home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura. In Artonweb l'articolo più letto: L'automobile, mito futurista.
  FOCUS ON  
Libri
Donald Thompson , “Lo squalo da 12 milioni di dollari. La bizzarra e sorprendente economia dell'arte contemporanea”, marketing, brand, psicologia, economia ma anche arte e aneddoti su artisti, galleristi e collezionisti.
Musei
Parigi, Fluctuart, primo museo galleggiante di arte urbana al mondo, ancorato nel porto del quartiere di Gros Caillou, ai piedi del Pont des Invalides.

Concorsi
Pachino (SR), concorso per la progettazione a Noto della sede della Banca di Credito Cooperativo. Consegnail 20 gennaio 2020.

Premi
Assegnato all’architetto giapponese Arata Isozaki il Premio Pritzker 2019.

In Italia
A Roma, nel Chiostro del Bramante, la mostra "Bacon, Freud, la Scuola di Londra".
Fino al 23 febbraio 2020.

All'estero
Londra, alla National Gallery "The Credit Suisse Exhibition: Gauguin Portraits", retrospettiva sulla ritrattistica di Gauguin. Fino al 26 gennaio 2020.

  CERCA NEL SITO  

La malattia serve all'artista?
di Vilma Torselli
pubblicato il 21/04/2007
C'è un legame tra arte e malattia? Se sì, è utile alla produzione artistica?
L'arte è da sempre punto di incontro tra chi la produce e chi la fruisce, dimensione collettiva, terreno di scambio a valenza universale, totalità magmatica nella quale confluiscono molteplici esperienze individuali, indentità differenziate che nell'arte possono trovare comuni matrici emozionali.

Se parliamo specificatamente di arte visiva, e per di più di arte moderna, poichè " il linguaggio delle immagini, data la sua natura di linguaggio analogico, si presta meglio ad esplorare, o a comunicare, con l’inconscio delle persone...." (Francesco Morante, Novecento), e l'arte moderna ha scelto proprio di farsi mezzo di indagine e di manifestazione dell'inconscio, si può ipotizzare come lo stato di salute, inteso come benessere psicofisico in continuo equilibrio dinamico, o al contrario di malattia, entrambi determinanti dello stato interiore individuale, possano influenzare la possibilità, la capacità e la modalità di espletare un'attività creativa, nel caso specifico legata alla produzione di immagini.

Ma esiste un legame di interdipendenza tra malattia e creatività artistica, una correlazione diretta che possa farci affermare che la malattia, e di conseguenza la sofferenza fisico-psichica che l'accompagnano, siano condizione non sufficiente ma forse necessaria per la libera espressione delle potenzialità creative di un artista, possano essere elemento scatenante di un processo creativo destinato altrimenti a restare inespresso?

"Di che cosa abbiamo bisogno per produrre, secondo le nostre capacità, un’opera artistica o scientifica d’alto valore estetico e di forte impatto?": questa la domanda che si pone Luca Francesco Ticini, neurobiologo, vicepresidente fondatore del Comitato per la promozione delle neuroscienze di Trieste, membro dell’Institute of Neuroesthetics di Londra e Berkeley e della Società italiana di neuroscienze, della Società Italiana di Neuroestetica “Semir Zeki”, giungendo alla conclusione che alcune patologie possono influenzare in modo determinante sia la possibilità di estrinsecazione del potenziale creativo di un individuo, sia le modalità espressive secondo le quali egli lo materializza.

Sull'argomento Luca Francesco Ticini ha scritto "Elogio del dolore", sulle pagine del mensile online d'arte 'Stilearte'.
Ticini, che si occupa in particolare del binomio arte-neuroscienze, ha scritto anche di Neuroestetica, di Neuroscienze, di Sinestetica.

Nota biografica:

Luca Francesco Ticini, neurobiologo, è vicepresidente fondatore del Comitato per la Promozione delle Neuroscienze. È membro della Società Italiana di Neuroscienze e rappresentante dell'Institute of Neuroesthetics ­ Istituto di Neuroestetica di Londra (UK) e Berkeley (California). La passione per l'arte lo ha condotto al Wellcome Department of Cognitive Neurology (University College of London), per approfondire le relazioni fra le diverse espressioni artistiche e la fisiologia del cervello. Ticini ha tenuto seminari presso l'Università di Trieste, Istituti culturali e di divulgazione scientifica e presso l'Accademia delle Belle Arti di Reggio Calabria.È autore di numerosi articoli e saggi sui rapporti fra l'Arte e le Neuroscienze, nonché di testi critici per artisti e stilisti di fama. È ideatore e curatore della mostra itinerante 'Genialmente, l'arte del cervello'. L¹esposizione ha il supporto di Istituti scientifici internazionali, e nel comitato scientifico vi sono Semir Zeki, Manfredo Massironi e lo stilista Ottavio Missoni. Ticini ha inoltre ottenuto l'apprezzamento per l'originalità ed il valore scientifico dell'iniziativa dal Presidente della Repubblica Italiana.

link:
Arte, creatività, follia
Arte e malattia
Neuroestetica


DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 







RIFLETTORI SU...

Georg Baselitz
"The gleaner"





 

 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.