home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura. Il più letto in Artonweb:fotografia
  FOCUS ON  
Libri
Massimo Recalcati, "Il mistero delle cose. Nove ritratti di artisti", l'arte alla luce della psicanalisi per "far esistere il miracolo della pittura".
Musei
Milano, nuovo Museo di Arte Etrusca con un’incredibile sala ipogea creata dallo studio Mario Cucinella Architects.

Concorsi
III edizione del concorso di fumetto e illustrazione “Sensuability & Comics”, per informare e sensibilizzare sul tema della sessualità e della disabilità attraverso l'arte.
Scadenza 15 gennaio 2021.

Premi
La Giuria di In/arch, presieduta dal filosofo e allievo di Gillo Dorfles, Aldo Colonetti, ha conferito all’unanimità il Premio alla Carriera a Giuseppina Grasso Cannizzo.

In Italia
Cuneo, mostra nella Chiesa di San Francesco "E luce fu", opere di Giacomo Balla, Lucio Fontana, Olafur Eliasson, Renato Leotta.
Fino al 14 febbraio 2021.

All'estero
Ai musei d'Orsay e dell'Orangerie una mostra con una sessantina di dipinti e circa quaranta disegni, dedicata al cosiddetto “periodo Renoir” di René Magritte, dal 10 febbraio al 21 giugno 2021.

Mister Gehry, ci sei o ci fai?
di Vilma Torselli
pubblicato il 03/07/2006

La riconoscibilità e la tipicità del linguaggio espressivo sono, ovviamente, un punto di forza, e non una penalizzazione, è ciò che costituisce lo 'stile' di un artista o di chiunque operi nel campo visivo, tuttavia la sottrazione del linguaggio alla riconoscibilità di un codice noto o comunque rintracciabile - perché i codici esistono, anche se non sempre ne siamo consapevoli, altrimenti, senza un codice e la sua relativa decodificazione, non esisterebbe la comunicazione - l'uso di un linguaggio 'privato' che non cerca relazioni di continuità con il passato, la ricerca di "una intensità della forma che va al di la della funzione per diventare una presenza, un oggetto", una concezione oggettuale ed eminentemente scultorea dell'architettura, frutto di una liberatoria gestualità 'espressionista', tutti questi elementi fanno di Gehry l'architetto contemporaneo probabilmente più frainteso, nel bene e nel male.
Certamente con Gehry si è stabilito un primato, quello dell'autore nei confronti dell'opera, o quello del soggetto creativo nei confronti dell'oggetto creato, ma poiché ciò che resterà nel tempo non è Gehry, ma la sua opera, si pone indubbiamente il problema della leggibilità e della trasmissibilità di un messaggio arbitrario e personale del quale probabilmente nessuno potrà/saprà cogliere l'eredità.
Ciò non importerebbe più di tanto se non fosse che l'elaborazione di una 'scuola' - elemento di importanza inderogabile quando si parla di una disciplina squisitamente sociale quale l'architettura - è ciò che rende fertile ed utile alla collettività ogni discorso individuale che non voglia restare un fenomeno circoscritto, nel tempo e nello spazio, più legato al costume che alla cultura.

Ma Gehry ha in più occasioni dichiarato la sua opposizione al concetto di "schools", prendendo anche le distanze dalle (deboli) basi programmatiche del decostruttivismo poste nel pensiero filosofico di Jacques Derrida, rivendicando l'unicità e l'indipendenza del prodotto architettonico artisticamente inteso, frutto di una gestualità soggettiva e libera, una sorta di totem plasmato dalla mano anziché dalla matita, hic et nunc, unico ed irripetibile.
Curiosamente, è invece la critica che, quasi malgrado lui, gli costruisce una sorta di background di cui pare egli stesso inconsapevole:"Zevi parla di Gehry quale "[…] punto d'arrivo della ricerca iniziata da William Morris, articolata da Le Corbusier e Mendelsohn, esaltata dal genio di F.Ll.Wright [......] Gehry è di più [......] Gehry sa che nel 1599 era nato Francesco Borromini e che, nella sua scia, erano arrivati Horta, Gaudì, Sullivan, Aalto e soprattutto Wright" così scrive Paolo Ferrara ("Frank O. Gehry, il presente del passato, il futuro del presente", Antithesi, 2001), per non parlare delle sue correlazioni con il Futurismo italiano, del quale prosegue e conclude la ricerca dinamica, tanto che " Il sogno di Boccioni, si tramuta in realtà attraverso Gehry" (Antonino Saggio, "FranK Owen Gehry. Luna meccanica", 2000).
E nello stesso scritto l'autore formula l'osservazione forse più paradigmatica del modo operativo di Gehry quando afferma: "L'idea di Boccioni è una scultura architettonizzata, Gerhy fa invece una architettura scultorizzata".

In un articolo che pare la versione ironica e divertente di questo assunto, Tom Munnecke, scrittore, docente, responsabile della Science Applications International Corporation (SAIC) in San Diego e dello Stanford Digital Visions Program, dopo una visita alla Case Western Riserve University scrive: "I suppose that this is an interesting building, but it felt like an ice cube to me" titolando "As an Architect, Frank Gehry would make a good sculptor" - e forse, con un po' di cattiveria, si potrebbe aggiungere che come scultore è un bravo architetto - .
L'impatto con l'edificio, per Munnecke, è quasi comico:"[…..] Entering the building, however, was somewhat of a shock. Squeezing through a slanted gap between the metal and the brick, I thought I might be coming in through a loading dock. I pushed my way in, as if I had to fight the building to enter. Once in, I was met with confusing mishmash of elements, consisting of a door to a conference room, a side hallway, and a desk which looked like a ticket taker in a movie theater. Confirming that I was indeed in the right place, I went to the conference room, which gave me the opportunity to watch other building novices go through the same experience. […..]".
Si deve ammettere che non si capisce perchè debba essere bene, almeno secondo gli estimatori di Gehry, che l'accesso ad un edificio pubblico sia traumatico ([…..] I pushed my way in, as if I had to fight the building to enter […..]) e non invece banalmente e razionalmente evidente e semplice, in grado di facilitare nel modo più immediato l'orientamento di chi entra ed ignora che, così facendo, questo estroso enfant terribile dell'architettura non vuole confondergli le idee, ma che egli, 'semplicemente', "[….] cattura tenacemente lo spazio e lo centrifuga per dargli forza di presenza, per poi ricacciarlo fuori [….]"("Frank O. Gehry, il presente del passato, il futuro del presente", idem).

Per tornare a MARTa, Giulio Romano ("Ventiquattrore magazine", 3 giugno 2006) lo descrive così : "[….] La costruzione è grande come uno stadio. Vista dall'alto, ricorda un fiore stilizzato o un'enorme brioche [….]": ora, non c'è (forse?) niente di male che un Modern Art Museum sembri una brioche , importante sarebbe che tutti capissero, possibilmente senza mediazione alcuna, che quella di Gehry è "l'architettura dell'antiperfezione e dell'antiaccademia", per questo può somigliare provocatoriamente ed impunemente ad una brioche o ad un cubetto di ghiaccio, non si tratta di un caso, di una caduta di stile o del gioco sadico di un creativo scherzoso…….

Queste riflessioni sono, evidentemente, il pretesto per mettere in risalto una sostanziale divisione del mondo, globalmente inteso come abitato da geni, stupidi, artisti, architetti, ragionieri, metalmeccanici e casalinghe di Voghera, in due distinti blocchi: da una parte una minoranza di colti addetti ai lavori, critici, studiosi, esperti che decretano "voi non sapete perché né potrete mai capirlo, ma questa architettura è un capolavoro", dall'altra parte una maggioranza di incompetenti, sprovveduti e disinformati che dichiarano "questa architettura sarà pure un capolavoro, ma noi non sappiamo perché né riusciremo mai a capirlo". Il risvolto tragicomico della faccenda è che sono proprio questi ultimi, la gente comune che va ai musei, ai concerti, negli uffici, nelle università, i destinatari finali dei prodotti di Gehry e di quanti altri geni spesso incompresi, o compresi solo dalla suddetta minoranza, progettano oggi per l'umanità.

Che magari si chiede se l'imperatore veste davvero l'abito sfarzoso ammirato dalla corte, o se è nudo, e nessuno osa dirglielo.

pagine 1-2

link:
L'ombelico del mondo
Ready-made, cheapscape, junkspace…... ma che sarà mai?

Decostruttivismo: a chi deve parlare e a chi no
Architettura d'autore


DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 







RIFLETTORI SU...



Fernand Léger
"Donna in blu"




 

 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.