home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura. In Artonweb l'articolo più letto: L'automobile, mito futurista.
  FOCUS ON  
Libri
Donald Thompson , “Lo squalo da 12 milioni di dollari. La bizzarra e sorprendente economia dell'arte contemporanea”, marketing, brand, psicologia, economia ma anche arte e aneddoti su artisti, galleristi e collezionisti.
Musei
Parigi, Fluctuart, primo museo galleggiante di arte urbana al mondo, ancorato nel porto del quartiere di Gros Caillou, ai piedi del Pont des Invalides.

Concorsi
Pachino (SR), concorso per la progettazione a Noto della sede della Banca di Credito Cooperativo. Consegnail 20 gennaio 2020.

Premi
Assegnato all’architetto giapponese Arata Isozaki il Premio Pritzker 2019.

In Italia
A Roma, nel Chiostro del Bramante, la mostra "Bacon, Freud, la Scuola di Londra".
Fino al 23 febbraio 2020.

All'estero
Londra, alla National Gallery "The Credit Suisse Exhibition: Gauguin Portraits", retrospettiva sulla ritrattistica di Gauguin. Fino al 26 gennaio 2020.

  CERCA NEL SITO  

Il Tonalismo
di Vilma Torselli
pubblicato il 10/04/2007
Una forma pittorica che affida al colore ed alle variazioni dell’intensità luminosa la definizione volumetrica, plastica e spaziale dell'immagine.
Il tonalismo è una forma pittorica nella quale la definizione volumetrica, plastica, spaziale, viene espressa attraverso la luce ed il colore ed attraverso le sfumature e le modulazioni visive prodotte dalla variazione dell’intensità luminosa: metodo fortemente innovativo basato su procedimenti tonali e sui rapporti di intensità cromatica, nel ‘400 sostituisce la tradizionale impostazione rinascimentale basata sul rigore dell’impaginazione prospettica che era in grado di comporre in unità d’insieme i vari elementi della rappresentazione.
Giorgione e Tiziano ne sono i rivoluzionari inventori, così come il Veneto, patria di Giambellino e Tiepolo, Giovanni Bellini e Lorenzo Lotto, appare la sede più adatta ad ospitare questa nuova sperimentazione tecnica, poiché da sempre la sua produzione artistica si distingue per una particolare sensibilità cromatica, di matrice orientale-bizantina.
Il contrasto luce-ombra, e quindi l'effetto tridimensionale, è ottenuto nella pittura tonale attraverso i vari toni del colore, diversi, nella stessa forma, per le zone in ombra e quelle in luce, tenendo conto della varietà degli effetti percettivi indotti dall'accostamento di colori differenti, sfruttato per conferire all'immagine profondità e dinamismo.

Nell’arte moderna, il tonalismo caratterizza in particolare il Primordialismo plastico, nel quale il tono del colore assume la funzione di "determinante plastica" sia delle forme del dipinto che della luce atmosferica nella quale si collocano, in questo caso si parla di tonalismo romano per indicare l'area geografica nella quale vengono organizzate le prime importanti mostre del gruppo (Capogrossi, Cagli, Cavalli ecc), nell'ambito della più vasta corrente culturale che va sotto il nome di Scuola di Roma.
Cuore del tonalismo romano è una piccola galleria, la Galleria della Cometa, allestita nel 1935 grazie al mecenatismo della contessa Mimi Pecci-Blunt, che funge da coagulo per molti artisti di ogni parte d'Italia, come Afro Basaldella, che si avvicina al tonalismo attraverso una personale interpretazione di matrice veneta (era nato a Udine).
Inaugurata con una mostra di disegni di Corrado Cagli alla presennza di Bottai, rappresentante del regime ed amico della contessa, la Galleria apre due anni dopo una succursale a New York, ma viene poco dopo chiusa per motivi politici.

Il tonalismo moderno, "quello che impasta, per concrezioni e penombre, la luce del mondo con la materia delle cose", come lo definisce Flavio Caroli in un suo scritto sulla pittura di Pietro Longhi, è il filo conduttore della pittura impressionista, dell'Orfismo di Delaunay, dell'opera di Géricault, Corot, Courbet, Degas, Constable, Turner, Monet, artisti per i quali il disegno passa in subordine al colore, che basta da solo a definire forme ed atmosfere, in assenza di segno di contorno.

Si impone con il tonalismo un nuovo modo di rapportarsi con il mondo esterno, una nuova visione della realtà che, senza il filtro del disegno che la fissa e la definisce, diviene più fluida e sfuggente, soggettiva, venata di intimismo, non più immagine del mondo, ma riflesso dell'interiorità.

William Turner, "The Slave Ship"


DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 







RIFLETTORI SU...

Georg Baselitz
"The gleaner"





 

 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.