home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura. In Artonweb l'articolo più letto: La linea curva
  FOCUS ON  
Libri
L’arte nel cesso. Da Duchamp a Cattelan, ascesa e declino dell'arte contemporanea” di Francesco Bonami: all'arte contemporanea non bastano più le idee che cercano di essere una più rivoluzionaria dell'altra perché ha esaurito il suo potere di stupire.
Musei
A Serra San Quirico (AN), Nuovo Museo di arte contemporanea per celebrare i 20 anni del Premio Ermanno Casoli ed esporre le opere di tutti i vincitori fino ad oggi.

Concorsi
Pontenure (PC), concorso per un progetto pilota di arredi urbani lungo i cammini storici del tratto piacentino della via Francigena e del Cammino di San Colombano.

Premi
Mies van der Rohe 2019, premio biennale per l'architettura assegnato dalla UE, premiati Lacaton & Vassal architectes, Frédéric Druot Architecture e Christophe Hutin Architecture.

In Italia
Matera, la mostra "Salvador Dalí- La Persistenza degli Opposti", nel Complesso Rupestre di Madonna delle Virtù e San Nicola dei Greci. Fino al 30 novembre 2019.

All'estero
Parigi, al Musée National Picasso-Paris "Picasso, Obstinément Méditerranéen", il Mediterraneo nella vita e nelle opere di Pablo Picasso. Fino al 6 ottobre 2019.

  CERCA NEL SITO  

Capolavori in bianco e nero. Le Opere, i Musei, il Pubblico
Fotografie Lucia Baldini
pubblicato il 16/09/2007
In stampa in questi giorni il nuovo lavoro fotografico di Lucia Baldini che ha come soggetto uno sguardo in bianco e nero ai Musei Fiorentini.
Sabato 22 settembre alle ore 16,00 ad Artelibro, festival del Libro d’Arte a Bologna, al palazzo di Re Enzo, presso la Sala del Capitano, la casa editrice Sillabe presenta in anteprima il libro, Capolavori in Bianco e Nero. Le Opere, i Musei, il Pubblico

Ho il piacere di annunciare che è in stampa in questi giorni il mio nuovo lavoro fotografico che ha come soggetto uno sguardo in bianco e nero ai Musei Fiorentini.
L’elemento davvero straordinario di questo lavoro è stato raccontare l’approccio del visitatore con l’Opera che stavo incontrando.

Il libro, “Capolavori in bianco e nero. Le Opere, i Musei, il Pubblico” è edito dalle Sillabe di Livorno con la partecipazione dei Musei Fiorentini.

E’ stato un lavoro molto coinvolgente e appassionante e soprattutto mi ha dato la possibilità di vedere con occhi nuovi opere e luoghi dei musei fiorentini conosciuti fino ad adesso solo come visitatrice. Questa volta ho avuto la possibilità di guardare negli occhi quadri e sculture emblematici dell’arte italiana e toscana, e ho potuto scoprire piccoli dettagli e segreti che fino ad adesso non ero riuscita a percepire. Il momento più affascinante è stato poter entrare nei musei nei giorni di chiusura al pubblico e girando per le sale e fotografando le opere ho avuto come l’impressione di poterle, finalmente, percepirle come sono realmente, libere dallo sguardo feroce e veloce del visitatore medio. Vedere il Davide di Michelangelo in perfetta solitudine nella sala del Museo dell’Accademia, con il personale che amorevolmente lo accudiva, spolverandolo, togliendogli le piccole impurità date dalla massiccia presenza di umanità che durante la settimana sfila ai suoi piedi è stato come vedere una persona che finalmente può rilassarsi, tirare il fiato e magari girare lo sguardo altrove.

Il volume, 224 pagine, è un reportage in bianco e nero dei musei fiorentini durante l’orario d’apertura (per gli Uffizi e l’Accademia si presenta anche un suggestivo confronto con gli ambienti chiusi).

In bianco e nero sono emersi gli spazi, i capolavori e il pubblico.

La scelta del bianco e nero significa più cose.

Anzitutto l’omaggio all’ineludibile necessità di vedere l’originale con i propri occhi, senza la mediazione della riproduzione cartacea, fortunatamente fallace; quindi la possibilità di ripercorrere l’esperienza visiva per forme e contenuti. L’acquisizione per gradi dell’opera d’arte, la sua analisi, trova nel bianco e nero uno strumento prezioso che attribuisce all’immagine un valore assoluto che non pretende di sostituirsi ma si aggiunge all’esperienza della visita.

Questo percorso attraverso i contenuti formali è stato affidato a Raffaele Monti e al suo insostituibile occhio.

L’ambientazione delle opere d’arte nel contesto di una visita a musei aperti significa, invece, ricollocare il percorso in un preciso ambito temporale; questo volume non è una guida alle opere, né una visita virtuale ai musei, ma un insieme di visite reali, una molteplicità di punti di vista (che il bianco e nero, proprio per la sua omogeneità, esalta), scelti da una fotografa di scena, sensibile e professionale: Lucia Baldini.

Come scrive Cristina Acidini nella sua prefazione “Siamo in presenza di un approccio quanto mai originale ed istruttivo a un argomento – quello dei musei fiorentini e del loro “contenuto” in termini di opere d’arte e di visitatori – che crediamo di conoscere in ogni suo aspetto e che si rivela invece sfaccettato e non poco sorprendente”.

Il libro è curato da Raffaele Monti, contiene una prefazione di Cristina Acidini e un editoriale di Maddalena Winspear.

Lucia Baldini

Per informazioni:

www.sillabe.it

www.luciabaldini.it


DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 







RIFLETTORI SU...

Carlo Carrà,
"La Galleria di Milano"


 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.