home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura. In Artonweb l'articolo più letto: La linea curva
  FOCUS ON  
Libri
L’arte nel cesso. Da Duchamp a Cattelan, ascesa e declino dell'arte contemporanea” di Francesco Bonami: all'arte contemporanea non bastano più le idee che cercano di essere una più rivoluzionaria dell'altra perché ha esaurito il suo potere di stupire.
Musei
A Serra San Quirico (AN), Nuovo Museo di arte contemporanea per celebrare i 20 anni del Premio Ermanno Casoli ed esporre le opere di tutti i vincitori fino ad oggi.

Concorsi
Pontenure (PC), concorso per un progetto pilota di arredi urbani lungo i cammini storici del tratto piacentino della via Francigena e del Cammino di San Colombano.

Premi
Mies van der Rohe 2019, premio biennale per l'architettura assegnato dalla UE, premiati Lacaton & Vassal architectes, Frédéric Druot Architecture e Christophe Hutin Architecture.

In Italia
Matera, la mostra "Salvador Dalí- La Persistenza degli Opposti", nel Complesso Rupestre di Madonna delle Virtù e San Nicola dei Greci. Fino al 30 novembre 2019.

All'estero
Parigi, al Musée National Picasso-Paris "Picasso, Obstinément Méditerranéen", il Mediterraneo nella vita e nelle opere di Pablo Picasso. Fino al 6 ottobre 2019.

  CERCA NEL SITO  

Genova, il colore veloce/foto-grafie di massimo lovati
dal 27 settembre al 21 ottobre 2007
testo critico di Ferruccio Giromini
 

Massimo Lovati è nato nel 1948 a Genova.

Pittore e grafico, allievo di Rocco Borella, nel 1976 aderisce al collettivo R.E.C. (Ricerche Estetiche Concrete), successivamente è tra i fondatori del Centro di Produzione Visiva e allestisce laboratori didattici. Partecipa a diverse mostre collettive di prestigio tra cui Costruttivismo, Strutturalismo, Neoconcretismo, Nuova pittura (Genova 1977). Tra le mostre personali di rilievo: Strutture modulari (Palazzetto Rosso, Genova 1978) e Spazio Cromatico (Cassa di Risparmio di Genova e Imperia, Genova 1979). Inizia a sperimentare in fotografia.

Senza titolo
Senza titolo
Sci

È del 1981 la performance Automanifestazione e autoidentificazione corporea con l'uso della Polaroid. Sempre nel 1981, la mostra di elaborazioni monocromatiche Carene; nel 1982, la mostra di elaborazioni e libro in fotocopie Garibaldi vis à vis sé guardante precario doppio; nel 1983, al Teatro Comunale dell'Opera di Genova, la mostra in 9 foto-grafie San Giorgio e il drago, ironia di una assenza.

Negli stessi anni inizia le sue ricerche sul movimento e come logica conseguenza entra in contatto con lo sport. Inizia una sperimentazione su due versanti: verosimiglianza e de-formazione. La prima lo porta, con l'uso esasperato sia dei grandangoli che dei teleobiettivi, a esaltare l'azione, il gesto degli atleti; la seconda a reinterpretare creativamente le forme e i colori del movimento, del dinamismo, sia in fase di ripresa che in fase di elaborazione (prima chimica poi digitale).

Tra le sue mostre più significative:

They Are Coming - Milano, 1985

Lo sport nella stampa internazionale - SICOF Spazio Cultura, Milano, 1987

Omaggio a Marian Skubin - Museo della Scienza e della Tecnica, Milano, 1988

Cromodinamiche - 61° Gran Premio d'Italia, Autodromo di Monza, 1990

Colori e Magie - Roma, Firenze, Milano, Bologna, 1994/1995

Percezioni cromoliquide - Imperia, Roma, 1997

Foto Grafie - Siviglia, Milano, Genova, 1997

Lanterna e dintorni - Salone Internazionale, Genova, 1997

Alchimia - Perth, Losanna, Biella, Imperia, 1998

Toward an exhibition - Coppa Davis (Italia-India), Genova, 1998

Flusso di colore - Area Regione Liguria, Salone Nautico, Genova, 1998

Il senso della sfida - Asti, 1999

Decolor-azione - Museo dello Sport, Genova, 2001

Tracce - Centro Culturale Il Tempietto, Genova, 2001

Immagini per 9 posters - Prato, 2002

Open Space Black & White - Atrio Liceo G.D. Cassini, Genova, 2003

Foto Grafie di Sport - Grand Hotel Diramare, S. Margherita Ligure, 2004

Attraversando lo sport - Pontremoli, 2004

Celebri Azioni Astronomiche - Atrio Liceo G.D. Cassini, Genova, 2003

Orvieto Fotografia - Palazzo dei Sette, Orvieto, 2005

Oltre lo Sport - Galleria Lebowski, Genova, 2005

Assonanze - Galleria Studio Fontana, Albisola Marina, 2005

Modificazioni percettive - Salone del Minor Consiglio, Palazzo Ducale, Genova, 2005

Solid Water - MondoMare Festival, Sanremo, Savona, Lavagna, Lerici, 2007

Hanno pubblicato sue fotografie, in Italia e all'estero, le testate: Airone, American Football Magazin (Germania), Aqua, Autosport (U.K.), Car (U.K.), Class, Crol (Spagna), Elle, Epoca, Espansione, Excelsior, Gente Motori, Gente Viaggi, Il Corriere Mercantile, Il Mondo del Nuoto, Il Mondo del Rugby, Il Secolo XIX, Il Venerdì di Repubblica, King, La Gazzetta dello Sport, La Gazzetta dello Sport Magazine, La Repubblica, L'Espresso, L'Espresso Sport, Lo Sport Italiano, Max, Mondo Barca, Mondo Sommerso, No Limits World, Offshore Tribune, Oggi, Panorama, Soprattutto, Spazio Sport, Sport Magazin (Austria), Sport USA, Sport Week, Superbowl, Superfootball, Swimming World (U.S.A.), The World of Swimming, Tutto Musica e Spettacolo, Uomo Mare, Viaggiare, Waterpolo (Grecia), ecc.

Negli anni, le più prestigiose riviste di fotografia (Progresso Fotografico, Reflex, Il Fotografo, Zoom, Photographies Magazine, ecc.) hanno dedicato ripetutamente ampio spazio alle sue immagini e ricerche.

Nel 2004 ha ricevuto il Premio Speciale "Lo sport nelle immagini" nell'ambito del Bancarella Sport e il Premio "Giornalista Sportivo dell'Anno" designato dal Gruppo Ligure Giornalisti Sportivi.

Hanno utilizzato sue immagini aziende come Arena, Canon, Diadora, Diana, Enciclopedia Treccani, Enichem, Enimont, Fiat, Fiera Internazionale di Genova, IP, OMP, Paul Picot, Speedo, Stiassi, ecc.; e diverse Federazioni Sportive italiane ed estere si sono avvalse della sua collaborazione creativa.

Sue immagini sono state scelte da Arti Grafiche Bicidi per gli esclusivi calendari Modificazioni percettive (2007) e Solid Water Liquid Bodies (2008) in tiratura limitata e numerata.

Da diversi anni tiene corsi teorico-pratici di fotografia, seminari e workshop per Istituti Superiori, Licei, Enti. Nel biennio 2004/2005 ha collaborato con il Corso di Laurea in Scienze Motorie, Facoltà di Medicina e Chirurgia di Genova.

Nel volume "Il Mondo della Comunicazione" del libro di testo per il biennio delle scuole superiori "Interpretare il Mondo" (a cura di Leila Corsi, G.B. Palumbo Editore, 2001), nella sezione dedicata alla fotografia gli sono state dedicate 3 pagine su 30.

Sue opere sono conservate in musei italiani e esteri.

La Forma e la De-Forma

Quello di Massimo Lovati è davvero un caso a sé. Come uomo, come fotografo, come artista. Separatamente, e nel complesso. In realtà queste sue tre facce si intrecciano, inestricabilmente, rendendo il risultato ancora più sorprendente delle singole parti.

Partiamo dall'artista, per passare attraverso il fotografo e l'uomo, per tornare infine all'artista.

Lovati infatti nasce al mondo come artista visivo, pittore e sperimentatore di forme e colori. Non è estranea a tali attività l'influenza di Rocco Borella e Attilio Carreri, artisti e insegnanti al Liceo Artistico e all'Accademia Ligustica di Belle Arti, che attorno a sé, negli ambienti genovesi degli anni '60-'70 specialmente dediti alle ricerche ottico-percettive, avevano saputo stringere e crescere un buon numero di giovani creativi spesso loro allievi. La particolare sintesi tra le geometrie dell'arte concreta e le altrettanto rigorose licenze dell'informale, appresa dai maestri amici, lascerà un segno profondo anche nell'irrequieto Lovati, indirizzatosi decisamente verso l'attenta sperimentazione cromatica e formale.

L'adozione del linguaggio fotografico, avvenuta a cavallo tra gli anni '70 e gli '80, gli suggerisce nuovi orizzonti espressivi. La scomposizione e ri-composizione del movimento nello spazio, peculiare del fotoscatto, e di conseguenza la frammentazione anche concettuale delle forme sensibili, che il fotogramma isola e anatomizza e de-costruisce allo stesso tempo, gli paiono congeniali nel sospingerlo verso i suoi interessi di ricerca. Perciò il neo-fotografo, per natura dotato di un fisico possente e di uno spirito dinamico, in modo quasi inevitabile approda sui lidi della fotografia di sport.

È in questo settore che in brevissimo tempo Lovati si conquista una fama speciale, vasta e del tutto meritata. Il suo modo di operare procede su due binari paralleli: quello più "realistico", peraltro più adatto a trovare posto sul mercato dell'immagine documentaria e giornalistica, e quello più "interpretativo", con foto-grafie (come egli stesso ama definirle, volendo sottolinearne la pregnanza semantica di "scrittura luminosa") destinate al mercato dell'arte, fonte di una anche maggiore soddisfazione personale.

Da un lato, dunque, i suoi obiettivi seguono e congelano gli atleti nei momenti epici e spettacolari – classici – dell'evento sportivo: il movimento e lo sforzo fisico, le forme corporee come volumi scultorei, l'emozione della gara tra sconfitte e vittorie, e le mille concitazioni insite nella competizione. Sull'altro versante, ecco invece il cosciente e voluttuoso abbandono della forma riconoscibile per abbracciare la sorpresa sempre nuova della de-formazione: allungando ad esempio i tempi di otturazione dello scatto, muovendo la fotocamera lungo piani non paralleli al moto della corsa ripresa, i corpi si sfaldano, i colori esplodono come fuochi d'artificio, gli ambienti s'indefiniscono, le sagome metamorfosano, la realtà muta pelle e si trasforma in pura immaginazione onirica, pittorica.

Il trovarsi sempre in prima fila ai vari Campionati Italiani, Europei, Mondiali, Olimpiadi, via via per le varie discipline del nuoto, l'automobilismo, lo sci, il basket, l'equitazione, il rugby, il canottaggio, l'atletica leggera, il calcio, il motociclismo, la vela, e tutto il resto che si può immaginare, ha fornito a questo artista foto-grafico l'occasione di sperimentare in varie direzioni e con numerosi risultati complementari. Molto in anticipo sui tempi, nondimeno, ben prima dell'avvento delle tecnologie digitali tanto in ripresa quanto in postproduzione, già Lovati produceva immagini mai viste prima, di grande audacia visiva e di innovativa pregnanza estetica.

Forse le più note tra le sue opere sono quelle dedicate al nuoto, foto scattate a bordo vasca su tempi brevissimi e con felicissimi esiti spettacolari (la serie raccolta nella fortunata mostra itinerante Solid Water, dove l'altissima velocità dei corpi dei nuotatori si tira dietro le molecole d'acqua in incredibili veli, bolle, proboscidi, barbe, tute, cuscini, mille forme inedite che l'occhio umano da solo non aveva mai potuto registrare prima). Ma ogni forma di sport lo ha visto cimentarsi nel produrre la sua corrispondente de-forma: quasi come se la foga dell'agone che si svolge sul campo sia causa, a propria volta, di un'analoga concitazione nell'artista che la vuole fissare e interpretare a suo modo; come se lo sforzo del foto-grafo gareggi con quello dell'atleta; come se il senso della sfida dei propri limiti sia nell'atmosfera, si espanda dall'uno all'altro, si beva nell'aria condivisa e pervada tutto e inebri tutti. Anche noi, alla fine, che per ultimi partecipiamo, da lontano ormai, all'evento.

Massimo Lovati è un irruente, un individuo dalla personalità fisica e travolgente, un vortice a volte fin stordente di vitalità. Le sue opere, così anticonvenzionali, in parte lo rappresentano e in parte no. Ora capisci come nascano dall'esercizio quotidiano della sua imprevedibilità, dalla scelta coraggiosa del cimento a tutti i costi, dal suo senso ludico perfino; ora non capisci come gli riesca infine di governarle nella loro programmatica centrifuga anarchia, di riordinarle in tanta composta armonia, di trasfigurarle ed elevarle in una dimensione poetica. La realtà è lontana, piegata, superata, vinta.

Ciò che le grafie luminose di Lovati ci regalano è un'appendice inattesa a quanto già conosciamo, un improvviso extra di realtà – un occhio in più, veggente, tra i nostri due (solo) vedenti. È grazie alla sua tecnica di fotografo, alla sua impetuosità d'uomo, alla sua sottigliezza d'artista che vediamo l'invisibile, viviamo l'invivibile. Le sue gare le sa vincere anche lui, a modo suo.

Ferruccio Giromini

il colore veloce / foto-grafie di massimo lovati
mostra a cura dell'Associazione Culturale OCCHIO!
testo critico di Ferruccio Giromini

Genova, Musei di Strada Nuova
Palazzo Rosso, Auditorium Musei di Strada Nuova
27 settembre - 21 ottobre 2007

Orario: Mar-Ven 9.00-19.00 - Sab e Dom 10.00-19.00 - Lun chiuso
Inaugurazione: giovedì 27 settembre, ore 18.30


DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 







RIFLETTORI SU...

Carlo Carrà,
"La Galleria di Milano"


 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.