home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura. In Artonweb l'articolo più letto: La linea curva
  FOCUS ON  
Libri
L’arte nel cesso. Da Duchamp a Cattelan, ascesa e declino dell'arte contemporanea” di Francesco Bonami: all'arte contemporanea non bastano più le idee che cercano di essere una più rivoluzionaria dell'altra perché ha esaurito il suo potere di stupire.
Musei
A Serra San Quirico (AN), Nuovo Museo di arte contemporanea per celebrare i 20 anni del Premio Ermanno Casoli ed esporre le opere di tutti i vincitori fino ad oggi.

Concorsi
Pontenure (PC), concorso per un progetto pilota di arredi urbani lungo i cammini storici del tratto piacentino della via Francigena e del Cammino di San Colombano.

Premi
Mies van der Rohe 2019, premio biennale per l'architettura assegnato dalla UE, premiati Lacaton & Vassal architectes, Frédéric Druot Architecture e Christophe Hutin Architecture.

In Italia
Matera, la mostra "Salvador Dalí- La Persistenza degli Opposti", nel Complesso Rupestre di Madonna delle Virtù e San Nicola dei Greci. Fino al 30 novembre 2019.

All'estero
Parigi, al Musée National Picasso-Paris "Picasso, Obstinément Méditerranéen", il Mediterraneo nella vita e nelle opere di Pablo Picasso. Fino al 6 ottobre 2019.

  CERCA NEL SITO  

Luca Bellandi
di Alessandro Tempi
pubblicato il 10/10/2007
La pittura come una sorta di chiamata o di appello a qualcosa che è celato e/o disperso nella memoria, nel vissuto, nell’interiorità, nella condizione stessa del vivere.
Luca Bellandi, " To be continued ", acrilico, cm. 100 x 120
L’ arte” ha detto una volta Schnabel “è un’altra dimensione del pensiero”. In pittura questo pensiero si manifesta spesso nel rappresentare cose, oggetti, segni, secondo un’evidenza che non pretende – né forse si illude - di costruire un discorso more geometrico, ma solo di adunare forme, che sono poi ciò di cui il suo linguaggio è propriamente fatto. Le forme ovviamente parlano, ma spesso non dicono di se stesse, rappresentano semmai qualcosa di più interiore e primitivo che solo la pittura fa scaturire. Un filosofo, del resto, ha detto che solo l’arte lascia essere.

La pittura di Luca Bellandi risulta da una sorta di chiamata o di appello a qualcosa che è celato e/o disperso nella memoria, nel vissuto, nell’interiorità, nella condizione stessa del vivere. Essa scaturisce attraverso un procedimento espressivo estremamente libero e disinvolto, in cui l’incompiutezza, il frammentismo diventano elementi di stile. Un linguaggio leggiadro ed aperto, dunque, ma capace di creare atmosfere con una sapienza misurata che sa accordare gli elementi compositivi (pennellata, colore, forma) a quelli puramente visivi.

Di questa pittura, infatti, protagonista è la cosa – oggetto, abito, animale, fiore – che campeggia con la forza di un improvviso hic et nunc apparentemente incompiuto, ma che proprio da questa incompiutezza trova la sua ragion d’essere. Come a dire che l’incompiutezza è la nostra condizione di umani, sulla cui evidenza possiamo esercitare solo azioni memoriali o associative.

Sotto un’apparenza negligente e svagata, insomma, la pittura di Luca Bellandi insinua il dubbio dell’indecifrabilità delle cose ed è quindi sottilmente eversiva di quelle gerarchie di significati che siamo soliti assegnare a ciò che vediamo.

Che questo dubbio sia a suo modo fascinoso, che questa eversività sia aerea e giocosa è il frutto non ambiguo di un’ironia alla quale il pittore sa assoggettare a sua arte. Mai prendersi troppo sul serio, sembra dire con la saggezza della legèreté.


DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 







RIFLETTORI SU...

Carlo Carrà,
"La Galleria di Milano"


 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.