home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura. Il più letto in Artonweb:fotografia
  FOCUS ON  
Libri
Massimo Recalcati, "Il mistero delle cose. Nove ritratti di artisti", l'arte alla luce della psicanalisi per "far esistere il miracolo della pittura".
Musei
Milano, nuovo Museo di Arte Etrusca con un’incredibile sala ipogea creata dallo studio Mario Cucinella Architects.

Concorsi
III edizione del concorso di fumetto e illustrazione “Sensuability & Comics”, per informare e sensibilizzare sul tema della sessualità e della disabilità attraverso l'arte.
Scadenza 15 gennaio 2021.

Premi
La Giuria di In/arch, presieduta dal filosofo e allievo di Gillo Dorfles, Aldo Colonetti, ha conferito all’unanimità il Premio alla Carriera a Giuseppina Grasso Cannizzo.

In Italia
Cuneo, mostra nella Chiesa di San Francesco "E luce fu", opere di Giacomo Balla, Lucio Fontana, Olafur Eliasson, Renato Leotta.
Fino al 14 febbraio 2021.

All'estero
Ai musei d'Orsay e dell'Orangerie una mostra con una sessantina di dipinti e circa quaranta disegni, dedicata al cosiddetto “periodo Renoir” di René Magritte, dal 10 febbraio al 21 giugno 2021.

Candida Ferrari

Nata a Parma, Candida Ferrari fin dagli anni della formazione accademica ha instaurato un profondo rapporto con Milano. Allieva di Guido Ballo sente vicino al suo ancor sconosciuto percorso Atanasio Soldati su cui svolge la tesi. Inizia l’indagine cromatica e geometrica nella suggestione malevitchiana e con lo sguardo rivolto a Kandisky e al Bauhaus. Aderisce ai movimenti di Arte Concettuale e Cinetica dell’area milanese negli anni ‘70 proponendo il suo pensiero nel panorama culturale di Parma, molto attiva in quegli anni fra teatri di ricerca e gallerie attente ai nuovi passaggi artistici. Nel 1983 Candida Ferrari propone gestualità essenziali nel calco invisibile del plexiglas, evidenziati dal curatore Roberto Tassi, come scelte senza ritorno propositive di una riorganizzazione del percorso svolto. Gianni Cavazzini attento osservatore al lavoro dell’artista, scandisce per fasi creative la relazione tra il linguaggio scenico e il limite del supporto. In tal senso Candida Ferrari porta la ricerca scenico-cromatica nei confini del bianco e della sua luce. Estraniata dalla tela e proiettata in ambienti urbani caratterizzati storicamente, come lo stadio di Domiziano a Roma e piazza Cesare Battisti di Parma, la luce d’arte di Candida Ferrari è la possibilità per cogliere l’oltre o l’invisibile del luogo attraverso l’immaterialità del media.

L’installazione è il linguaggio che meglio rappresenta la poetica di Candida Ferrari, sintesi di delicato equilibrio tra pittura e scultura, tra morbidezza e forza, tra matericità e lievità, tra rigidità e flessibilità, con un’attenzione sensibile e raffinata verso i valori anche tattili dei materiali ed una capacità del tutto peculiare nell’integrare in un discorso trasversale, omogeneo e complesso, spunti diversi e distanti (“i lavori di Ferrari, al di là di come si presentano alla vista, ora come quadri, ora come sculture, ora come installazioni, esprimono tutti un’essenza, un fondamento." scrive di lei Giorgio Bonomi).

I materiali divenuti ormai cifra fondamentale nella produzione artistica di Candida Ferrari, sono principalmente il plexiglas e l’acetato (è solita usare anche pvc, gomma, rame, foglia d’oro, bitume) unitamente ai colori acrilici, sempre e solo due le marche impiegate, una per i colori, l’altra per il bianco.
Con questi mezzi elettivi si è connotato negli anni lo “stile” di Candida Ferrari, (“le opere di Candida sono “dipinte” di “trasparenza”, scrive ancora Giorgio Bonomi), uno stile che vuole affermarsi, per dichiarazione esplicita dell’interessata e per necessità di un’adesione totale anche ai materiali del nostro tempo, inequivocabilmente “moderno”, come moderno è il materiale plastico impiegato, un materiale che, dice Candida Ferrari “ha interpretato il nostro secolo: lo odiamo, ma non possiamo farne a meno”: è questo il motivo per il quale l’artista lo preferisce al vetro, da sempre identificato come il simbolo stesso della trasparenza.

Ma non inganni l’impalpabile leggerezza delle luci, la lievità dei volumi attraversati dal colore, la flessuosità delle forme morbidamente avvolgenti: dietro tutto ciò c’è un sofferto corpo a corpo tra anima e materia, la lotta dell’idea che “cova in fondo - dice Candida Ferrari - e cerca faticosamente di passare dalla testa alle mani“, il lavoro attento e rigoroso di una fucina delle idee, in cui il plexiglas viene piegato e curvato con la fiamma, senza l’ausilio di alcuno stampo che ne faciliti la lavorazione, tagliato e sagomato a caldo, domato dalla mano ferma e forte di una donna del nostro tempo che ci insegna come il confronto senza mediazioni con ogni materia sia un passo fondamentale per arrivare al massimo dell’astrazione, alla luce, l’immateriale per eccellenza, che attraverso il colore, attraverso gli spazi dilatati dalla trasparenza del supporto, sublima la materia fino a farne testimonianza dell’invisibile.

sito personale di Candida Ferrari


DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 







RIFLETTORI SU...



Fernand Léger
"Donna in blu"




 

 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.