home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura. Il più letto in Artonweb:fotografia
  FOCUS ON  
Libri
Massimo Recalcati, "Il mistero delle cose. Nove ritratti di artisti", l'arte alla luce della psicanalisi per "far esistere il miracolo della pittura".
Musei
Milano, nuovo Museo di Arte Etrusca con un’incredibile sala ipogea creata dallo studio Mario Cucinella Architects.

Concorsi
III edizione del concorso di fumetto e illustrazione “Sensuability & Comics”, per informare e sensibilizzare sul tema della sessualità e della disabilità attraverso l'arte.
Scadenza 15 gennaio 2021.

Premi
La Giuria di In/arch, presieduta dal filosofo e allievo di Gillo Dorfles, Aldo Colonetti, ha conferito all’unanimità il Premio alla Carriera a Giuseppina Grasso Cannizzo.

In Italia
Cuneo, mostra nella Chiesa di San Francesco "E luce fu", opere di Giacomo Balla, Lucio Fontana, Olafur Eliasson, Renato Leotta.
Fino al 14 febbraio 2021.

All'estero
Ai musei d'Orsay e dell'Orangerie una mostra con una sessantina di dipinti e circa quaranta disegni, dedicata al cosiddetto “periodo Renoir” di René Magritte, dal 10 febbraio al 21 giugno 2021.

PREMIO ARTURO GHERGO 2021
Spazio Ghergo - Montefano
dal 18/04/2021 al 16/05/2021
A cura di Fulvio Merlak, Claudio Pastrone e Giorgio Tani, ‘Gli anni della Dolce Vita’ rivivono in 66 fotografie in bianco e nero scattate da alcuni tra i maggiori fotografi italiani tra la fine degli anni ’50 ed il 1968.
COMUNICATO STAMPA
Il primo evento in programma del Premio di Fotografia Arturo Ghergo 2021 è la mostra ‘Gli anni della Dolce Vita’, ideata e realizzata dalla FIAF e curata da Fulvio Merlak, Claudio Pastrone e Giorgio Tani.

L’esposizione raccoglie 66 fotografie in bianco e nero scattate da alcuni tra i maggiori fotografi italiani tra la fine degli anni ’50 ed il 1968.
Le immagini sono state organizzate in due parti: la prima dal titolo "La Dolce Vita" è un accenno allo starsystem dell’epoca con fotografie scattate a Fellini, De Sica, Pasolini, Mastroianni e Sophia Loren, passando negli atelier di alcuni grandi sarti, da fotografi come Garolla.

L’altra parte è dedicata al contraltare di quella vita brillante e mondana: è un decennio di grandi cambiamenti anche in seguito all’emigrazione di massa dal Sud Italia – bianco e incrinato, povero.

Ecco quindi sguardi sul Meridione che guarda al Settentrione del nostro Paese con l’illusione che il Nord industriale conduca a una migliore condizione di vita.

La mostra è un cammino, una memoria collettiva per immagini, un racconto visivo di quegli anni straordinari che hanno visto cambiare la nostra società.
************
I primi cinquant’anni del ‘900, in cui Arturo Ghergo (1901-1959) vive ed opera, rappresentano in Europa uno dei periodi più turbolenti di tutta la storia dell’arte, dilaniato da due guerre, attraversato dalle intemperie dell’espressionismo, dai voli metafisici del surrealismo, dalle intemperanze del futurismo, è un periodo di destabilizzazione ed opposizione in cui l’arte esce dagli studi dei pittori e scopre la vita. 
Roberto Rossellini, Luchino Visconti, Vittorio De Sica, Giuseppe De Santis rivoluzionano il cinema italiano, che abbandona gli studi di Cinecittà per andare nelle strade, fra la gente, per lanciare inediti messaggi sociali attraverso storie di quotidianità, di disagio, di povertà attraverso i volti di attori non professionisti presi dalla strada, lontani anni luce dai divi ritratti da Ghergo: è il neorealismo italiano, fenomeno circoscritto ad un breve periodo della vita di una piccola nazione che, però, diventerà una pietra miliare nella storia del cinema mondiale...... continua
Montefano (MC)
Spazio Ghergo, Piazza Bracaccini 
dal 18 Aprile al 16 Maggio 2021.

 


DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 







RIFLETTORI SU...



Fernand Léger
"Donna in blu"




 

 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.