home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura. In Artonweb l'articolo più letto: La linea curva
  FOCUS ON  
Libri
L’arte nel cesso. Da Duchamp a Cattelan, ascesa e declino dell'arte contemporanea” di Francesco Bonami: all'arte contemporanea non bastano più le idee che cercano di essere una più rivoluzionaria dell'altra perché ha esaurito il suo potere di stupire.
Musei
A Serra San Quirico (AN), Nuovo Museo di arte contemporanea per celebrare i 20 anni del Premio Ermanno Casoli ed esporre le opere di tutti i vincitori fino ad oggi.

Concorsi
Pontenure (PC), concorso per un progetto pilota di arredi urbani lungo i cammini storici del tratto piacentino della via Francigena e del Cammino di San Colombano.

Premi
Mies van der Rohe 2019, premio biennale per l'architettura assegnato dalla UE, premiati Lacaton & Vassal architectes, Frédéric Druot Architecture e Christophe Hutin Architecture.

In Italia
Matera, la mostra "Salvador Dalí- La Persistenza degli Opposti", nel Complesso Rupestre di Madonna delle Virtù e San Nicola dei Greci. Fino al 30 novembre 2019.

All'estero
Parigi, al Musée National Picasso-Paris "Picasso, Obstinément Méditerranéen", il Mediterraneo nella vita e nelle opere di Pablo Picasso. Fino al 6 ottobre 2019.

  CERCA NEL SITO  

Abitare poeticamente l’ambiente
di Alessandro Tempi
pubblicato il 18/12/2006
Intorno all'architettura, conta ancora quello che diceva Heidegger a proposito del "costruire", vale a dire che "il costruire non è soltanto mezzo e via per l'abitare...è già in sé stesso un abitare" [1]








A partire infatti dall'analisi esistenziale sviluppata da Heidegger, che riconduce ogni manufatto alla dimensione dell'essere temporale dell'uomo, il concetto dell'abitare diventa un'interrogazione sul senso del nostro esistere, e quindi implicitamente del nostro fare, all'interno delle strutture materiali che hanno costituito e costituiscono il mondo degli uomini.

L'essenza dell'abitare come tratto fondamentale dell'essere dell'uomo, del "soggiornare dei mortali sulla terra" riappare poi nella conferenza "...Poeticamente abita l'uomo..." [2], che Heidegger dedica alla parola poetica di Hölderlin.

In essa Heidegger avverte: "è il poetare che, in primissimo luogo, rende l'abitare un abitare. Poetare è l'autentico far abitare (...) Noi abitiamo poeticamente ? Probabilmente noi abitiamo in un modo completamente impoetico (...) Il fatto che abitiamo in modo impoetico, e fino a che punto, lo possiamo esperire in ogni caso solo se sappiamo il poetico. Un rovesciamento di questo abitare impoetico, se e quando accadrà, possiamo sperarlo solo se manteniamo l'attenzione rivolta al poetico. Come e fino a che punto il nostro fare e non fare possa aver parte in questo rovesciamento possiamo provarlo solo noi stessi, se prenderemo sul serio il poetico".

E' a partire dal confidente ascolto del poeta tedesco che Heidegger invita e persino ammonisce a prendere sul serio il poetico, un'istanza, questa, che discende dalla cognizione del poetare non come volo fantastico col quale abbandonare la terra per il cielo, bensì come il ricondurre l'uomo sulla terra, restituendolo all'essenza propria dell'abitare.

Verso la fine della conferenza, Heidegger definisce il senso autentico dell'ascolto, che è un cor-rispondere alla parola di Hölderlin. Ma prima egli ha rievocato il distico in cui si dice che l'uomo "poeticamente abita…su questa terra", guardando in alto verso i divini:
"Il guardare in alto supera la distanza che sta fra noi e il cielo, e rimane tuttavia quaggiù sulla terra. Il guardare in alto misura tutto il 'frammezzo' che sta fra cielo e terra. Questa misura (...) la chiameremo ora la 'dimensione' (...) Essa non è originata dal fatto che la terra e il cielo sono volti l'una verso l'altro. Anzi, il loro essere rivolti l'una verso l'altro si fonda a sua volta nella dimensione. L'abitare dell'uomo sta in questo misurare-disporre la dimensione guardando verso l'alto (...) Il misurare-disporre è la poeticità dell'abitare. Poetare è un misurare (...) Solo l'uomo muore, e ciò continuamente, fino a che dimora su questa terra, fino a che abita. Ma il suo abitare consiste nella poeticità. Hölderlin vede l'essenza del poetico nella presa-di-misura, mediante la quale si compie la misurazione-disposizione dell'essenza umana".

Se il ri-condurre l'uomo sulla terra (il poetico) significa ri-portarlo all'autenticità, "abitare poeticamente" significa allora essere toccato dalla vicinanza dell'essenza delle cose. Questa vicinanza però non ci proviene da una conquista; al contrario è un dono. E' ciò che si ottiene avvicinandoci umilmente all'essenza vera delle cose. Attraverso la Poesia, per esempio, o l'Arte. La verità che si apre nella poesia è infatti qualcosa che ci proviene (non a caso Heidegger parla continuamente di ascolto della parola poetica) e che noi non costruiamo. E' un dono, insomma, esattamente come l'ambiente nel quale esistiamo: noi costruiamo nell'ambiente, ma l'ambiente non è ciò che costruiamo. Ecco perché, ricorda Vattimo, c'è quell'avversativa - "tuttavia" - tra il "pieno di merito" e "poeticamente abita l'uomo". "Pieno di merito" vuol dire: certamente l'uomo abita sulla terra, costruendo case, producendo automobili, ascensori per facilitarsi l'esistenza, per difendersi dai pericoli della natura, e così via; tuttavia , dice Hölderlin, l'uomo "abita poeticamente".

C'è qualche cosa, alla base di tutto questo operoso e pratico darsi da fare da parte dell'uomo, che non è attività, ma è ricezione, passività, grazia, dono appunto. Tutta la Poesia e l'Arte trovano la loro radice in quel "tuttavia", nell'opposizione tra l'attività utile, produttiva, pratica, di cui gli esseri umani hanno merito, e il trovarsi nel mondo disponendo di una via di accesso alle cose, che non è il risultato del nostro pratico darci da fare, che non è interamente costruita da noi, ma che è comunque alla base stessa di tutti i nostri meriti pratici.

[1] Martin Heidegger, "Costruire abitare pensare" - in "Saggi e discorsi", Mursia, Milano 1976, che, secondo Fulvio Papi, rimane ancora il testo filosofico più letto dagli architetti.
[2] Cit.


DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 







RIFLETTORI SU...

Carlo Carrà,
"La Galleria di Milano"


 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.