home
arte
architettura
arte moderna
art reader
fotografia
nuove tendenze
nonsoloarte
pillole
purezza formale
concorsi
eventi e mostre
artisti
collaborazioni
testi
links
contatti

  APPUNTI  
Testi e commenti di Vilma Torselli su Antithesi, giornale di critica d'architettura. In Artonweb l'articolo più letto: Cubismo analitico e Cubismo sintetico
  FOCUS ON  
Libri
Mauro Covacich, “L’arte contemporanea spiegata a tuo marito”, trenta artisti contemporanei con una delle loro opere più note, dall’orinatoio di Duchamp alla Merda d’artista di Manzoni.
Musei
Milano, nuovo Museo del Design, il più grande d’Europa, nel polo culturale di Porta Volta, con una galleria sempre aperta accessibile gratuitamente.

Concorsi
XI edizione del concorso fotografico URBAN Photo Awards, mostre fotografiche,Trieste Photo Days, premiazione, mostra dei vincitori e esposizioni delle migliori foto classificate.
Scadenza 31/05/2020.

Premi
Assegnato alle architette irlandesi Yvonne Farrell e Shelley McNamara il Pritzker Architecture Prize 2020 per l’attenzione alla specificità dell’ambiente urbano di riferimento.

In Italia
Milano, al Museo del novecento, antologica di “Carla Accardi, Contesti" a sei anni dalla sua scomparsa.
Fino al 30/8/2020.

All'estero
Basilea, alla Fondation Beyeler mostra dedicata ad Edward Hopper e il paesaggio americano.
Fino al 17/5/2020.

Metropolismo
di Vilma Torselli
pubblicato il 4/04/2007
"La pittura diventa pubblicità della pittura, chiamata a raccolta di immagini colte e oggetti status-symbol, nobilitati per la loro griffe ed abilitati a partecipare al nuovo banchetto iconografico." (Achille Bonito Oliva)
Il Metropolismo è un movimento di recente costituzione, fondato nel 1987 da Nico Paladini con la successiva adesione di Loredana Raciti, Pier Luigi Cesarini, Carlos Grippo, Mirko Pagliacci, mentre Achille Bonito Oliva ed Omar Calabrese ne costituiscono l'anima teorico-critica.

Come a suo tempo la Pop Art, il Metropolismo centra la sua attenzione sulla moderna comunicazione, soprattutto televisiva, per un'arte che non si propone come "altro" dalla quotidianità e dal nitore impersonale dell'immagine tecnologicamente prodotta, ma ne imita "neutralità, oggettività, e apparente semplificazione visiva" per appropriarsi dello stesso pubblico, al quale vengono offerte indifferenziatamente le stesse immagini iconografiche prive di introspezione e di profondità psicologica.

"Come lo spazio metropolitano assembla eventi e persone diverse tra loro e la televisione luoghi e personaggi lontani, cosi gli artisti del Metropolismo utilizzano intenzionalmente la pittura come luogo di condensazione di immagini superficialistiche che si danno all'occhio dello spettatore per la loro resa puramente visiva, per il loro decoro figurativo e il marchio di provenienza.
La pittura diventa pubblicità della pittura, chiamata a raccolta di immagini colte e oggetti status-symbol, nobilitati per la loro griffe ed abilitati a partecipare al nuovo banchetto iconografico
." ("Metropolismo, ostensible value", Achille Bonito Oliva)

Attraverso un linguaggio formale sostanzialmente tradizionale e figurativamente descrittivo, eccletticamente assembleista, in dialogo diretto con la fotografia e con i vari, moderni mezzi tecnologici, i metropolisti propongono la realtà urbana affollata dalle immagini spersonalizzate della pubblicità che trasforma gli oggetti in simboli collettivi di uno status symbol effimero, in continuo cambiamento, in costante adeguamento alle nuove religioni consumistiche, nell'aspirazione all'appartenenza ad una élite che detta le tendenze: è il trionfo dell'immagine avulsa dal suo significato originario, dell'esibizione visuale, dell'apparire anzichè dell'essere, non a caso Bonito Oliva titola un suo intervento "Metropolismo, i valori dell'apparente".
In un contesto sociale "continuamente bersagliato da immagini che si insediano irrazionalmente nella profondità dell'inconscio" ("Riflessioni sul Metropolismo", Nico Paladini), il risultato è un livellamento dei bisogni, dei gusti e della cultura "tra i diversi soggetti sociali, aiutati in un esasperato consumismo proprio dal levigato schermo televisivo che espone per tutti stessi produttori e stesse immagini" ("Metropolismo, ostensible value", Achille Bonito Oliva).

Rispetto alla Pop Art, con la quale sono evidenti i punti di contatto nell'adozione di un linguaggio fortemente contaminato, se non fotocopiato, dai modi comunicativi dei media e nell'attuazione di una premeditata provocazione culturale, il Metropolismo, all'interno del quale i singoli artisti adottano linguaggi indipendenti e diversi, si propone in termini di maggior criticità nei confronti della società, con una preoccupazione per l'esito estetico estranea alla Pop Art, almeno nelle intenzioni se non nei risultati, confermando che, nonostante tutto, gli artisti metropolisti vogliono "fare arte".

Se ci riescono, lo diranno i posteri.


DE ARCHITECTURA
di Pietro Pagliardini


blog di Efrem Raimondi


blog di Nicola Perchiazzi
 







RIFLETTORI SU...


Mauricio Amster
un manifesto della Guerra Civile spagnola





 

 
 

© Tutto il contenuto del sito è protetto dalle leggi sul Copyright.Tutti i diritti sulle immagini e sui testi pubblicati sono riservati agli autori e sia immagini che testi non possono essere riprodotti senza il loro consenso. Le immagini presenti tratte da internet hanno esclusiva funzione di documentazione ed informazione, mancando in via assoluta ogni finalità di lucro, nel rispetto dell'art. 70 comma 1 bis, L. 633/1941. Qualora la loro pubblicazione violasse diritti d'autore, esse verranno prontamente rimosse previa richiesta. Responsabile del sito: dr.arch. Vilma Torselli.