home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura.
L'articolo più letto in Artonweb:"Arte e matematica, due mondi complementari".
  FOCUS ON  
Libri
Gillo Dorfles, "Ultime tendenze nell'arte d'oggi. Dall'informale al neo-oggettuale", valori sociologici nelle tendenze artistiche dell'ultimo ventennio del XX secolo.
Musei
Inaugurato a Lisbona il Maat, museo di arte, architettura e tecnologia.

Concorsi
YICCA, concorso artistico internazionale, aperto a tutti gli artisti e a tutte le tecniche. Scadenza 14 marzo 2018.

Premi
Premio Internazionale Architettura Sostenibile Fassa Bortolo” assegnato a "Caravatti Caravatti architetti" per il progetto di un centro di riabilitazione psicomotoria in Mali.

In Italia
Alla Basilica Palladiana di Vicenza "Van Gogh. Tra il grano e il cielo", fino all’8 aprile 2018.

All'estero
Parigi, Grand Palais, "Gauguin l’alchimiste", dipinti, disegni, incisioni, sculture, ceramiche, fino al 22 gennaio 2018.

  CERCA NEL SITO  

L’arte di modellare il tempo
Long goodbye, 2007 – David Claerbout

di Roberto Grandicelli
pubblicato il 19/03/2016
Un'opera che rappresenta un raffinato esempio di purezza formale, intesa come perfetta congruenza fra gli elementi rappresentati.
L’arte di modellare il tempo
Long goodbye, 2007 – David Claerbout
Il saggio - Attraverso l’utilizzo delle tecniche di slow motion e di time lapse, l’artista David Claerbout indaga il movimento analizzandone la fissità; si riscopre così la potenzialità comunicativa di un singolo istante in contrapposizione al fuggevole linguaggio del movimento.
Una scena della durata di 30 secondi; un corto che si sviluppa in 18 minuti.

Figura 1, David Claerbout

Nell’opera “Long Goodbye”, una donna emerge dal punto di fuga della scena reggendo un vassoio con una caffettiera e due tazze. La donna è ripresa al rallentatore, in una luce morbida e dorata, mentre esce nel cortile di una villa dalle imposte azzurro polvere; sempre lentamente si china e poggia il vassoio su un tavolo; quindi, come attratta da un rumore, solleva lo sguardo verso l’obiettivo. Allora si disinteressa del suo caffè e, mostrando ingenuo imbarazzo nell'assecondare un istinto voyeuristico, si rialza e, facendo qualche passo in avanti, sorride e saluta, facendo un cenno con la mano. Questo mentre l’inquadratura si allarga e si allontana.

David Claerbout - Nato in Belgio nel 1969, si diploma all'Accademia di Belle Arti “Nationaal Hoger Instituut voor Schone Kunsten” di Anversa ed inizialmente si dedica alla pittura. Ben presto però a quest’ultima gli preferisce lo studio della fotografia e dell’immagine e lo fa attraverso una personalissima re-interpretazione.
Le sue video-installazioni permettono di analizzare le diverse realtà che l’artista propone attraverso una sapiente manipolazione del movimento e del tempo.


Tavola I, L’Empire des lumières,
1953–54
Olio su tela, 195,4 x 131,2 cm
Collezione Peggy Guggenheim, Venezia 76.2553 PG 102
© René Magritte, by SIAE 2008


Long Goodbye - Nell’opera che prendiamo in esame, “Long Goodbye” del 2007, l’osservatore viene catturato, quasi ipnotizzato, dalla lenta progressione dei fotogrammi, quindi proiettato ed immerso in un’atmosfera d’altri tempi. Della scena proposta si può cogliere ogni singolo movimento. La lentezza permette di “ascoltare” il pensiero che accompagna la donna in ogni singolo frame del cortometraggio e di percepirne appieno le emozioni.
Ma il video non ci propone un semplice replay della scena, sullo sfondo si coglie una latente incongruenza: come nell’opera “L'Empire des Lumières” di Renè Magritte (anche lui belga), laddove ad un’immagine notturna si contrappone un cielo diurno, nel video di Claerbout, alla lentezza della scena (slow motion), si contrappone un velocissimo movimento delle ombre che le cime degli alberi proiettano sulla facciata della villa che fa da sfondo alla ripresa (time lapse).
Perché questa sovrapposizione dei due piani temporali? Come avviene in auto, quando guardiamo la fissità del panorama dal finestrino durante un viaggio e davanti agli occhi scorrono veloci gli alberi posti sul ciglio della strada, alla stessa stregua Claerbout riproduce questo effetto, rendendo il cortometraggio assolutamente godibile nonostante l’esasperante lentezza delle immagini.

Analisi formale - L’opera “Long Goodbye” rappresenta, a mio avviso, un esempio di purezza formale, laddove per purezza si intende anche perfetta congruenza fra gli elementi rappresentati. A partire dall’audio muto e ovattato che accompagna la ripresa ivi compreso lo sfondo nero che isola efficacemente le immagini proiettate, David Claerbout utilizza, con tutta evidenza, una pellicola originale.
Originale è la pellicola come originali sono gli oggetti, gli abiti e i colori, ma anche il rituale, le movenze e le sensazioni autentiche che la protagonista prova e che vengono proiettate sull’osservatore con una forza davvero straordinaria attraverso un utilizzo quasi ipnotico della sequenza dei frame.
La perfetta omogeneità ivi ricreata viene spezzata dal saluto della donna: è davvero sorprendente come anche la semplice gestualità di una persona qualsiasi sia intimamente legata al relativo periodo storico al punto da renderlo riconoscibile, giustappunto attraverso un semplice gesto.

Figura 2, Long goodbye, Intro
Figura 3, Long goodbye, Portrait
Figura 4, Long goodbye, Landscape
Figura 5, Long goodbye, Closure
Bibliografia
David Claerbout, David Claerbout, Mondadori Electa Editore, Milano 2012
Renè Magritte, Scritti Vol.I e II, Abscondita Editore, Milano 2008

Indice Tavole

Tavola I, R. Magritte, L’Empire des lumières, 1953–54, Olio su tela, 195,4 x 131,2 cm, Peggy Guggenheim, Venezia

Indice Figure
Figura 1, David Claerbout
Figura 2, Long goodbye, Intro
Figura 3, Long goodbye, Portrait
Figura 4, Long goodbye, Landscape
Figura 5, Long goodbye, Closure
L'articolo nella versione integrale in pdf

DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 








RIFLETTORI SU...




Jeff Koons,
"Lips"

 

 
 
Responsabile: dr. arch. Vilma Torselli-- Webmaster: www.esseresulweb.com - Image processing by R.A.E.© 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta.