home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura. Il più letto in Artonweb: fotografia
  FOCUS ON  
Libri
American Art 1961-2001 la storia dell'arte moderna negli Stati Uniti tra due momenti decisivi della storia americana, la guerra del Vietnam e l'attacco alle Torri Gemelle.
Musei
Milano, apre il Museo delle Illusioni, con incredibili installazioni, illusioni visive, giochi e rompicapi.

Concorsi
Concorso artistico Lucca Biennale Cartasia 2022, tema conduttore di questa edizione “The white page” (pagina bianca), le infinite possibilità per gli artisti di raccontarsi tramite le opere in carta.

Premi
I vincitori del Premio Pritzker per l'architettura 2021 sono Anne Lacaton e Jean-Philippe Vassal: talento, visione e impegno per migliorare la vita delle persone.

In Italia
Al Palazzo Ducale di Genova, dal 9 settembre 2021 al 20 febbraio 2022 grande mostra di Maurits Cornelis Escher.

All'estero
Parigi, all’Espace Lafayette-Drouot "The World of Bansky”, su 1200 mq. esposte un centinaio di opere del più famoso street artist del mondo. Fino al 31 dicembre 2021.

La Scuola di Düsseldorf 
di Vilma Torselli
pubblicato il 14/9/2021
L’8 novembre 2011 la gigantesca fotografia di "Rhein II", aggiudicata per la cifra di 4.338.500 dollari, diventa la foto più costosa della storia.

“……Ciò che vediamo non è ciò che vediamo, ma ciò che siamo”, scrive Pessoa, la magia della fotografia sta nel fatto che basta esercitare lo sguardo e, come ci insegna la filosofia, problematizzare l’ovvio, per trovare lo speciale nel banale, l’immagine è autopoietica, si crea negli occhi di chi guarda, infiniti occhi ed infinite letture, e tutte sono giuste.

La storia delle immagini ci ha abituati a vederne l’evoluzione verso una sempre più fedele mimesi della realtà, la pittura figurativa ha sempre incorporato nel suo linguaggio espressivo i progressi tecnologici (la pittura tonale dell’olio dei fiamminghi, le regole della prospettiva del rinascimento, la camera oscura di Caravaggio ecc.) ma la pittura subisce un irreparabile trauma alla nascita della fotografia, che riproduce la realtà meglio di chiunque e di sempre. Non a caso, l’arte visiva si inventa l’astrattismo, l’informale, il concettuale, perché l’iconografia, il racconto, la mimesi sono morti per sempre.

L’avvento della fotografia a colori registra una inversione di tendenza, anziché venire accolta come l’innovazione che permette una maggior adesione alla realtà colorata del mondo che ci circonda, sembra rappresentare una forzatura, una aggettivazione inutile e gratuita, come se il b/n avesse già saturato l’immaginario collettivo in tutti i modi possibili, come se, per la prima volta, evoluzione tecnologica ed evoluzione del linguaggio espressivo non si muovessero in parallelo e il colore fosse una opportunità accessoria, non indispensabile, a volte disturbante.
Paradossalmente siamo più propensi a ritenere artificiosa e manipolata una foto a colori (troppo spettacolare, troppo irreale, troppo falsata) piuttosto che una in b/n, che tuttavia sappiamo già nascere come falsa rappresentazione acromatica di una realtà policroma.

Il b/n semplifica, in un certo senso, la lettura dell’immagine, poiché la gamma dei parametri di riferimento è ridotta rispetto a quelli della scala cromatica, che per questo lascia meno spazio all’elaborazione soggettiva, il b/n è un inganno dei sensi che accettiamo senza metterlo in discussione, ci piace essere ingannati perché solo così possiamo entrare in una dimensione inaccessibile alla ragione (quella del sogno).

L’introduzione trae spunto da un avvenimento reale: l’8 novembre 2011 è stata battuta all'asta da Christie's la gigantesca fotografia di Andreas Gursky "Rhein II" aggiudicata per la cifra di 4.338.500 dollari, diventata quindi la foto più costosa della storia. L’immagine, stampata nel 1999 , è una monumentale fotografia del fiume Reno che misura 190 per 360 cm, la seconda fotografia di un set di sei immagini.
Va detto che Dusseldorf è la città che tra il 1976 e il 1997 ha rappresentato un polo di eccellenza della produzione fotografica non solo tedesca e un centro di formazione professionale e artistica di altissimo livello anche grazie alla docenza di Hilla e Bernd Becher.
Da allora Gursky si dedica al grande formato e si converte alla fotografia a colori, immortalando preferibilmente soggetti di grandi dimensioni. Nello specifico la foto riproduce una veduta del Reno pesantemente ritoccata dove sono stati digitalmente cancellati tutti gli elementi del contesto, la visione del fiume così ottenuta è più adatta di quella vista in loco per rappresentare quel corso d’acqua.

L’intenzione del fotografo non è tanto quella di produrre una fotografia credibile, anzi Gursky non se ne preoccupa minimamente, nella consapevolezza che un’immagine è sempre una parte (non credibile) di un tutto che non si può rappresentare e quindi mente sempre, ma Gursky non vuole ‘mentire’ ricorrendo ad un sotterfugio digitale, anzi vuole che chi guarda la foto si renda conto che l’elaborazione rende meglio della visione diretta l’idea di un fiume ‘moderno’ (questo era il tema del suo servizio fotografico).
La rappresentazione deve essere credibile, non la foto la quale non ha alcun obbligo col reale, il fotoritocco serve non per mentire, ma per supportare una precisa scelta poetica perché la visione del fiume così rappresentato è effettivamente più significativa della visione dal vero e piu consona a rappresentare un corso d’acqua particolarmente presente nell'immaginario collettivo del popolo tedesco quale il Reno.
Gli artisti della Scuola di Dusseldorf seguiranno percorsi  autonomi con personali approcci concettuali sviluppando un proprio peculiare linguaggio iconografico.
Varrebbe anche la pena di considerare il background culturale di Gursky e le sue relazioni con la pittura di Anselm Kiefer e con i miti tedeschi del fiume Reno e della selva germanica, nonchè l'apparteneza alla "Scuola di Düsseldorf ", forse il movimento più significativo della fotografia contemporanea, con chiari richiami alla Bauhaus della Repubblica di Weimar che inaugurò quindici anni di grande fervore intellettuale in una sostanziale libertà di espressione in cui nacquero i principali movimenti artistici tedeschi.

La Nuova Oggettività
La Scuola di Dusseldorf. Fotografia contemporanea tedesca

 


DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 







RIFLETTORI SU...



Lucian Freud,
"Reflection" (self portrait)

 

 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.