home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura. In Artonweb l'articolo più letto: L'automobile, mito futurista.
  FOCUS ON  
Libri
Donald Thompson , “Lo squalo da 12 milioni di dollari. La bizzarra e sorprendente economia dell'arte contemporanea”, marketing, brand, psicologia, economia ma anche arte e aneddoti su artisti, galleristi e collezionisti.
Musei
Parigi, Fluctuart, primo museo galleggiante di arte urbana al mondo, ancorato nel porto del quartiere di Gros Caillou, ai piedi del Pont des Invalides.

Concorsi
Pachino (SR), concorso per la progettazione a Noto della sede della Banca di Credito Cooperativo. Consegnail 20 gennaio 2020.

Premi
Assegnato all’architetto giapponese Arata Isozaki il Premio Pritzker 2019.

In Italia
A Roma, nel Chiostro del Bramante, la mostra "Bacon, Freud, la Scuola di Londra".
Fino al 23 febbraio 2020.

All'estero
Londra, alla National Gallery "The Credit Suisse Exhibition: Gauguin Portraits", retrospettiva sulla ritrattistica di Gauguin. Fino al 26 gennaio 2020.

  CERCA NEL SITO  

Milano, Francis Bacon
dal 4 marzo al 29 giugno 2008 (prorogata fino al 24 di agosto)
Una grande antologica sull'ultimo dei grandi classici del '900, interprete eroico delle inquietudini del suo tempo.
Francis Bacon è senza dubbio l'ultimo fra i grandi pittori del Novecento che dimostrino una carica romantica, un gusto per la tragedia di radice epica, alla Caravaggio, alla Mantegna, per citare solo alcuni dei grandi del passato a cui egli si può emotivamente rapportare, oltre ad antichi maestri quali Velasquez, per Bacon una sorta di ossessione, e Rembrandt, il tutto mediato da richiami espressionisti attraverso Soutine, Van Gogh, Munch e riferimenti, seppure più superficiali, al Surrealismo di Ernst e a Picasso.

Personalità contorta e complessa, un isolato nel panorama artistico del periodo seguente alla seconda guerra mondiale, Bacon popola i suoi dipinti di individui straziati, mostruosi mutanti, creature infernali senza via d'uscita e senza speranza, prigionieri disumanizzati nei quali anche l'anima sembra sia stata annullata dall'atrocità della sofferenza.

La pittura di Bacon non è scevra da una certa componente retorica, la retorica della sofferenza, una sorta di compiacimento masochistico e sadico della rappresentazione macabra e deformata, abbinata alla raffinatezza formale di una tecnica pittorica estremamente attenta al risultato estetico, molto calcolata e pensata, in apparente contraddizione con l'irruenza della narrazione.

Tuttavia l'impeccabile sapienza stilistica e compositiva di una raffinata rielaborazione personale della tradizione ritrattistica dell'occidente nulla toglie alla disperata drammaticità del linguaggio di Bacon, interprete eroico delle inquietudini del suo tempo, che resta una delle voci più tragiche della storia del '900.

Se si pensa che dal 1993 Bacon non viene esposto in Italia, appare particolarmente preziosa l'occasione offerta da questa antologica per una lettura complessiva di tutto il suo iter artistico, attraverso opere per la maggior parte inedite per l'Italia, provenienti da importanti musei di tutto il mondo; un centinaio le opere presenti, ottantadue dipinti, una quindicina di disegni e altrettanti oggetti, parte del materiale d’archivio e sui quali l’artista è intervenuto.

Colpisce la grande dimensione di numerose tele, che anche grazie a ciò si propongono in tutta la loro monumentalità, anche se le opere di dimensioni minori, i dittici e i trittici, calamitano l'attenzione in modo forse più sottile e coinvolgente.

Fra i lavori mai esposti per il pubblico italiano, il consistente nucleo di opere su carta rinvenute dopo la morte dell'artista che aprono il percorso espositivo. Seguono dipinti degli anni '40-'50, ritratti bozzetti, studi, ed anche una minuziosa riproduzione fotografica dello studio di Bacon, al 7 di Reece Mews, South Kensington, Londra. Piacevole e interessante il lungo filmato di un'intervista all'artista, nella quale egli rivela ed illustra il suo modo di procedere e le sue fonti ispirative (foto, riproduzioni, immagini cartacee....).

Per ulteriori dettagli sulla mostra si veda la notizia sul portale del Comune di Milano

Milano, Palazzo Reale,
dal 05/03/2008 al 29/06/2008

Per informazioni http://www.francisbacon.it/info.html


DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 







RIFLETTORI SU...

Georg Baselitz
"The gleaner"





 

 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.