home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura. In Artonweb l'articolo più letto:Potsdamer Platz
  FOCUS ON  
Libri
L’ ora d'arte” di Tommaso Montanari, quadri, sculture e graffiti per raccontare il fondamentale ruolo civile che, oggi piú che mai, la bellezza è chiamata a ricoprire.
Musei
Nuovo Museo del Design Italiano della Triennale di Milano, esposte le icone del disegno industriale create quando Milano si è trasformata in capitale del design.

Concorsi
EneganArt indice il concorso nazionale 2019 R-Evolution, per promuovere l’arte attuale italiana e il patrimonio artistico nazionale. Scadenza 31 luglio 2019.

Premi
Antonio Aragón Renuncio vince per il 2018 il premio del concorso fotografico “Foto dell’anno UNICEF".

In Italia
Milano, al Mudec "Roy Lichtenstein", in mostra circa 100 opere, dall'1 maggio all'8 settembre 2019.

All'estero
A Berlino, a Weimar, a Dessau ed in molte altre nazioni le principali iniziative per celebrare i 100 anni dalla fondazione della Bauhaus.

  CERCA NEL SITO  

Madrid, due mostre a la Casa Encendida
di Katia Almerini
fino al 20 marzo 2011
Generaciones 2011 e Desaparecidos, un premio alla giovane arte spagnola e una testimonianza sulle atrocità di una storia recente.
foto di Gervasio Sánchez

La Casa Encendida di Madrid, spazio artistico e culturale della Fondazione Caja Madrid, ospita due esposizioni: Generaciones 2011 (fino al 13 marzo) e Desaparecidos (fino al 20 marzo) entrambe a ingresso libero.  
Generaciones 2011 é il premio alla giovane arte spagnola che ogni anno viene offerto dalla Fondazione della Banca Caja Madrid che premia 10 artisti con un finanziamento  15.000 Euro per artista, l'esposizione e la pubblicazione in un Catalogo . Tra i lavori in esposizione si distaccano quello di Pablo Serret de Ena  con  la videoinstallazione Las Cumbres (2010) e quello di Elena García Jiménez con Kleines politisches Wörterbuch (2010).
Pablo si fa portavoce, con il suo corpo, del superamento di difficoltá personali  (insicurezza, affermazione pubblica della propria omosessualità, superamento malattia) che per alcune persone hanno significato un traguardo importante della loro vita e un ulteriore sviluppo dell’ identità. Per ogni esperienza dolorosa è associata una bandiera personale cucita a mano dall’ artista e  posta sopra al rispettivo monitor, divenendo il simbolo del trionfo personale. Nei video, mentre una voce off narra in prima persona l’esperienza, l’artista percorre paesaggi difficoltosi, montuosi o polari fino a portare la bandiera nella vetta piú alta (cumbre).
Elena, spagnola che da alcuni anni vive a Berlino, con i suoi libri dalle pagine destrutturate e ricomposte creando  un personale ricamo linguistico,  ci parla delle difficoltà di penetrare un idioma e al tempo stesso della necessità di uscire dalla propria cultura. L’artista con questi libri  personalizzati così come con le pagine dei documenti in lingua tedesca e con  “cartografía nomade” frutto della combinazione di tre diverse fotografie anch’esse intrecciate, riflette sulla ricontestualizazione personale dell’esperienza nomade tanto da un punto di vista formale quanto dei contenuti.

La mostra  Desaparecidos, espone le testimonianze di uno dei capitoli più scomodi della storia recente, quelle degli scomparsi durante le guerre civili e le dittature. Le fotografie sono di Gervasio Sánchez (dal 1998 inviato per la Pace Unesco) che ha passato moltissimi anni della sua carriera fotografando i luoghi, le persone  e i superstiti delle dittature, colpevoli di aver torturato e fatto scomparire migliaia di persone. La mostra si focalizza principalmente su Argentina, Guatemala, Bosnia-Herzegovina (in particolare Srebrenica), Colombia,  ma anche sulla sviluppata Spagna, dove il percorso di identificazione e di lavoro di scavo per recuperare le identità delle vittima sta in mezzo a un acceso dibattito politico e addirittura arretrato rispetto ad altri luoghi come i Balcani. Riaprire il discorso dei desaparecidos spagnoli, scavare le ancora numerose fosse comuni nascoste in Spagna,  Paese dove la dittatura in realtà non fu combattuta  ma dove si passò alla democrazia con una “transizione pacifica” alla morte di Franco, continua a risultare infatti scomodo e difficile da affrontare.  La mostra si concentra inizialmente sulla memoria della vittime, attraverso il ritratto fotografico dei familiari che abbracciano le foto degli scomparsi, riportandone le generalità e i video delle interviste ai superstiti. Alla memoria delle persone si affianca le memoria dei luoghi del terrore, con un reportage sulle stanze della morte, dove i prigionieri venivano torturati e uccisi, passando da Abu Grahib a Phen Phomn. In ultimo sono esposte le immagini degli scavi e del faticoso lavoro di desumazione che viene effettuato sia nei cimiteri che nelle fosse comuni, in giro per il mondo, che ancora a distanza di decenni porta alla emersione di corpi e oggetti personali, costringendoci a fare i conti un passato che in realtà è tuttaltro che lontano e dimenticato.

Casa Encendida
Ronda Valencia, 2 28012 Madrid
T. + 34 902 43 03 22 / Fax: +34 91 506 38 76
www.lacasaencendida.es


DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 







RIFLETTORI SU...


Marcel Duchamp,"Nu descendant l'escalier n.2"



 

 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.