home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura.
L'articolo più letto in Artonweb:"Milano è una brutta e mal combinata città...".
  FOCUS ON  
Libri
Di Donald A. Norman, padre del ''design antropocentrico”, “La caffettiera del masochista”, inganni e paradossi della cattiva tecnologia negli oggetti di uso quotidiano.
Musei
San Marino, inaugurato presso le Logge dei Volontari il nuovo Museo d’arte moderna che raccoglie oltre mille opere del ‘900 italiano.

Concorsi
Urban Stone Contest, concorso di idee per la progettazione di una seduta urbana da stampare in 3D capace di migliorare l’esperienza del vivere e rilassarsi all’aperto.
Scadenza 30 agosto 2018.

Premi
Premio Pritzker 2018 all'architetto indiano Balkrishna Doshi, collaboratore di Le Corbusier e di Louis Kahn, per i suoi progetti di abitazioni a basso costo.

In Italia
Milano, a Palazzo Reale e altre sedi in città, “Alik Cavaliere. L'universo verde”, mostra diffusa di arte contemporanea.
Fino al 9 Settembre 2018.

All'estero
Potsdam, Museo Barberini , "Gerhard Richter: Abstraction" , in mostra 80 dipinti dagli anni '60 ad oggi.
Fino al 21 ottobre 2018.

  CERCA NEL SITO  

LE RANE - ENO A FIRENZE, 1987
di Alessandro Tempi
pubblicato il 19/08/2017
Trent'anni fa l'ultima, emozionante esperienza fiorentina di Brian Eno, con un'inquietante presenza non prevista dalla quale l'artista prende decisamente le distanze.
Brian Eno and Michael Brook

Sono passati giusto trent’anni.
Un duo di infaticabili e perspicui – anche se mai adeguatamente riconosciuti – professori della Facoltà di Architettura di Firenze, spesso in anticipo sui tempi a venire, concepiscono la loro ennesima impresa: un convegno denominato “Cultura/Tecnologia/Metropoli”. Era il 1987, non c’era internet, imperava ancora l’analogico e Nicholas Negroponte era ancora uno sconosciuto. Il convegno, secondo i suoi due ispiratori, doveva servire a capire se la nostra idea di città, nata nella modernità, fosse pronta e quanto lo fosse, in caso, al cambiamento tecnologico che si andava prospettando all’orizzonte.

Per farlo, Egidio Mucci e Pier Luigi Tazzi avevano messo insieme alcune delle voci più significative nel mondo dell’architettura e dell’urbanistica internazionale, ma affinché il dibattito non fosse solo fra cattedratici, concepirono anche tre momenti espositivi: una mostra di giovani designer italiani, un lavoro plastico realizzato in loco dell’artista tedesco Thomas Schutte (nel Chiostro delle Donne) ed un’installazione sonora di Brian Eno dal titolo “In harmonic space” (nel Chiostro degli Uomini), realizzata insieme a Michael Brook.

Erano, per Eno, anni molto “italiani”. Ricorda Rick Poynor: “Gli Italiani avevano accolto calorosamente i suoi lavori”.  Ed era vero: fin dal 1984 in Italia si era fatto a gara ad ospitare installazioni e sonorizzazioni di Eno: due volte a Roma, due a Milano, una a Bari e perfino alla Biennale di Venezia del 1986 (1). L’audace installazione montata all’Ospedale degli Innocenti di Firenze, costituita da 24 diffusori che emanavano il suono dal basso, aveva subito trovato un acquirente. “Gli Italiani” raccontava entusiasticamente Eno a Poynor “si emozionano per quelle cose che sono fuori dagli schemi. Noi (gli Inglesi) non compriamo arte come fanno loro”(2). In effetti, proprio in quell’anno la RAI avrebbe sborsato 5000 sterline per la sigla del TG3 di Alessandro Curzi, della durata di venti secondi scarsi, commissionata proprio a Brian Eno (3).

Ma torniamo agli Innocenti. In quel marzo, richiamato dal nome del mio prediletto, visitai la mostra. Non solo la sonorizzazione, di cui si può ascoltare un estratto nel cd The Shutov Assembly del 1992, ma tutta l’operazione era ammaliante per le mie orecchie avide di tutto ciò che suonasse cutting edge. Ma c’erano “le rane”.

Il Chiostro era infatti popolato di enormi oggetti vagamente simili a pistilli che scaturivano dal pavimento, con la parte superiore che pareva un minaccioso occhio o monitor, lì collocate dai solerti architetti di un noto studio fiorentino forse come prototipi delle cabine telefoniche del futuro. Erano appunto “le rane”, dalle quali Eno con un comunicato stampa si dissociava apertamente precisando che non avevano e non dovevano avere niente a che fare con “In harmonic space”.

L’episodio(4) non intaccò l’entusiasmo di Eno per l’Italia: in quella stessa estate ritornò a Roma (con Andrew Logan, all’Orto Botanico) e a Bari (al Crossover Festival) con due nuove installazioni sonore. Ma a Firenze non è più tornato, se non cinque anni dopo e in gran segreto, per il matrimonio di David Bowie.

(1) More dark than shark
(2) Design Observer
(3) Nuovo look al TG3 ma il meglio verrà il prossimo autunno
(4) La presenza delle “rane” fu in qualche modo subìta anche dai curatori del convegno, come mi ha recentemente rivelato il professor Tazzi.

 

DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 








RIFLETTORI SU...


Joan Miro', "La poetessa"



Metafisico bisogno di astrazione ed un mai dimenticato amore per la materia, i due poli fra i quali oscilla la poetica di un grande surrealista...... continua

 

 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.