home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura. In Artonweb l'articolo più letto: L'automobile, mito futurista.
  FOCUS ON  
Libri
Donald Thompson , “Lo squalo da 12 milioni di dollari. La bizzarra e sorprendente economia dell'arte contemporanea”, marketing, brand, psicologia, economia ma anche arte e aneddoti su artisti, galleristi e collezionisti.
Musei
Parigi, Fluctuart, primo museo galleggiante di arte urbana al mondo, ancorato nel porto del quartiere di Gros Caillou, ai piedi del Pont des Invalides.

Concorsi
Pachino (SR), concorso per la progettazione a Noto della sede della Banca di Credito Cooperativo. Consegnail 20 gennaio 2020.

Premi
Assegnato all’architetto giapponese Arata Isozaki il Premio Pritzker 2019.

In Italia
A Roma, nel Chiostro del Bramante, la mostra "Bacon, Freud, la Scuola di Londra".
Fino al 23 febbraio 2020.

All'estero
Londra, alla National Gallery "The Credit Suisse Exhibition: Gauguin Portraits", retrospettiva sulla ritrattistica di Gauguin. Fino al 26 gennaio 2020.

  CERCA NEL SITO  

Strapaese
di Vilma Torselli
pubblicato il 26/03/2007
Un movimento di scissione da Novecento, che celebra i valori dell'Italia contadina e provinciale nel nome di una tradizione nazionale di impronta popolare.
Strapaese è il nome di un movimento sia letterario che pittorico, del terzo decennio del ‘900, che si propone di affermare gli aspetti positivi dell’Italia contadina e provinciale, custode dei veri valori umani e culturali legati alla tradizione nazionale.
Il fascismo, che proprio in quegli anni si trasforma in regime, cavalca l’onda, appoggiando il movimento ed il periodico toscano “Il Selvaggio” di Mino Maccari (oltre che la rivista letteraria “La Ronda”), fautori di una campagna a favore degli ideali di cattolicità e tradizionalismo che coincidono con le direttive politico-sociali del regime: tra gli aderenti a Strapaese i nomi più prestigiosi sono Leo Longanesi, Mino Maccari, Ardengo Soffici e Ottone Rosai.

La grande mostra che Margherita Sarfatti organizza nel ’26 alla Permanente di Milano per il gruppo di Novecento, vede le prime defezioni proprio negli aderenti a Strapaese, salvo l’eccezione di alcuni che partecipano ugualmente, a denunciare una frattura interna che si radicalizza nel ’30, quando sempre la Sarfatti predispone, per dare al suo gruppo un respiro europeo, una mostra alla Kunsthalle di Basilea e Berna, occasione per rinfocolare la polemica scissionista.

La posizione di Strapaese, popolaresca e nazionalista seppure in buonafede e con lodevoli intenzioni, è decisamente revisionista e conservatrice, caratterizzata da una difesa della tradizione che rapidamente diventa sciovinismo, autarchia culturale e chiusura mentale non solo nei confronti dell’Europa, ma addirittura di alcuni ambiti nazionali, con spiccato carattere di regionalismo.
Questo arroccamento attorno al nazionalismo italico e rurale è tipico della cultura fascista, che sempre tentò di ottenere il più ampio consenso anche strumentalizzando in modo propagandistico gli intellettuali dell’epoca, cercando di coinvolgerli in un processo revisionista e svuotare così di significato le rivendicazioni avanguardiste.

Tuttavia Strapaese riuscì, entro certi limiti, ad esercitare un’azione di fronda dall’interno del regime, grazie soprattutto alla vena sarcastica ed antiborghese dell’opera di Maccari ed alla corrosiva arguzia di Longanesi, che senza esplicite prese di posizione politica, riuscirono a conservare margini di libertà ed indipendenza che li pongono al di fuori dalla retorica della cultura fascista.


DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 







RIFLETTORI SU...

Georg Baselitz
"The gleaner"





 

 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.