home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura. Il più letto in Artonweb:fotografia
  FOCUS ON  
Libri
Massimo Recalcati, "Il mistero delle cose. Nove ritratti di artisti", l'arte alla luce della psicanalisi per "far esistere il miracolo della pittura".
Musei
Milano, nuovo Museo di Arte Etrusca con un’incredibile sala ipogea creata dallo studio Mario Cucinella Architects.

Concorsi
III edizione del concorso di fumetto e illustrazione “Sensuability & Comics”, per informare e sensibilizzare sul tema della sessualità e della disabilità attraverso l'arte.
Scadenza 15 gennaio 2021.

Premi
La Giuria di In/arch, presieduta dal filosofo e allievo di Gillo Dorfles, Aldo Colonetti, ha conferito all’unanimità il Premio alla Carriera a Giuseppina Grasso Cannizzo.

In Italia
Cuneo, mostra nella Chiesa di San Francesco "E luce fu", opere di Giacomo Balla, Lucio Fontana, Olafur Eliasson, Renato Leotta.
Fino al 14 febbraio 2021.

All'estero
Ai musei d'Orsay e dell'Orangerie una mostra con una sessantina di dipinti e circa quaranta disegni, dedicata al cosiddetto “periodo Renoir” di René Magritte, dal 10 febbraio al 21 giugno 2021.

Ferrara, Gaetano Previati, "Oltre la cornice
di Vilma Torselli
pubblicato il 01/04/2020
Alla scoperta dei legami di Gaetano Previati, simbolista e divisionista, con il Futurismo italiano.

Ferrara, città natale di Gaetano Previati, a 100 anni dalla morte gli dedica una grande mostra monografica: "Oltre la cornice” il titolo dell’esposizione a cura di Chiara Vorrasi, organizzata da Vittorio Sgarbi in qualità di presidente della Fondazione Ferrara Arte.

Gaetano Previati (1852-1920), divisionista con connotazioni fortemente simboliste, utilizza il linguaggio divisionista (aderisce al movimento nel 1889) per esprimere, in chiave allegorica, personali istanze spirituali.
Convinto che per l'artista "la speranza di ritrovare nel mondo esterno il quadro già composto e che resista tanto che egli abbia la comodità di copiarlo" non si presenti mai, Previati rinuncia ad un'arte che sia contraffazione del vero per un'arte che, abbandonato il mondo fenomenico, sia espressione dello spirito vitale, dell'afflato interiore, attraverso l’opportuno utilizzo del colore e della luce, o meglio del colore luminoso, della forma intrisa di luce, della linea ondulata ed elegante, ad andamento serpentino, una delle caratteristiche principali del Liberty italiano, in antitesi con i rigidi canoni classici.

Con un linguaggio espressivo libero, fantasioso, naturale e spontaneo attento alle motivazioni psicologiche che dirigono il suo operare, autore anche di scritti teorici sulla possibilità che l'arte esprima la sensibilità interiore dell'artista e che la tecnica prescelta sia il mezzo per trasmetterla a chi osserva l'opera, Previati annette molta importanza alla ricerca tecnica, alle basi scientifiche del fenomeno ottico-visivo, tipica la sua pennellata densa e filamentosa che increspa la superficie della tela con una fitta trama materica, catturando la luce, accendendo il colore, spesso accostato al suo complementare, alla maniera impressionista, nel rispetto delle leggi di Chevreul (1838) sull'interazione dei colori adiacenti.
Tecniche sviluppate anche da Helmhotz e da Rood, in base alle quali i divisionisti elaborano l'uso di colori puri e complementari, divisi, appunto e non mescolati fra loro, in distinte pennellate che l'occhio dell'osservatore fonde in vibrazioni cromatiche luminose.

La mostra vuole riscoprire i rapporti dell’artista con il Futurismo, che riconobbe in lui un precursore e un padre spirituale, ruolo che gli riconobbe anche Umberto Boccioni condividendolo con pochi altri artisti contemporanei quali Giovanni Segantini, Medardo Rosso e Giorgio de Chirico.
Esposte una sessantina di opere, alcune concesse in prestito da collezioni pubbliche e private, tra i capolavori più noti dell’artista: in apertura un bozzetto del dipinto “Gli ostaggi di Crema” del 1879, e poi "Fumatrici di oppio", "Cleopatra", "Colline liguri", "Vie del commercio", "La ferrovia del Pacifico" a chiusura del percorso espositivo, e inoltre dipinti a tema religioso, paesaggi, illustrazioni e importanti documenti inediti.

Ferrara (Emilia-Romagna)
Castello Estense, Largo Castello
Gaetano Previati, "Oltre la cornice
fino al 07/06/2020

 


DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 







RIFLETTORI SU...



Fernand Léger
"Donna in blu"




 

 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.