home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura.
L'articolo più letto in Artonweb:"Milano è una brutta e mal combinata città...".
  FOCUS ON  
Libri
Di Donald A. Norman, padre del ''design antropocentrico”, “La caffettiera del masochista”, inganni e paradossi della cattiva tecnologia negli oggetti di uso quotidiano.
Musei
San Marino, inaugurato presso le Logge dei Volontari il nuovo Museo d’arte moderna che raccoglie oltre mille opere del ‘900 italiano.

Concorsi
Urban Stone Contest, concorso di idee per la progettazione di una seduta urbana da stampare in 3D capace di migliorare l’esperienza del vivere e rilassarsi all’aperto.
Scadenza 30 agosto 2018.

Premi
Premio Pritzker 2018 all'architetto indiano Balkrishna Doshi, collaboratore di Le Corbusier e di Louis Kahn, per i suoi progetti di abitazioni a basso costo.

In Italia
Milano, a Palazzo Reale e altre sedi in città, “Alik Cavaliere. L'universo verde”, mostra diffusa di arte contemporanea.
Fino al 9 Settembre 2018.

All'estero
Potsdam, Museo Barberini , "Gerhard Richter: Abstraction" , in mostra 80 dipinti dagli anni '60 ad oggi.
Fino al 21 ottobre 2018.

  CERCA NEL SITO  

LA CRITICA D’ARTE DEI LETTERATI
di Alessandro Tempi
pubblicato il 23/01/2018
Nascita della critica d'arte, dapprima attività collaterale di personaggi già impegnati in altri campi o di amici e compagni degli artisti stessi, poi, nel secondo dopoguerra, appannaggio di critici d'arte militanti, diversi per interessi, obiettivi ed estrazione professionale.

Copertina di Emporium, volume X, numero 56, 1899

La moderna critica d’arte nasce grazie all’aumento crescente di rubriche d’arte nella stampa a grande tiratura, ma anche alla nascita delle riviste specializzate (1).  Entrambe le circostanze determinarono, in Francia a metà del XIX secolo, la richiesta di personale in grado di svolgere l’attività di commento alle mostre d’arte, i cosiddetti “Salons”, che fin dal loro inizio era stata commissionata a letterati del calibro di Diderot e successivamente a Baudelaire (come pure, più tardi, a Zola e Apollinaire). In realtà, ancora al tempo del poeta francese, i critici più in voga, tolto Paul Mantz che era un funzionario del ministero dell’Interno, erano spesso o pittori o disegnatori come Eugene Fromentin, Théophile Thoré, Charles Blanc o letterati come Champfleury, Théophile Gautier, i Goncourt (2).
Se ne può dedurre che, in quel periodo, la critica d’arte fosse in genere un’attività collaterale, sia nel senso che affiancava l’attività ordinaria di personaggi già impegnati in altri campi, sia nel senso che spesso era svolta da amici o compagni di strada degli artisti stessi, di cui condividevano presupposti e finalità.(3)

Tuttavia quelle citate possono dirsi eccezioni di rilievo, in quanto, nell’Ottocento, l’attività critica nella sua generalità era di fatto in mano di professionisti più modesti e scrittori minori.
In Italia, l’epoca della critica militante si apre con Diego Martelli (1839-1896), sostenitore dei Macchiaioli e divulgatore dell’Impressionismo.
Successivamente le ragioni dell’arte moderna troveranno in Vittorio Pica (1864-1930), direttore della rivista “Emporium”, il suo paladino. Ma fin dall’inizio del secolo anche artisti come Carlo Carrà e Ardengo Soffici manifestano un impegno critico diffuso e continuato, anche se nel loro caso non si può parlare tanto di una professione autonoma, quanto di un’attività di promozione del proprio orizzonte artistico.

Nell’Italia dei primi decenni del Novecento, del resto, i critici d’arte militanti sono ancora pochi: il giornalista Ugo Ojetti, la scrittrice Margherita Sarfatti e cattedratici Roberto Longhi e Lionello Venturi. E’ però nel secondo dopoguerra che l’attività critica militante si è intensificata, diversificandosi per interessi, obiettivi ed estrazione professionale.
In larga parte, ancora vi afferivano quanti la svolgevano in modo collaterale alla loro professione principale. Si trattava, ancora una volta, di scrittori e poeti o anche artisti stessi che, più che impegnarsi in letture o più semplicemente recensioni critiche, si producevano in quei testi di circostanza che sono le presentazioni in catalogo, un sottogenere poco più che apologetico nel quale la firma “illustre”, anche se non necessariamente specialista del settore, funziona come una sorta di avallo o di garanzia per dare rilievo all’artista e promuoverlo agli occhi di un pubblico non particolarmente competente. Un costume consueto delle gallerie è stato quello di utilizzare con un certo sussiego questo sottogenere di critica, nell’illusione spesso puramente mercantile che la firma celebre trasferisca parte della sua celebrità all’artista (4), o, al contrario, che per presentare un artista di rilievo ci voglia un letterato di altrettanto rilievo.

Ciò che accomuna i testi di questo sottogenere è il venir meno dell'attenzione propriamente documentaria e informativa e l’emergere di atteggiamento mimetico-competitivo nei confronti della materia trattata: il testo, insomma, come riverbero o continuazione dell’opera. Si tratta insomma di “impressionismo” ecfrastico, che, nel più puro spirito dell’estetismo, trasfonde in prosa poetica o liricheggiante il confronto “titanico” con l’oggetto artistico – atteggiamento inaugurato proprio nell’Ottocento da Sainte-Beuve, Walter Pater e Oscar Wilde.


(1) Come “La Revue indépendente”, di Felix Fénéon, fondata a Parigi nel 1883.
(2) Numerosissimi furono i casi di critici-poeti: oltre a quelli citati, vi furono anche Mallarmé, Valéry, Rilke e Breton. Numerosi anche gli critici-scrittori: Goethe, Stendhal, Huysmans, Balzac, Proust, Henry James, Malraux, Sartre, Butor.
(3) E’ il caso di Apollinaire per i cubisti, o di Breton, Aragon ed Eluard per i surrealisti
(4) Per un certo periodo, in Italia, il quartetto formata dai poeti Libero De Libero, Alfonso Gatto, Leonardo Sinisgalli e Raffaele Carrieri ha praticamente egemonizzato in quel genere della pubblicistica d’arte detto “presentazione in catalogo”, ma, più in generale, si può dire che non vi sia stato scrittore o poeta, in Italia, da Montale a Luzi, da Parise a Comisso, da Raboni a Siciliano, cui non sia stato chiesto un contributo in questo sottogenere, con esiti talora tutt’altro che felici.


DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 








RIFLETTORI SU...


Joan Miro', "La poetessa"



Metafisico bisogno di astrazione ed un mai dimenticato amore per la materia, i due poli fra i quali oscilla la poetica di un grande surrealista...... continua

 

 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.