home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura. In Artonweb l'articolo più letto:Potsdamer Platz
  FOCUS ON  
Libri
L’ ora d'arte” di Tommaso Montanari, quadri, sculture e graffiti per raccontare il fondamentale ruolo civile che, oggi piú che mai, la bellezza è chiamata a ricoprire.
Musei
Nuovo Museo del Design Italiano della Triennale di Milano, esposte le icone del disegno industriale create quando Milano si è trasformata in capitale del design.

Concorsi
EneganArt indice il concorso nazionale 2019 R-Evolution, per promuovere l’arte attuale italiana e il patrimonio artistico nazionale. Scadenza 31 luglio 2019.

Premi
Antonio Aragón Renuncio vince per il 2018 il premio del concorso fotografico “Foto dell’anno UNICEF".

In Italia
Milano, al Mudec "Roy Lichtenstein", in mostra circa 100 opere, dall'1 maggio all'8 settembre 2019.

All'estero
A Berlino, a Weimar, a Dessau ed in molte altre nazioni le principali iniziative per celebrare i 100 anni dalla fondazione della Bauhaus.

  CERCA NEL SITO  

Giorgio De Chirico - "La torre rossa"
di Alessandro Tempi
pubblicato il 12/04/2007
un dipinto che rielabora le forti impressioni visive del breve soggiorno torinese dell'artista, sotto la suggestione delle letture di Nietzsche.
Nel marzo del 1912 Giorgio De Chirico, ventiquattrenne, è a Torino per presentarsi al distretto militare. Viene arruolato in fanteria, ma dopo dodici giorni diserta e rientra clandestinamente a Parigi.
Subisce per questo una condanna in contumacia a diciotto mesi di carcere. Tutto ciò, però, non sembra preoccuparlo.
In realtà, questo è il periodo in cui egli è preso dalla rielaborazione delle forti impressioni visive del breve soggiorno torinese, durante il quale, sotto la suggestione di Nietzsche, ha visto la città con gli occhi del filosofo.
Dirà poi : “E’ stata Torino ad ispirarmi la serie di quadri che ho dipinto dal 1912 al 1915. Confesso, in verità, che devo molto anche a Federico Nietzsche, di cui ero allora un appassionato lettore. Il suo Ecce Homo, scritto a Torino prima di precipitare nella follia, mi ha aiutato molto a capire la bellezza così particolare di questa città.”

Il dipinto intitolato “La torre rossa” fa parte di questa serie di opere enigmatiche che De Chirico dipinse prima della costituzione della Metafisica, a Ferrara nel 1917. L’ambientazione è il loro leit-motiv esteriore: è Torino, appunto, “la città quadrata dei re vittoriosi, delle grandi torri e delle piazze soleggiate”, piazze tipicamente italiane, circondate o introdotte da portici o facciata classiche, ma che si tasformano in scenari vuoti e sinistramente silenziosi che sembrano fatti apposta per la rappresentazione di drammi invisibili.
Ed in effetti, per gli spettatori di quegli anni simili scenari deserti, percepiti come progetti scenografici, si presentavano come la promessa di un’azione drammatica.
Qualche anno più tardi, parlando del “fine della pittura del futuro”, De Chirico si sarebbe opposto a questa percezione esclusivamente scenografica dei suoi quadri, indicando per essi altri obiettivi: “Sopprimere completamente l’uomo come punto di riferimento, come mezzo per esprimere un simbolo, una sensazione, un pensiero: liberarsi (…) dall’antropocentrismo. Vedere tutto, anche l’uomo, in quanto cosa. Questo è il metodo nietscheano.”

Con l’ausilio del radicalismo di Nietzsche, De Chirico intendeva affrancarsi dai clichés della tradizione umanistica, per ravvivarne ancora una volta lo spirito più autentico, che coincideva, come per il suo filosofo preferito, con “la redenzione di tutto il passato” dalla propria ingombrante storia e la restituzione alle cose del loro valore di rivelazione dell’enigma della vita.


DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 







RIFLETTORI SU...


Marcel Duchamp,"Nu descendant l'escalier n.2"



 

 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.