home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura. In Artonweb l'articolo più letto: La linea curva
  FOCUS ON  
Libri
L’arte nel cesso. Da Duchamp a Cattelan, ascesa e declino dell'arte contemporanea” di Francesco Bonami: all'arte contemporanea non bastano più le idee che cercano di essere una più rivoluzionaria dell'altra perché ha esaurito il suo potere di stupire.
Musei
A Serra San Quirico (AN), Nuovo Museo di arte contemporanea per celebrare i 20 anni del Premio Ermanno Casoli ed esporre le opere di tutti i vincitori fino ad oggi.

Concorsi
Pontenure (PC), concorso per un progetto pilota di arredi urbani lungo i cammini storici del tratto piacentino della via Francigena e del Cammino di San Colombano.

Premi
Mies van der Rohe 2019, premio biennale per l'architettura assegnato dalla UE, premiati Lacaton & Vassal architectes, Frédéric Druot Architecture e Christophe Hutin Architecture.

In Italia
Matera, la mostra "Salvador Dalí- La Persistenza degli Opposti", nel Complesso Rupestre di Madonna delle Virtù e San Nicola dei Greci. Fino al 30 novembre 2019.

All'estero
Parigi, al Musée National Picasso-Paris "Picasso, Obstinément Méditerranéen", il Mediterraneo nella vita e nelle opere di Pablo Picasso. Fino al 6 ottobre 2019.

  CERCA NEL SITO  

Zona d'ombra
di Ignazio Fresu
pubblicato il 16/06/2011
Una terra di nessuno al confine tra gli artisti legati al mercato e quelli che ne sono esclusi, dove si collocano molti artisti contemporanei.
Ignazio Fresu, "Ombre", installazione scultorea in vetroresina

Esiste una zona d’ombra, una sottile linea di demarcazione che a prima vista potrebbe apparire incerta e confusa, dove si collocano molti artisti contemporanei, una terra di nessuno al confine tra quegli artisti legati al mercato e quelli che ne sono esclusi.

La questione tra queste due tipologie dove l’una discredita l’altra, è antica e pone in conflitto due tesi. La prima che considera gli artisti e le loro opere Arte solo se il mercato – attraverso il collezionismo e tutti i suoi veicoli quali i critici, i curatori, le gallerie, i musei e le case d’asta - li decreta tali in qualità di giudice inappellabile. Ed un’altra che invece vede in quegli artisti ignorati dal sistema ufficiale, una pregiudiziale esclusione a causa della loro appartenenza politica, delle loro forme espressive e tecniche esecutive impiegate, ma soprattutto per l’assenza di amicizie qualificate. E, mentre i primi competono per conservare la posizione, gli altri, pur criticando aspramente i primi, in ansia di rivalsa e di rivincita, aspirano ad entrare a far parte di quel sistema di mercato.

In Italia assistiamo in questi anni ad un tentativo di restaurazione storiografica dell’arte, ad un revisionismo critico prepotentemente istituzionalizzato nella gestione del Padiglione Italia della precedente Biennale di Venezia del 2009 curato da Luca Beatrice e Beatrice Buscaroli e recentemente, con ancora maggiore evidenza, in quest’ultima edizione 2011 di Vittorio Sgarbi dove migliaia di artisti che da sempre si erano sentiti finora ingiustamente esclusi, trovano in questa occasione, interessato sostegno nella speranza di riscatto.
Queste due posizioni descritte, in realtà non sono in antitesi perché in definitiva hanno lo stesso obiettivo: il riconoscimento da parte del mercato dell’arte.

Esiste un’altra condizione in contrapposizione ad entrambe le tesi, una zona d’ombra che non è mai presa in considerazione costituita da quegli artisti che in totale autonomia dal mercato e dal vigente sistema dell’arte, per libera scelta si sono auto esclusi non cercando o impegnandosi con mercanti e gallerie d’arte, mantenendo una sostanziale indipendenza.

C’è chi l’uva cui non arriva la dice acerba, ma anche chi l’uva non vuole.

Ci si domanderà per quale motivo le gallerie d’arte rinuncino ad un potenziale profitto trascurando questi artisti ricalcitranti. In passato è già avvenuto altre volte, ma gli artisti sono poi sempre stati “ricondotti a ragione”. Oggi le gallerie d’arte pongono come requisito principale per investire su un’artista non più le sue opere in quanto tali, ma la volontà dell’artista di appartenere a quel mondo. Metro insindacabile di giudizio, in un mondo sovraffollato di candidati, è la capacità di questi di farsi largo sgomitando e calpestando gli altri artisti concorrenti ed innanzitutto, di aderire incondizionatamente alle esigenze di un mercato che oltre a determinare valore economico, determina anche quello artistico. Condizione imprescindibile alla speculazione è consacrarsi interamente al mercato anche se, come si è visto - o forse proprio per questo - il sistema economico può essere drogato, ne abbiamo avuto recente esperienza con la recessione di questi anni causata dalle speculazioni finanziarie.

Succede che gli unici spazi di emersione - escludendo ovviamente le gallerie affitta-camere e similari che sopravvivono esclusivamente speculando sugli artisti stessi - potrebbero essere quelli messi a disposizione dagli organismi istituzionali. Di fatto le strutture espositive sono economicamente così impoverite che per sopravvivere, la loro gestione è asservita alle regole imposte dal mercato. Le gallerie d’arte usufruiscono degli spazi espositivi pubblici trasformandoli in prestigiose show room dove hanno campo libero per dettare condizioni ed imporre i loro artisti, in cambio di finanziamenti.

Gli artisti che scelgono di non aderire a questo sistema scelgono la loro libertà e la libertà dell'arte. Per un mondo dell'Arte senza zone d'ombra.

Ignazio Fresu


DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 







RIFLETTORI SU...

Carlo Carrà,
"La Galleria di Milano"


 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.