home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura. In Artonweb l'articolo più letto: L'automobile, mito futurista.
  FOCUS ON  
Libri
Donald Thompson , “Lo squalo da 12 milioni di dollari. La bizzarra e sorprendente economia dell'arte contemporanea”, marketing, brand, psicologia, economia ma anche arte e aneddoti su artisti, galleristi e collezionisti.
Musei
Parigi, Fluctuart, primo museo galleggiante di arte urbana al mondo, ancorato nel porto del quartiere di Gros Caillou, ai piedi del Pont des Invalides.

Concorsi
Pachino (SR), concorso per la progettazione a Noto della sede della Banca di Credito Cooperativo. Consegnail 20 gennaio 2020.

Premi
Assegnato all’architetto giapponese Arata Isozaki il Premio Pritzker 2019.

In Italia
A Roma, nel Chiostro del Bramante, la mostra "Bacon, Freud, la Scuola di Londra".
Fino al 23 febbraio 2020.

All'estero
Londra, alla National Gallery "The Credit Suisse Exhibition: Gauguin Portraits", retrospettiva sulla ritrattistica di Gauguin. Fino al 26 gennaio 2020.

  CERCA NEL SITO  

Madrid, Macchiaioli. Realismo impressionista
fino al 5 gennaio 2014
recensione di Katia Almerini
Macchiaioli, sperimentatori e patriottici bohémien

Fino al 5 gennaio è possibile visitare l’esposizione “Macchiaioli. Realismo impressionista” alla Fundación Mapfre di Madrid.

La proposta di considerare i Macchiaioli come il movimento impressionista d’Italia, è partita dal Museo d’Orsay di Parigi che ha organizzato l’esposizione “I Macchiaioli 1850-1874. Impressionisti italiani?”, visibile fino al luglio scorso. Il titolo, scelto per riqualificare il movimento attraverso il paragone con i colleghi francesi, risulta invece inappropriato perché subordinato ad una logica di arte gerarchica, ormai superata.
I Macchiaioli possono essere considerati un importante movimento artistico con una propria specificità che non ha bisogno di essere omologata ad esperienze straniere, anche se è indubbio che ci siano state influenze e contatti con i pittori francesi, come è sempre avvenuto in tutte le epoche.

In mostra si possono vedere le opere più famose di Giovanni Fattori, Telemaco Signorini, Giuseppe Abbati, Silvestro Lega, Giovanni Boldini, Federico Zandomeneghi, Odoardo Borrani etc., tutte provenienti delle principali collezioni italiane.
Il percorso, suddiviso in sale tematiche, parte dalle origini del movimento, dove si può percepire ancora il legame con l’immaginario romantico italiano e segue, nella sala successiva, con le iconografie più tipiche che rappresentano: il lavoro negli spazi aperti, il paesaggio agreste toscano, attimi di vita quotidiana.
Gli artisti che si incontravano al Caffè Michelangelo a Firenze, ribelli rispetto all’Accademia, lasciarono scuole e atelier per sperimentare una nuova maniera di concepire e fare pittura, en plein air utilizzando in alcuni casi, l’ausilio della nascente fotografia.
Questa attenzione al dato reale, li portò a concentrarsi sullo studio del colore, dando grande importanza alla luce, che è la vera protagonista delle opere. Allo stesso tempo, rivoluzionarono la tecnica pittorica attraverso una stesura a macchia, peculiarità che li rende pionieri di una premodernità italiana e li mette in relazione con gli artisti francesi che, negli stessi anni, lavoravano in maniera simile.

Nonostante il titolo possa far pensare a una lettura forzata del movimento, bisogna comunque sottolineare elementi curatoriali interessanti come la volontà di rimarcare la specificità del movimento e quindi anche il proprio background artistico e intellettuale italiano.
Basti pensare a Beato Angelico e Piero della Francesca, la cui eredità si ritrova soprattutto nelle composizioni e nelle prospettive di interni.

Nella sala dedicata all’unità d’Italia, si propone uno spaccato interessante del periodo risorgimentale di cui i Macchiaioli sono stati “reporter”.
Il gruppo di artisti infatti descrisse in  maniera appassionata le lotte di indipendenza contro gli  austriaci e la nascita di una volontà patriottica simboleggiata dal fiorire di bandiere italiane (cucite e nascoste nelle case o sbandierate nei momenti di guerriglia urbana).

Un’ultima sala è dedicata all’immaginario intimo, occupato dalla rassicurante e tipica figura femminile nel focolare domestico.

Nelle altre sale sono numerose le opere che ritraggono le donne in spazi aperti (soprattutto campi di lavoro) o in momenti di relax borghesi ma quando sono ritratte come protagoniste, appaiono spesso in spazi chiusi, casalinghi nonostante, allo stesso tempo,  venga loro conferito un ruolo necessario per la fondazione di un’ Italia utopica (in 26 aprile 1859 a Firenze di Odoardo Borrani una donna cuce, con pazienza e concentrazione una grande bandiera tricolore).

Macchiaioli. Realismo impressionista
Madrid, Fundación Mapfre
fino al 5 gennaio 2014

link:
I Macchiaioli



DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 







RIFLETTORI SU...

Georg Baselitz
"The gleaner"





 

 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.