home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura. In Artonweb l'articolo più letto: L'automobile, mito futurista.
  FOCUS ON  
Libri
Donald Thompson , “Lo squalo da 12 milioni di dollari. La bizzarra e sorprendente economia dell'arte contemporanea”, marketing, brand, psicologia, economia ma anche arte e aneddoti su artisti, galleristi e collezionisti.
Musei
Parigi, Fluctuart, primo museo galleggiante di arte urbana al mondo, ancorato nel porto del quartiere di Gros Caillou, ai piedi del Pont des Invalides.

Concorsi
Pachino (SR), concorso per la progettazione a Noto della sede della Banca di Credito Cooperativo. Consegnail 20 gennaio 2020.

Premi
Assegnato all’architetto giapponese Arata Isozaki il Premio Pritzker 2019.

In Italia
A Roma, nel Chiostro del Bramante, la mostra "Bacon, Freud, la Scuola di Londra".
Fino al 23 febbraio 2020.

All'estero
Londra, alla National Gallery "The Credit Suisse Exhibition: Gauguin Portraits", retrospettiva sulla ritrattistica di Gauguin. Fino al 26 gennaio 2020.

  CERCA NEL SITO  

THE BODY FARM
Bill Bass, artista da laboratorio

di Stefano Elena
pubblicato il 15/04/2011
La testimonianza dettagliata di una tra le configurazioni non accademiche dell’arte nella fabbrica di corpi morti di un antropologo americano.
Bill Bass

Nonostante l’etichetta preveda che la voce ‘arte’ interessi canonici ambienti d’espressione, quelli più frequentemente battuti ogni qualvolta ci si debba occupare di creatività, ho sempre ritenuto opportuno estenderne le pertinenze oltre la moderazione di una taratura ormai un pò datata.

E’ per questo che la lettura di un libro come “La vera fabbrica dei corpi” (Bill Bass & Jon Jefferson, ed. Tea) può diventare la testimonianza dettagliata di una tra le configurazioni non accademiche dell’arte, specie se concordiamo nel ritenere quest’ultima una stimolazione utile alle pulsazioni vitali.

Siamo nel 1980 quando Bill Bass, antropologo americano, concepisce e fonda un laboratorio, “the Body Farm” appunto, allo scopo di analizzare la decomposizione dei cadaveri in ogni condizione possibile, riuscendo nel corso degli anni a divenire fonte di primaria importanza legale grazie alle informazioni che la medicina forense può sfruttare al fine di definire le principali caratteristiche di una salma (sesso, razza, età, statura) e quindi avanzare con le indagini alla ricerca di cause e/o colpevoli del decesso.

Se artisti più propriamente detti, come Hirst, i fratelli Chapman o Witkin ad esempio, hanno fatto della morte un’opera d’arte dal forte potere liberatorio e comunicativo, il lavoro di Bass non deve esonerarsi dai censimenti dell’arte poiché qui più che in tanti musei, in questa fabbrica di corpi morti, fine e distruzione servono la vita in modo sicuramente meno sgargiante, ma altrettanto indubbiamente più proficuo di quanto non riesca a fare la metodicità forzata dell’etichetta “arte”.

La fabbrica dei corpi

DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 







RIFLETTORI SU...

Georg Baselitz
"The gleaner"





 

 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.