home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura. In Artonweb l'articolo più letto: La linea curva
  FOCUS ON  
Libri
L’arte nel cesso. Da Duchamp a Cattelan, ascesa e declino dell'arte contemporanea” di Francesco Bonami: all'arte contemporanea non bastano più le idee che cercano di essere una più rivoluzionaria dell'altra perché ha esaurito il suo potere di stupire.
Musei
A Serra San Quirico (AN), Nuovo Museo di arte contemporanea per celebrare i 20 anni del Premio Ermanno Casoli ed esporre le opere di tutti i vincitori fino ad oggi.

Concorsi
Pontenure (PC), concorso per un progetto pilota di arredi urbani lungo i cammini storici del tratto piacentino della via Francigena e del Cammino di San Colombano.

Premi
Mies van der Rohe 2019, premio biennale per l'architettura assegnato dalla UE, premiati Lacaton & Vassal architectes, Frédéric Druot Architecture e Christophe Hutin Architecture.

In Italia
Matera, la mostra "Salvador Dalí- La Persistenza degli Opposti", nel Complesso Rupestre di Madonna delle Virtù e San Nicola dei Greci. Fino al 30 novembre 2019.

All'estero
Parigi, al Musée National Picasso-Paris "Picasso, Obstinément Méditerranéen", il Mediterraneo nella vita e nelle opere di Pablo Picasso. Fino al 6 ottobre 2019.

  CERCA NEL SITO  

Madrid, “Distancias cortas”
di Katia Almerini
fino al 5 giugno 2011
In mostra i lavori degli ultimi dieci anni di Julião Sarmento, tra ossessioni, voyeurismo e invasione della privacy.

Le ossessioni di Sarmento

Con “distancias cortas” in mostra i lavori degli ultimi dieci anni di Julião Sarmento (1948). Da anni al centro della poetica dell’artista portoghese sono le ossessioni, il voyeurismo, l’invasione della privacy.

La provocazione dei lavori, spesso diretta, convince maggiormente quando è sottile e realizzata con un linguaggio artistico più elaborato, come nelle serie, simili per tecnica, Isolation Domestic (2002) e Hollywood (collage, disegni, messaggi e immagini fotografiche).

Nella prima serie il tema centrale è la desolazione anche se il titolo “domestic” reitera il luogo comune che il senso di solitudine, quotidiano e casalingo, sia unicamente associato all’universo femminile. La seconda serie ha per tema le dive del cinema classico, ogni pezzo è dedicato a un’icona con foto e frase finale di ciascun film. La serie, elegante, rende omaggio non tanto alla donna in sé ma alle icone, al sogno, al desiderio impossibile. Se in principio il tema principale dell’esposizione sembra essere la donna, ben presto ci si rende conto che al centro vi è l’uomo e il suo ossessivo desiderio. Le donne nella maggior parte delle opere, Forget Me (with bucket) (2006), la serie Veneno (1998), il video Jolie Valse (2007) sono rappresentate senza testa, private di qualunque identità.

La donna è pure feticcio anche in Encore (1990). Ogni opera della serie elabora, su due registri, una scena di fellatio estratta da una rivista porno e sull’altro un disegno realizzato dall’artista ad occhi chiusi. L’associazione delle due azioni aperta a molteplici significati, nel complesso risulta sgradevole nel focalizzare il piacere maschile con il momento di creazione artistica, anch’esso esclusivamente maschile. ( Se di puro voyeurismo si tratta, come dice l’artista, avrebbe potuto scegliere anche immagini pornografiche dedicate al piacere femminile).

L’artista dà all’esposizione un preciso significato (intervista): mettere in primo piano le varie sfaccettature dello spettacolo nella vita e nell’arte, lo “spettatore con l’opera, lo spettatore con il curatore, il curatore con l’opera e lo spettatore con lo spettatore”. Aggiungerei anche lo spettatore all’interno dell’opera stessa e mi chiedo perchè questo sia sempre maschile e perchè l’oggetto dello sguardo invece sia sempre una donna, considerando anche la performance Cometa 2009 (in una stanza c’è una coppia seduta poi la donna si alza e balla, provoca l’uomo che la guarda e che alla fine si alza a ballare con lei, baciandola, alla fine sedotto).

La mostra visibile a Madrid alla Casa Encendida fino al 5 giugno è curata da Adrian Searle del The Guardian.


Casa Encendida
Ronda Valencia, 2 28012 Madrid
T. + 34 902 43 03 22 / Fax: +34 91 506 38 76
www.lacasaencendida.es


DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 







RIFLETTORI SU...

Carlo Carrà,
"La Galleria di Milano"


 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.