home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura.
L'articolo più letto in Artonweb:"Il ritratto"
  FOCUS ON  
Libri
Michael Freeman, “La mente del fotografo”: cosa rende eccellente un'immagine, come evitare i cliché visuali, riconoscere gli stili e sviluppare un approccio personale al processo creativo.
Musei
Roma, nuovo museo d’arte moderna a Palazzo Merulana con opere della Scuola Romana, Novecento italiano, Futurismo e Realismo magico.

Concorsi
Modular Bookcase Design: progettare una libreria componibile, modulare, smontabile per il brand AlbaComponents. Consegna entro il 20 dicembre 2018.

Premi
Assegnato il premio World Press Photo 2018 al venezuelano Ronaldo Schemidt, la foto ritrae una manifestazione di protesta contro il presidente Nicolas Maduro.

In Italia
Milano, Palazzo Reale, "Picasso. Metamorfosi", grande antologica con 200 opere sul rapporto dell'artista con il mito e l’antichità. Dal 18 ottobre 2018 al 17 febbraio 2019.

All'estero
Parigi, Grand Palais, retrospettiva "Miró, le fauve catalan et le cubiste", 150 opere tra pitture, disegni, ceramiche e sculture. Dal 3 ottobre 2018 al 4 febbraio 2019.

  CERCA NEL SITO  

Pericle Fazzini, "La Resurrezione"
di Vilma Torselli
pubblicato il 22/05/2007
"La morte e la vita sono la medesima cosa, fanno parte dell'infinito mistero in cui gli uomini e i piccoli invisibili insetti hanno lo stesso peso, in un sempre più misterioso universo che non si logora mai".(Pericle Fazzini)
Pericle Fazzini (1913–1987) fu, nel panorama del '900, personalità poliedrica di artista globale, amico di poeti come Ungaretti, di artisti quali Guttuso, Birolli, Mafai, Pirandello, Afro Basaldella, con alcuni dei quali aderì a Fronte Nuovo, movimento aperto a tutti gli artisti che aspiravano a un deciso rinnovamento della cultura italiana, nel rispetto di posizioni personali anche contrastanti e nell'ottica di un costruttivo dibattito culturale: scrittore e scultore di grande sensibilità e di profonda spiritualità, in tutti i casi ed in tutti gli ambiti Fazzini appare mosso da una ineludibile aspirazione all’assoluto, al divino, a ciò che trascende le umane limitazioni.
Nella persuasione che l'uomo abbia con l'universo "un rapporto mistico e ascetico" e che tutta la sua vita riassuma "l'ansia e la promessa di un nuovo regno", Fazzini cerca di quell'uomo lo spirito invisibile ed etereo dando forma alla greve materia, al legno, al bronzo, al marmo, alla creta, inseguendo un’idea formale che è prima di tutto convinzione religiosa, nel senso filosofico del termine, fede profonda che nell’arte acquisisce concretezza, materialità ed immortalità.

"La Resurrezione" (1972-77), un grande bronzo di m. 20x7x3 collocato nella sala Nervi in Vaticano, per l’esecuzione della quale occorsero cinque anni, è la sua opera maggiormente nota e complessa sia dal punto di vista concettuale che strutturale, punto d’arrivo della sua carriera e acme della sua poetica, l’espressione più immediata e più aderente alla sua idea di scultura, che si concretizza attraverso un linguaggio fortemente plastico, a tratti inquietamente espressionista, mosso e fluido, libero e dinamico.

Giunge qui all’apice la nuova concezione dinamica della figura, con echi barocchi e romantici, e la nuova percezione spaziale che costituiscono i tratti salienti del linguaggio di Fazzini, declinato per masse plastiche fortemente aggettanti in un impianto di complessa articolazione nel quale non viene mai meno la sicura padronanza della materia e la rigorosa coerenza del discorso.

L’insieme ha l’aspetto di un’esplosione della materia, di un caos primordiale nel quale è impossibile distinguere e scindere la moltitudine degli elementi naturalistici che si intrecciano e si confondono, rocce, rami, sterpi, radici, dai quali emerge distinguibile una figura umana centrale.

La composizione tende verso l’alto, metafora di una ricerca del divino alla quale l’uomo non si può sottrarre, allargandosi a ventaglio in una progressiva compenetrazione con lo spazio circostante percorsa da un vibrante moto ascensionale che trova la sua massima espressione nella figura del Cristo risorgente, tema centrale e protagonista al quale tutta la composizione è funzionale.
In un gesto che sottolinea anche simbolicamente l’ascesa al cielo, il Cristo allarga ed eleva le braccia, le dita aperte nell’aria, la chioma e la barba mosse in un movimento asimmetrico che le alleggerisce sollevandole con una irreale ventata.
Le membra affusolate, le pieghe dell’abito tormentate dal fitto andamento lineare, le carni mosse dalla struttura ossea che si intravvede al di sotto della pelle sottile e tesa nei riflessi bronzei, l’espressione del volto scavato chiusa su una profonda sofferenza interiore, tutto contribuisce a conferire alla composizione un’impronta di grande ascetismo e di severa spiritualità: è l’espressione di un dolore cosmico nel quale Pericle Fazzini riconosce il destino del Cristo e di ogni uomo, in quella dolente visione del mondo che lo porta a scrivere: "La morte e la vita sono la medesima cosa, fanno parte dell'infinito mistero in cui gli uomini e i piccoli invisibili insetti hanno lo stesso peso, in un sempre più misterioso universo che non si logora mai".


DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 








RIFLETTORI SU...


Jean-Paul Riopelle "Diamond"



Pittore, grafico e scultore, è uno dei più grandi artisti canadesi contemporanei, inquadrabile in una corrente ......continua

 

 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.