home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura. In Artonweb l'articolo più letto:Potsdamer Platz
  FOCUS ON  
Libri
L’ ora d'arte” di Tommaso Montanari, quadri, sculture e graffiti per raccontare il fondamentale ruolo civile che, oggi piú che mai, la bellezza è chiamata a ricoprire.
Musei
Nuovo Museo del Design Italiano della Triennale di Milano, esposte le icone del disegno industriale create quando Milano si è trasformata in capitale del design.

Concorsi
EneganArt indice il concorso nazionale 2019 R-Evolution, per promuovere l’arte attuale italiana e il patrimonio artistico nazionale. Scadenza 31 luglio 2019.

Premi
Antonio Aragón Renuncio vince per il 2018 il premio del concorso fotografico “Foto dell’anno UNICEF".

In Italia
Milano, al Mudec "Roy Lichtenstein", in mostra circa 100 opere, dall'1 maggio all'8 settembre 2019.

All'estero
A Berlino, a Weimar, a Dessau ed in molte altre nazioni le principali iniziative per celebrare i 100 anni dalla fondazione della Bauhaus.

  CERCA NEL SITO  

Paul Delvaux - "L'aurora"
di Alessandro Tempi
pubblicato il 12/04/2007
Fatali donne-albero in attesa, in una composizione di inquietante incongruenza entro uno spazio in cui latita, alla maniera dei surrealisti, un profondo e conturbante erotismo.
Nel luglio del 1937, epoca cui risale questo dipinto ("L’aurora", oggi a Venezia, nella Collezione Peggy Guggenheim), l’essenziale dell’arte di Delvaux era già stabilito.
In un contesto scenico rigorosamente definito, come appunto nel caso de L’aurora – e che pone sullo stesso piano il giardino, la città nordica, le rovine o l’edificio antico – donne nude quanto mai veridiche sembrano convenute ad un attesa che non può non avere a che fare con la figura maschile, quasi sempre completamente vestita. Ne L’aurora, tuttavia, questi motivi vengono declinati secondo una personalissima grammatica, che si incentra nella fusione donna-albero, che a prima vista farebbe pensare ad un parallelo con temi metamorfici della mitologia greca, ma che il pittore ha sempre negato.
Altro elemento di spicco è quello dello specchio, che riflette una figura che non fa parte della scena, ma esiste al di fuori della superficie del quadro. In un certo senso, questa figura rappresenta chi osserva ed il fatto che spesso chi osserva sia un uomo aumenta l’ironia della rappresentazione.

Questo motivo sarebbe del resto piaciuto in modo particolare a Marcel Duchamp, che avrebbe utilizzato l’immagine dello specchio inserita in un collage sintomaticamente intitolato Alla maniera di Delvaux (1942).
Come René Magritte, anche lui belga, Delvaux rappresenta con dovizia di meticolosi particolari scene che traggono la loro forza di impatto da inquietanti incongruenze del soggetto. In questo caso Delvaux utilizza la distorsione prospettica per creare rapidi e improvvisi movimenti di profondità dal primo piano, ove sta riunito il quartetto fatale, verso il fondo, ove una figura maschile fa la sua timida comparsa.
Ma in questo quadro Delvaux paga anche il suo tributo a De Chirico per quel senso inquietante dello spazio che sembra forzato da evidenze luminose (o numinose) alle quali sembra essere consegnato un potere senza parole, retorico e pensoso al tempo stesso, in cui latita, alla maniera dei surrealisti, un profondo e conturbante erotismo.


DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 







RIFLETTORI SU...


Marcel Duchamp,"Nu descendant l'escalier n.2"



 

 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.