home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura. In Artonweb l'articolo più letto:Potsdamer Platz
  FOCUS ON  
Libri
L’ ora d'arte” di Tommaso Montanari, quadri, sculture e graffiti per raccontare il fondamentale ruolo civile che, oggi piú che mai, la bellezza è chiamata a ricoprire.
Musei
Nuovo Museo del Design Italiano della Triennale di Milano, esposte le icone del disegno industriale create quando Milano si è trasformata in capitale del design.

Concorsi
EneganArt indice il concorso nazionale 2019 R-Evolution, per promuovere l’arte attuale italiana e il patrimonio artistico nazionale. Scadenza 31 luglio 2019.

Premi
Antonio Aragón Renuncio vince per il 2018 il premio del concorso fotografico “Foto dell’anno UNICEF".

In Italia
Milano, al Mudec "Roy Lichtenstein", in mostra circa 100 opere, dall'1 maggio all'8 settembre 2019.

All'estero
A Berlino, a Weimar, a Dessau ed in molte altre nazioni le principali iniziative per celebrare i 100 anni dalla fondazione della Bauhaus.

  CERCA NEL SITO  

Sordevolo (Biella),Loriana Castano UNIVERSI MINIMI
dal 26 Settembre al 22 Ottobre 2009
L'intera opera di Loriana Castano esposta in Italia per la prima volta.

Progetto promosso e coordinato da Zero Gravità
Villa Cernigliaro per Arti e Culture


con il Patrocinio e Contributo di

Regione Piemonte
Provincia di Biella
Comune di Sordevolo
Fondazione Cassa di Risparmio di Biella
Archivio F. Conz Verona


Ideazione direzione artistica Carlotta Cernigliaro
Direzione amministrativa Pierluigi Perinotto
Direzione tecnica Christian Lampis
Catalogo Zero gravità - Autori: Alberto Veca, Francesca Pensa, María Zambrano traduzioni: Maura Pizzorno, Josella Greco
Progetto grafico, realizzazione esecutiva, ufficio stampa Buonsegno, Sordevolo
Web press Dina Pierallini Art&design, Biella
Foto Paolo Castono; Loriana Castano, Carlotta Cernigliaro

presenta
Loriana Castano
UNIVERSI MINIMI

Si segnala l’esposizione dell’intera opera per la prima volta in Italia a cura di Carlotta Cernigliaro e Loriana Castano

26 Settembre . 22 Ottobre 2009
venerdì, sabato e domenica dalle ore 14.30 alle ore 19.00
L’ingresso al pubblico è libero
visite giuidate su prenotazione

Vernissage sabato 26 settembre ore 17.00

Per informazioni: Carlotta Cernigliaro, Zero Gravità Villa Cernigliaro per arti e culture
Presidente associazione, mobile 334.613061613817 Sordevolo (Bi) via Clemente Vercellone 4 tel. 015.2562174/793
info@villacernigliaro.it - zerogravita@libero.it
Siti zerogravita.eu, villacernigliaro.it
Loriana Castano 20144 Milano via Tortona 76tel. 02.423818 mobile 338.53.31.213 loriana.castano@yahoo.it

Loriana Castano è nata a Milano dove vive e lavora. Ha compiuto i suoi studi all'Accademia di Belle Arti di Brera. Dal 1978 ha collaborato alla realizzazione visiva dimusiche ambientali a Milano nel 1978, a Parigi nel 1978, Monaco e Firenze nel 1980 e Berlino e Milano nel 198. Dal 1997 al 2008 Libri d’Artista: Edizione I quaderni di Orfeo.
Brevi testi estrapolati dal Catalogo: Ne dice di cose Loriana Castano, racconti diversi talmente sovrapposti e intrecciati da non lasciare il tempo di afferrarli, storie della nostra Storia dell’arte e storie personali, episodi avventurosi nell’amore, estremi nella pittura: mescolanza di intimità ed estetica. Ne esce un profilo umano e artistico straordinario. Loriana, che nasce a Milano, frequenta sì l’Accademia di Brera, ma prima l’Africa, Bengasi e Maltadove la musica inquietante le entra dentro nello stomaco come un indefinibile insieme di sofferenza epiacere. Scarabocchia, sui libri, ma più che scrivere disegna, e suona il piano, già consapevole di averiniziato. Una bimba fragile, con la testa fra le nuvole, sola e indipendente, ma sempre pronta a socializzare. All’Accademia di quei tempi incontra Valerio Adami, Umberto Mariani, Gianni Colombo, Davide Boriani, Grazia Varisco, Giovanni Anceschi. Con Manzoni, Dova, Bonalumi e Scanavino si trovano al Giamaica e con il sacco a pelo dormono in Brera, la loro fortezza. Fanno arte con tutto, e Loriana dipinge su tutto, ancora legata alla vecchia tradizione, anche se attratta fortemente dall’immaginificamente di Piero Manzoni. Insieme creano un tempo vitale, un mondo diverso in cui finisce anchela pittura. Poi, fuori! Là tutto si frantuma. Si allontana dai gruppi appena nati, non ha progetti precisi, lavora emotivamente, vive in una dimensione letteraria e poetica. (...) In quel periodo incontra il compositore Walter Marchetti: insieme danno inizio ad altre forme di sperimentazione. (...) Nelle scritture ultime derivate sta tutta la sua inenarrabile emozione. In quei segni muta un universo straziante la cui armonia ci arriva diretta. Questa è l’azione poetica quasi seriale che Loriana Castano produce nel tempo, e questo è il lavoro, legato alla scrittura, veramente definitivo, non consumato, reso finito, che la mostra presenta. Carlotta Cernigliaro, agosto 2009. Da interviste a Loriana Castano durante i lavori (...). La poetica sulla quale la Castano si concentra in questi anni viene indagata attraverso una inesausta attività grafica. Il passaggio successivo vede un mutamento deciso delle modalità formali dell’autrice, che comincia la sua analisi del tema prediletto del segno-scrittura, sviluppato nelle sue molteplici potenzialità visive. La ricerca dei materiali diviene una costante del lavoro della Castano: carte dalle cromie e dalla fattura particolare, tele antiche, ricercati pigmenti, ma anche oggetti come corde dagli svariati colori, vengono scelti con una attenta selezione. Nascono così opere come I Trittici, realizzati su carte provenienti da remote località, contenenti misteriose testimonianze paleografiche fissate con linguaggi ormai perduti e incomprensibili. Con Universo Minimo vediamo aggiungersi ulteriori riflessioni poetiche, concentrate sull’idea e sulsignificato del frammento. È questa la strada che porta alla creazione dei più recenti Alfabeti: sulla superficie che costituisce la base di queste immagini si pongono lacerti di carta dalla forma assimilabile al rettangolo, disposti in uno schema ordinato ma non rigido, contraddistinti da grafismi, che appaiono come brandelli di parole strappati da testi interrotti e incomprensibili. L’artista inizia il suo lavoro scrivendo su grandi fogli: le parole sgorgano liberamente dalla mente e possono fare riferimento a situazioni, stati d’animo, emozioni che la Castano avverte la necessità di fermare nella grafia che la impegna in questa prima parte della creazione artistica. Successivamente, i fogli vengono strappati, ridotti in frammenti e, nelle ultime prove, subiscono studiate cancellature: passaggio finale è la collocazione di questi brandelli di discorso sulle carte di varie dimensioni o su tele, in una disposizione del tutto diversa e slegata rispetto all’ordine originario. L’iniziale traccia della scrittura, scomposta e annullata, perde il suo valore semantico per assumerne un altro, riferito esclusivamente alla forma e alla valenza visiva. Complementari agli Alfabeti e ai lavori ispirati alla scrittura sono i Libri, ispirati a opere letterarie diverse: la narrazione scritta viene ampliata e tradotta da un intervento cherivive la comunicazione poetica nella dimensione espressiva del linguaggio visivo, realizzando opere che hanno l’apparenza di antichi codici, dei quali riaffermano l’unicità assoluta e preziosa. L’artista si è dedicata anche ad altre e diverse declinazioni della sua ricerca creativa: così è per i Vestiti, ottenuti sempre con le carte e ispirati alla forma di antichi abiti che però il filtro del tempo ha ridotto a larve di un lusso sontuoso che la storia ha distrutto. Paesaggi combusti di una geografia della mente appaiono invece nelle Terre bruciate, mentre non sono mancati, nel percorso dell’autrice, anche installazioni, come Arianna, composta da una ragnatela di fili di colore diverso tesi nello spazio di una strada. La produzione di questa artista mostra dunque risultati differenti che però provengono da un unico pensiero poetico ed espressivo. Vocaboli diversi, ripresi dai linguaggi della scrittura e delle immagini, compongono queste opere e fanno pensare alla verità custo dita nell’antico linguaggio dei Greci, per i quali il verbo grafo indicava l’atto di dipingere e di scrivere: nessuna parola sembra più adatta per definire l’arte di Loriana Castano. Francesca Pensa (...) Si potrebbe suggerire che è in gioco un percorso che si oppone all’estraneità e all’anonimato del foglio diversamente stampato e giunge alla considerazione del proprio documento come un autoritratto, come tale inconfondibile, immediatamente individuabile tanto nella calligrafia - ma questo potrebbe essere congiuntura consueta - quanto negli strumenti fisici con cui l’opera risulta realizzata. (...)

Alberto Veca, Milano, maggio 2009


DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 







RIFLETTORI SU...


Marcel Duchamp,"Nu descendant l'escalier n.2"



 

 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.