home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura. In Artonweb l'articolo più letto: La linea curva
  FOCUS ON  
Libri
L’arte nel cesso. Da Duchamp a Cattelan, ascesa e declino dell'arte contemporanea” di Francesco Bonami: all'arte contemporanea non bastano più le idee che cercano di essere una più rivoluzionaria dell'altra perché ha esaurito il suo potere di stupire.
Musei
A Serra San Quirico (AN), Nuovo Museo di arte contemporanea per celebrare i 20 anni del Premio Ermanno Casoli ed esporre le opere di tutti i vincitori fino ad oggi.

Concorsi
Pontenure (PC), concorso per un progetto pilota di arredi urbani lungo i cammini storici del tratto piacentino della via Francigena e del Cammino di San Colombano.

Premi
Mies van der Rohe 2019, premio biennale per l'architettura assegnato dalla UE, premiati Lacaton & Vassal architectes, Frédéric Druot Architecture e Christophe Hutin Architecture.

In Italia
Matera, la mostra "Salvador Dalí- La Persistenza degli Opposti", nel Complesso Rupestre di Madonna delle Virtù e San Nicola dei Greci. Fino al 30 novembre 2019.

All'estero
Parigi, al Musée National Picasso-Paris "Picasso, Obstinément Méditerranéen", il Mediterraneo nella vita e nelle opere di Pablo Picasso. Fino al 6 ottobre 2019.

  CERCA NEL SITO  

Inestinguibile, inesauribile
di Alessandro Tempi
pubblicato il 23/10/2007
Il campo pittorico come luogo di convergenza e di pluralità, di richiami e di rinvii, di immediatezza e di riflessione, officina inesauribile dell'interiorità.

Spesso l'arte si manifesta come una sorta di convocazione di tutto ciò che non si può estinguere e di questo "inestinguibile" essa si pone come la traccia inequivoca o come lo spazio entro cui, nella libertà che le è propria, tutto può essere contenuto: scrittura e figura, colore e geometrie, materie e trasparenze, memorie ed evocazioni. Il campo pittorico può diventare luogo di convergenza e di pluralità, di richiami e di rinvii, di immediatezza e di riflessione, officina inesauribile dell'interiorità.
Per Alejandro Fernàndez Centeno, pittore peruviano da pochi anni stabilitosi in Italia, la pittura è il racconto di un viaggio interiore, lo dipanarsi di un intreccio di suggestioni della memoria e dell'esperienza, in parte legato al suo paese d'origine, ma per altra cospicua parte determinato dalla trama stessa del vivere.
Dice di sé: "Fino a undici anni ho vissuto sulle Ande." - è nato infatti ad Ayacucho nel 1969 - "Da bambino vivevo qual silenzio che è solo della montagna, spezzato dall'eco del vento corre fra l'erba e giocavo fra le rovine dei templi…L'antica pietra e le sue forme non erano un mistero, ma una dimensione quotidiana che è riaffiorata, con naturale prepotenza, quando mi sono trasferito a Lima" (dove ha studiato arti plastiche presso la Scuola Superiore di Belle Arti, per poi trasferirsi in Italia). E quel silenzio è rimasto una costante della sua cultura e della sua esperienza artistica. Silenzio per lui significa pausa, significa memoria e attesa, significa interiorità, significa ascolto. Di questa personale prassi del silenzio Fernàndez Centeno ha fatto uno degli elementi portanti del suo fare pittorico.
Il linguaggio della sua pittura, infatti, appare fortemente gestuale, ma al tempo stesso profondamente meditativo e aperto all'ascolto - "L'attesa chiarisce la meta", ama dire del suo personale modo di procedere sulla tela -.
Sospinto talora verso esiti elegantemente informali, questi linguaggio pittorico sembra scaturire dalla consapevolezza di quanto sia labile e ambiguo il confine tra arte e vita e di come i contenuti narrativi ed intimi delle opere possano costituire suggestioni evocative di valore universale. L'andamento diaristico-memorialistico che caratterizza potentemente questa pittura e che è espresso da un impianto compositivo ampio ed articolato, da una progettualità aperta e disponibile alle più diverse suggestioni, riconferma ancora una volta l'inesauribilità e perfino l'imprescindibilità del linguaggio pittorico, che si fa portatore ed interprete del vissuto, del percorso interiore attraverso il quale il filo dell'esistenza individuale si rimette alla forza dell'immagine.


DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 







RIFLETTORI SU...

Carlo Carrà,
"La Galleria di Milano"


 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.