home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura. In Artonweb l'articolo più letto: L'automobile, mito futurista.
  FOCUS ON  
Libri
Donald Thompson , “Lo squalo da 12 milioni di dollari. La bizzarra e sorprendente economia dell'arte contemporanea”, marketing, brand, psicologia, economia ma anche arte e aneddoti su artisti, galleristi e collezionisti.
Musei
Parigi, Fluctuart, primo museo galleggiante di arte urbana al mondo, ancorato nel porto del quartiere di Gros Caillou, ai piedi del Pont des Invalides.

Concorsi
Pachino (SR), concorso per la progettazione a Noto della sede della Banca di Credito Cooperativo. Consegnail 20 gennaio 2020.

Premi
Assegnato all’architetto giapponese Arata Isozaki il Premio Pritzker 2019.

In Italia
A Roma, nel Chiostro del Bramante, la mostra "Bacon, Freud, la Scuola di Londra".
Fino al 23 febbraio 2020.

All'estero
Londra, alla National Gallery "The Credit Suisse Exhibition: Gauguin Portraits", retrospettiva sulla ritrattistica di Gauguin. Fino al 26 gennaio 2020.

  CERCA NEL SITO  

VULNERABILIA
Il nuovo Hangar Bicocca

di Cecilia Caliari
pubblicato il 18/07/2010

L'Hangar Bicocca diviene struttura di condivisione tra spazio del luogo e tempo dell´arte, con ruolo di vera e propria risorsa di servizio permanente, in connessione con il quartiere che lo ospita.

L´Hangar Bicocca ha rinnovato gran parte delle sue risorse spaziali, artistiche e curatoriali, ospitando più progetti che tendono a creare una struttura di condivisione tra spazio del luogo e tempo dell´arte.

L´installazione permanente di Anselm Kiefer “I Sette palazzi celesti”, dal 2004 si staglia nello spazio industriale in tutta la sua mistica drammaticità a monito della storia di distruzione che l´umanità vive nella sua esile vita e ricordandoci l´importanza della memoria .

In dialogo con essa e con lo spazio Christian Boltanski crea la terza versione dell´installazione “Personnes”, un fil rouge tra l´Hangar, il Grand Palais di Parigi e l’Armory di New York. Un corridoio metallico passa accanto alle costruzioni di Kiefer, tutto fluisce attraverso il suono dei battiti del cuore, anzi dei cuori, che Boltanski registra dal 2008 e che costituiscono “Les Archives du coeur”. Con un senso di angoscia mista a reverenza  avanziamo nella vita verso la fine, il cubo in cui 30 tonnellate di vestiti sono spostati da una gru che prende e dà a caso, proprio come la vita. In un moto perpetuo e cadenzato la caducità dell´essere umano e lo smarrimento che ne deriva ci appaiono in tutta la loro forza. La grandezza e la fragilità risuonano nei battiti del cuore alle nostre spalle, simbolo di vita ma anche di memoria e ricordo nel momento in cui la persona scompare. La poca importanza degli oggetti avulsi dal contesto, rispetto al concetto di vita/morte è trasmessa fondendo due tipologie di sapere: quella occidentale, fondata essenzialmente sul culto della reliquia, e quella orientale che ha le sue radici nell´idea al di là della forma. La sua opera quindi si serve dell´oggetto ma non si identifica con esso, ha valore intellettuale, può quindi essere smontata, distrutta, dissolta, ma la sua forza ritorna sempre poiché il senso è dato non dalla materialità del feticcio, ma dalla carica simbolica che porta con sé e che rende immortale un concetto.

La vulnerabilità è il tema del lungo lavoro di Carlos Casas che attraversa i luoghi più inospitali e difficili del pianeta, in cui natura e umanitá si fondono in una sinfonia ancestrale. L’installazione è presentata su più schermi, una sorta di cinema espanso in cui gli appunti di viaggio dell´artista restituiscono l´esperienza di chi vive in questi luoghi, anche se spesso l´uomo scompare per lasciare il campo alla natura piú estrema. “End” é un progetto multiforme, costituito da diverse tipologie di materiali (documentari, “fieldwork” e materiale di archivio) che, amalgamate attraverso il suono, creano un vero e proprio scenario si suggestivo spiazzamento.

Ma l´arte arriva anche all’esterno.

“La Sequenza”di Fausto Melotti apre lo spazio del giardino, una sorta di portale/ponte tra la memoria dell´arte e il contemporaneo. Stefano Boccalini con “Meltin Pot 3.0” crea uno spazio di colonne, tutte simili ma tutte diverse, metafora di come nell´unione delle diversità culturali si possa trovare il vero cambiamento. Questo sito verrà fertilizzato grazie a diversi progetti legati al territorio.
Avvicinando realtà differenti e coinvolgendo in diversi modi chi risiede nei dintorni ma non solo, l’Hangar intende assumere il ruolo di vera e propria risorsa di servizi permanente rimanendo connesso al quartiere che lo ospita.

Cecilia Caliari

COURTESY Fondazione Hangar Bicocca
© Copyright Agostino Osio


DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 







RIFLETTORI SU...

Georg Baselitz
"The gleaner"





 

 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.