home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura. In Artonweb l'articolo più letto: La linea curva
  FOCUS ON  
Libri
L’arte nel cesso. Da Duchamp a Cattelan, ascesa e declino dell'arte contemporanea” di Francesco Bonami: all'arte contemporanea non bastano più le idee che cercano di essere una più rivoluzionaria dell'altra perché ha esaurito il suo potere di stupire.
Musei
A Serra San Quirico (AN), Nuovo Museo di arte contemporanea per celebrare i 20 anni del Premio Ermanno Casoli ed esporre le opere di tutti i vincitori fino ad oggi.

Concorsi
Pontenure (PC), concorso per un progetto pilota di arredi urbani lungo i cammini storici del tratto piacentino della via Francigena e del Cammino di San Colombano.

Premi
Mies van der Rohe 2019, premio biennale per l'architettura assegnato dalla UE, premiati Lacaton & Vassal architectes, Frédéric Druot Architecture e Christophe Hutin Architecture.

In Italia
Matera, la mostra "Salvador Dalí- La Persistenza degli Opposti", nel Complesso Rupestre di Madonna delle Virtù e San Nicola dei Greci. Fino al 30 novembre 2019.

All'estero
Parigi, al Musée National Picasso-Paris "Picasso, Obstinément Méditerranéen", il Mediterraneo nella vita e nelle opere di Pablo Picasso. Fino al 6 ottobre 2019.

  CERCA NEL SITO  

Anselm Kiefer, "Varus"
di Alessandro Tempi
pubblicato il 30/09/2008
Un artista dall'attitudine provocatoria che sa raccontare l'orrore della guerra senza mostrarne le atrocità.
Fin dai suoi esordi, il pittore Anselm Kiefer (Donauschingen, Germania, 1945-vivente) ha sempre manifestato un’attitudine provocatoria a collegare elementi accettati e costitutivi della tradizione culturale tedesca con le loro inaccettabili conseguenze storiche. Di queste ultime, la più tremenda era senza dubbio il nazismo. Kiefer lavorava su un discrimine pericoloso. Le sue provocazioni risvegliavano repulsione o accuse di ambiguità; la sua diventava una posizione equivoca, che sfidava apertamente l’incomprensione.

Nel 1976, Kiefer si misura con un mito della memoria culturale germanica: la Selva di Teutoburgo, luogo in cui, nel 9 d.C, tre legioni romane comandate da Quintilio Varo vennero annientate dai Cherusci di Arminio. Nel grande dipinto, intitolato “Varus”, Kiefer cita esplicitamente lo “Chasseur nella foresta” di C.D. Friedrich nell’impianto scenico del quadro; ma questa volta la prospettiva porta l’osservatore a percorrere un sentiero invernale lordato di sangue.

Tuttavia, al posto del dragone francese, abbiamo solo un nome, vergato a lettere anonime ai piedi degli alberi spogli, Varus appunto. Non una figura, ma un nome. Sembra che per tenere vivo il ricordo della morte e della distruzione, per rievocare l’orrore della battaglia, Kiefer non abbia bisogno di dipingere figure che ce lo esplicitino. Così egli non cade nella trappola della “mostra delle atrocità” tipica di una società che ha mercificato l’orrore nella sua finzione. L’orrore, nella storia, è reale e irrestituibile. Farne mostra, perfino sulla superficie di un quadro, è pura finzione che ci fa dimenticare, ci anestetizza alla sua reale brutalità.

Ma la foresta di “Varus” non trasuda solo l’orrido della morte. Qui si consuma una strage consegnata alla storia, ma anche un inizio. La battaglia vinta da Arminio, infatti, è anche l’evento inaugurale di un mito destinato a durare, quello del Deutschtum, che drammaticamente è, per il popolo tedesco, anche uno Schicksal, un destino. Ed appesi ai rami di questi tronchi nudi pendono i nomi di coloro che di quel destino si sono fatti portavoce: Klopstock, Heinrich von Kleist, Christian Dietrich Grabbe, tutti autori sette-ottocenteschi di opere letterarie sulla figura di Arminio.

Il sentiero sul quale Kiefer ha condotto l’osservatore conduce ad un punto nel quale la storia gli viene incontro con tutto il suo carico di orrori. Si direbbe, insomma, che quel sentiero sia un Holzweg, un “sentiero interrotto”, che improvvisamente finisce nel fitto della selva e non consente a chi lo seguiva fin lì di procedere oltre. Varo lo ha sperimentato, sembra dire Kiefer, Arminio lo avrebbe sperimentato di lì a poco, la Germania stessa lo sperimenterà. Essere su un Holzweg lascia chi vi si trova nelle braccia di qualcosa di terribile, con cui bisogna fare i conti.

DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 







RIFLETTORI SU...

Carlo Carrà,
"La Galleria di Milano"


 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.