home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura. In Artonweb l'articolo più letto:Potsdamer Platz
  FOCUS ON  
Libri
L’ ora d'arte” di Tommaso Montanari, quadri, sculture e graffiti per raccontare il fondamentale ruolo civile che, oggi piú che mai, la bellezza è chiamata a ricoprire.
Musei
Nuovo Museo del Design Italiano della Triennale di Milano, esposte le icone del disegno industriale create quando Milano si è trasformata in capitale del design.

Concorsi
EneganArt indice il concorso nazionale 2019 R-Evolution, per promuovere l’arte attuale italiana e il patrimonio artistico nazionale. Scadenza 31 luglio 2019.

Premi
Antonio Aragón Renuncio vince per il 2018 il premio del concorso fotografico “Foto dell’anno UNICEF".

In Italia
Milano, al Mudec "Roy Lichtenstein", in mostra circa 100 opere, dall'1 maggio all'8 settembre 2019.

All'estero
A Berlino, a Weimar, a Dessau ed in molte altre nazioni le principali iniziative per celebrare i 100 anni dalla fondazione della Bauhaus.

  CERCA NEL SITO  

Karl Hofer, "Le stanze nere"
di Alessandro Tempi
pubblicato il 23/06/2007
Un quadro premonitore che rappresenta la percezione dell'artista sulla situazione politica tedesca di quel periodo, inquietante metafora di ciò che il futuro riserverà alla Germania di lì a poco.
Karl Hofer, conosciuto come pittore di quadri di soggetto abbastanza tradizionale, dipinse la prima versione de Le stanze nere nel 1928 insieme ad altri due quadri – Yellow Dog Blues e Autoritratto con diavoli – che rappresentano la sua percezione della situazione politica tedesca del periodo. In questo "Le stanze nere", del 1943, olio su tela di 149x110 cm. oggi alla Nationalgalerie di Berlino, Hofer ci fornisce una inquietante metafora di ciò che il futuro avrebbe riservato alla Germania di lì a poco. Cercando di spiegare questo elemento di premonizione, Hofer scrisse più tardi: “L’artista è un sismografo spirituale che predice il disastro imminente. E questo non è avvenuto solo nel mio lavoro.”

Quando il suo studio venne distrutto dal fuoco nel 1943, la prima versione del quadro andò distrutta. Hofer cominciò subito a ridipingerla basandosi su una riproduzione fotografica. “Nel marzo del 1943 – ricorda il pittore – durante il più grave raid aereo su Berlino, il mio studio andò a fuoco insieme a tutti i quadri ed oggetti che mi collegavano al mio passato. Quattro giorni più tardi ero di nuovo davanti al cavalletto, nel mio appartamento, che tuttavia venne distrutto dal fuoco nel novembre dello stesso anno.”

In un ambiente da incubo, scabro e cupo, cui il titolo allude, quattro figure maschili si muovono incongruamente come fantasmi al ritmo di un tamburo percosso da un quinto uomo. L’atmosfera è opprimente: nessuna via d’uscita appare visibile, né del resto i quattro manifestano l’intenzione di cercarla. Ci appaiono come reclusi di un carcere le cui celle, chiuse all’esterno, si aprono tuttavia una sull’altra; finestre di differenti dimensioni aumentano il senso di inquietante intrappolamento. Completamente tagliati fuori dal mondo esterno, gli uomini qui reclusi ne sono diventati anonimi abitatori.

Una figura alta e scura si erge controluce sullo sfondo della finestra come a bloccarne la vista, in un atteggiamento che, come del resto quello degli altri, rivela un che di forzato. Posture e sguardi sembrano provenire da uno stato di trance, che rende ciascuno di questi uomini estraneo agli altri ed allo stesso tempo coinvolto in un comune destino, riguardo al quale il mesto “tamburino” sembra voler annunciare qualcosa di ancor più funesto.


DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 







RIFLETTORI SU...


Marcel Duchamp,"Nu descendant l'escalier n.2"



 

 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.