesso proiettato la loro ombra inquietante, l'Arte Psichedelica è stata la bandiera di una generazion 'contro', una generazione di visionari che volevano cambiare il mondo, in parte riuscendoci.


DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 







RIFLETTORI SU...



Fernand Léger
"Donna in blu"




 

 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.