home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura. Il più letto in Artonweb:fotografia
  FOCUS ON  
Libri
Massimo Recalcati, "Il mistero delle cose. Nove ritratti di artisti", l'arte alla luce della psicanalisi per "far esistere il miracolo della pittura".
Musei
Milano, nuovo Museo di Arte Etrusca con un’incredibile sala ipogea creata dallo studio Mario Cucinella Architects.

Concorsi
Premio “Morlotti-Imbersago” per giovani pittori under 35 su un “soggetto” antico e insieme contemporaneo come quello del paesaggio e dell’ambiente naturale e umano. Scadenza 15 settembre 2021

Premi
La Giuria di In/arch, presieduta dal filosofo e allievo di Gillo Dorfles, Aldo Colonetti, ha conferito all’unanimità il Premio alla Carriera a Giuseppina Grasso Cannizzo.

In Italia
Al MUDEC di Milano, gli scatti di Tina Modotti, Donne Messico e Libertà .
Fino al 7 novembre 2021

All'estero
Al Center for Italian Modern Art di New York, Facing America: Mario Schifano 1960-65, la New York della Pop Art, il racconto del rapporto tra l’artista romano e la cultura americana di quegli anni.
Fino al 13 novembre 2021

Cento anni dalla nascita di Joseph Beuys
di Vilma Torselli
varie date
Sono trascorsi 100 anni dalla nascita di Joseph Beuys, artista complesso con alle spalle un vissuto avventuroso, eccezionale, eroico, da lui stesso definito sciamanico, dove arte e vita si identificano.
Essere uomo e artista significa intraprendere un percorso di conoscenza della realtà e di sé stesso avente come meta ultima la propria rinascita spirituale, la presa di coscienza dell'armonia dell’uomo con se stesso, con la vita e la natura.
In occasione dell’evento, varie le mostre a lui dedicate in Italia e in Germania.

Mantova, Casa del Mantegna.

La mostra "Joseph Beuys. Il Tamburo dello Sciamano”, espone opere, materiale documentario, video, oltre 100 esemplari di multipli e opere uniche provenienti da collezioni private e pubbliche ed è promossa dall’Associazione Culturale Flangini in collaborazione con la Provincia di Mantova.
La mostra è curata dal prof. Antonio d’Avossa, critico d’arte e docente emerito all’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano, già curatore di numerose esposizioni su Beuys in Europa e in America.
Circa 150 i documenti rari in mostra, manifesti firmati, cartoline, fotografie, una serie di video realizzati tra il 1964 e il 1986, una selezione di rari filmati, dodici tra silenziosi o sonori, di “azioni” e discussioni dell’artista, collocati in quattro differenti postazioni lungo il percorso espositivo.
La ricostruzione simbolica dell’incidente dell’aereo Stuka J-87 avvenuto in Crimea nel febbraio 1943 in cui fu coinvolto l’artista ripropone quella che è forse una leggenda, il suo salvataggio ad opera di nomadi tartari che lo salvarono grazie ad una medicina “sciamanica“ ricoprendo il suo corpo di grasso animale e avvolgendolo nel feltro.
La realizzazione di percorsi didattici, con “immersione” nella natura, si devono alla Cooperativa Alkémica sensibile ai temi dell’ambiente, dell’inquinamento e del rapporto tra uomo e natura.

Il percorso prevede anche la messa a dimora di una quercia nel giardino di Casa Mantegna in ricordo delle 7000 querce che l’artista piantumò a partire dal 1982 a Kassel durante la Documenta 7 del 1982 per il suo progetto di “Difesa della Natura”.

Mantova, Casa del Mantegna
Joseph Beuys. Il Tamburo dello Sciamano
via Acerbi 47
dal 19/06/2021 al 19/06/2021

Sito web per approfondire: http://www.casadelmantegna.it/

Napoli, Casa Morra

Unitamente al Goethe-Institut Neapel, Napoli rende omaggio a Joseph Beuys, a cento anni dalla nascita, allestendo la mostra “Beuys e Napoli” a cura di Giuseppe Morra, occasione per riflettere sull’eredità culturale lasciataci da questo artista tedesco che amava l’Italia e soggiornò a Napoli tra il 1971 e il 1985.

La mostra comprende una serie di 5 film dagli Archivi Mario Franco, regista napoletano a cui si deve la più completa documentazione filmica della collaborazione tra Lucio Amelio e Beuys a partire dal 1971. La programmazione si inaugura con Der Tisch, filmato donato da Beuys al regista napoletano nel formato originale in 16mm, che documenta una delle sue prime azioni all’Accademia di Düsseldorf (1971).
Una serie fotografica di Gerardo Di Fiore documenta l’incursione di Beuys nel contesto dell’azione “Hic Sunt Leones” (1972) del collettivo Galleria Inesistente, e offre una ampia veduta sulla realtà artistica e culturale napoletana tra gli anni sessanta e settanta.
Presente anche un filmato, una sorta di testamento, con l’ultima intervista all’artista tedesco sulla sua opera e sul suo legame con Napoli e l’Italia.
Aperto su prenotazione da martedì a venerdì, 10:00-17:00.

I film saranno proiettati tutti i mercoledì alle 18.00 su prenotazione (ad eccezione dei mesi di luglio e agosto) negli spazi degli Archivi Mario Franco

Napoli, Casa Morra, Archivio d’Arte Contemporanea
dall'11 maggio al 13 novembre 2021
 
https://www.casamorra.org                                                    

Düsseldorf

La mostra Everyone Is an Artist. Cosmopolitical Exercises with Joseph Beuys, è allestita nell’ala K20 della Kunstsammlung Nordrhein-Westfalen di Düsseldorf presso la collezione d’arte del Land tedesco dove l’artista è nato.
Il Museo di Dussendorf che ospita le correnti artistiche più importanti del ventesimo secolo e possiede i dipinti più famosi dell’espressionismo tedesco, del cubismo e del surrealismo, oltre a un gruppo completo di opere di Paul Klee, propone una riflessione sulla dimensione cosmopolita del pensiero e delle opere di Joseph Beuys

In occasione del primo centenario della nascita di Joseph Beuys che all’Accademia di Dussendorf ha insegnato per vent’anni, K20 allestisce una mostra in suo onore dal titolo "Ognuno è un artista. Esercizi cosmopolitici con Joseph Beuys".
Come nessun altro artista del suo tempo, Joseph Beuys ha collegato l'arte ai processi sociali, basta pensare ad alcune delle sue opere, come le 7000 querce piantate a Kassel, opera iniziata con documenta7 del 1982 e completata con documenta8 del 1987. Un intervento “verde” in tempi non sospetti che ha ridefinito lo spazio urbano, una scultura spazio-temporale unica al mondo che è diventata il simbolo della scultura sociale.

Düsseldorf
k20 kunstsammlung nordrhein-westfalen
Grabbeplatz 5, 40213
dal 27 marzo al 15 agosto 2021

https://www.kunstsammlung.de/en/exhibitions/joseph-beuys-jeder-mensch-ist-ein-kuenstler-en

link:
Joseph Beuys, "Gesso su ardesia con cornice in legno"
Spiegare l'arte?

 


DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 







RIFLETTORI SU...



Fernand Léger
"Donna in blu"




 

 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.